Essere contro il SISTEMA JUVE (non antijuventino) e' una questione morale: ECCO PERCHE'

(Milano)ore 23:34:00 del 27/06/2017 - Categoria: , Calcio, Editoria

Essere contro il SISTEMA JUVE (non antijuventino) e' una questione morale: ECCO PERCHE'

Se davvero l’avversione per la Juve è perfino un fatto morale, un’esigenza etica – e per noi di un’altra generazione è stato come combattere tutta la vita il potere della Democrazia Cristiana – l’interrogativo che oggi si impone è se questa passione civil

È un fatto morale

Se davvero l’avversione per la Juve è perfino un fatto morale, un’esigenza etica – e per noi di un’altra generazione è stato come combattere tutta la vita il potere della Democrazia Cristiana – l’interrogativo che oggi si impone è se questa passione civile possa essere coltivata (e conservata) anche dalle giovani generazioni. Molte delle cose che un tempo abbiamo ritenuto indispensabili non esistono più, o si sono trasformate in altro, e se hanno ceduto mille muri perché non potrebbe succedere anche con l’odio (sportivo) per la Juventus? Se dovesse accadere e dio non voglia, dovremmo aggiungere ai molti errori fatti anche questo e probabilmente sarebbe un giorno amaro.

Certo non possiamo pretendere che un ragazzo abbia subito la “luce” senza avere gli strumenti, è miracolo di pochi ottimati, per capirci, quei fondamentali che per noi (da milanista) sono stati ragione di vita, di gioco, di sberleffo e di sgavazzo (e ancora uno spaghetto sontuoso delibato l’altro giorno con il direttore Gallo ne è piena testimonianza). Rivediamoli insieme.

La barzelletta sull’arbitro e la Ritmo

Primo tra tutti la sudditanza arbitrale, che ha sempre viaggiato in parallelo alla storia della Fiat, l’impresa di famiglia. Nella sua vita sportiva la Juve ha dovuto sopportare un amaro contrappasso: non avere una dimensione internazionale – sino a non moltissimi anni fa nessuno in Europa ha mai considerato la Juventus e ancora oggi la questione rimane aperta – e patire terribilmente la dimensione nazionale, dove nessuno ha mai considerato i suoi successi come frutto esclusivo del sudore della fronte bianconera. 

Resta nei libri di scuola la barzelletta che ha accompagnato i nostri anni, dove un esagitato Trapattoni spinge dalla panchina la squadra svogliata urlando a squarciagola «Ritmo, ritmo!» sino al momento in cui l’arbitro, infastidito, ferma il gioco, va verso la panchina del Trap e pone la questione: «Ma non avevamo concordato una Delta?»

È stata una fortuna, se volete, che tutte le leggende sulla Juve che “maneggia” gli arbitri abbiano avuto piena definizione solo in epoca moderna, con il disvelamento pieno della Triade a trazione moggiana. Significa che la storia è stata sostanzialmente onesta e ha portato le sue prove – sotto forma di intercettazioni, schedine più o meno svizzere e tanto altro – a supporto della tesi fondamentale che ci ha fatto crescere sani e forti nella consapevolezza che la Juve non ha mai vinto semplicemente perché era più forte. Qualche additivo c’era.

Il balbettio al processo per doping

E a proposito di additivi, niente è stato più luminoso e umiliante del processo per doping a cui un visionario Zeman diede la stura con una memorabile intervista a L’Espresso. Il balbettio impaurito con cui i giocatori resero le loro deposizioni, gli avvitamenti del medico sociale, il senso di vergogna che avvolse tutta la vicenda, rinnovellarono i nostri antichi convincimenti togliendoci, se possibile, il piacere del bar sport, che rimane e rimarrà ancora e sempre il luogo più autentico del calcio, dove poter dire male, malissimo, di questo e di quello, ingiuriarne la storia e le persone, senza la necessità di portare le prove a conforto della propria tesi, solo impressioni, cicaleccio, corridoio, leggenda metropolitana, perchè non siamo in un’aula di giustizia ma solo al bar per raccontarci quattro cazzate e litigare furiosamente di calcio.

Ci hanno rovinato il bar sport

Ecco, un bel giorno la Juve tenta di rovinarci il nostro luogo del cuore, il bar dello sport, presentandoci le prove giudiziarie dei suoi misfatti, il nero su bianco, i magheggi acclarati, le pastette con tanto di verbale, il doping con tanto di cartella clinica. Questa sì che è stata la vera infamia bianconera, cercare di rovinarci il giocattolo che ci aveva fatto vivere in allegria per moltissimi anni.

Da: QUI

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
(Milano)
-

Un’operazione da 340 milioni e manca ancora la commissione per Mendes. I costi sono già aumentati con gli ultimi acquisti, la gestione si è un po’ stressata
La domanda è sempre la stessa: come farà la Juventus a consentirsi l’acquisto e...

Francesco Totti, tutte le opere d'umanita' di un CAMPIONE dentro e fuori dal campo
Francesco Totti, tutte le opere d'umanita' di un CAMPIONE dentro e fuori dal campo
(Milano)
-

“Ho speso molti soldi per alcool, donne e macchine veloci, il resto l’ho sperperato” disse una volta George Best, coniando una frase destinata a diventare il cliché del grande campione tutto genio e sregolatezza.
“Ho speso molti soldi per alcool, donne e macchine veloci, il resto l’ho...

Ronaldo alla Juve? Operai Fiat SENZA AUMENTI DA 10 ANNI
Ronaldo alla Juve? Operai Fiat SENZA AUMENTI DA 10 ANNI
(Milano)
-

“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni. Tutti gli stabilimenti sono in cassa integrazione”
“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni. Tutti gli stabilimenti sono in...

Calcio: la religione ufficiale di milioni di esseri umani.
Calcio: la religione ufficiale di milioni di esseri umani.
(Milano)
-

Nulla oggi mobilita tanto le masse come il calcio. Ogni volta che si disputa un Mondiale di calcio, i fenomeni sociali che si verificano e la trasformazione delle condotte di società intere richiamano fortemente l’attezione.
Nulla oggi mobilita tanto le masse come il calcio. Ogni volta che si disputa un...

ODE alla Spagna che mette al PRIMO POSTO il RISPETTO DELLE REGOLE
ODE alla Spagna che mette al PRIMO POSTO il RISPETTO DELLE REGOLE
(Milano)
-

«Lo abbiamo saputo soltanto cinque minuti prima del comunicato ufficiale», ha spiegato il presidente Luis Rubiales (41 anni, ripetiamo: 41 anni) in una conferenza stampa che dovrebbe essere presa ad esempio per un corso universitario su “come si sta al mo
«Lo abbiamo saputo soltanto cinque minuti prima del comunicato ufficiale», ha...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati