Entro 50 anni 6 milioni di italiani in meno

(Roma)ore 19:40:00 del 08/06/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Sociale

Entro 50 anni 6 milioni di italiani in meno

Una nazione sempre più vecchia, con un’aspettativa di vita in costante aumento mentre diminuisce costantemente il numero di nascite.

Una nazione sempre più vecchia, con un’aspettativa di vita in costante aumento mentre diminuisce costantemente il numero di nascite. E la tendenza è drammaticamente destinata a consolidarsi nei prossimi decenni. Uno scenario da incubo, quello tracciato dall’Istat nel suo rapporto sul futuro demografico dell’Italia.

“Si stima che in Italia la popolazione residente attesa sia pari, secondo lo scenario mediano, a 59 milioni nel 2045 e a 54,1 milioni nel 2065. La flessione rispetto al 2017 (60,6 milioni) sarebbe pari a 1,6 milioni di residenti nel 2045 e a 6,5 milioni nel 2065”, spiega l’istituto. A trainare le statistiche il centro-sud: “Il Mezzogiorno perderebbe popolazione per tutto il periodo”, sottolinea l’Istat, a tutto vantaggio del centro-nord (e dell’estero), dove al contrario il bilancio sarà positivo almeno per i primi trent’anni, ma che rischia di subire lo stesso destino nel periodo successivo.

Terribili i numeri del raffronto fra natalità e mortalità: se oggi il saldo è negativo per oltre 180mila unità, anche “le future nascite non saranno sufficienti a compensare i futuri decessi: dopo pochi anni di previsione il saldo naturale raggiunge quota -200 mila, per poi passare la soglia -300 e -400 mila nel medio e lungo termine”. Questo nonostante un probabile incremento della fertilità, “prevista in rialzo da 1,34 a 1,59 figli per donna nel periodo 2017-2065”, insufficiente però a compensare l’aumento della mortalità dovuto alla progressivo invecchiamento della popolazione.

Niente paura però, a “salvarci”, spiega sempre l’Istat saranno gli immigrati. “Si prevede che il saldo migratorio con l’estero sia positivo, mediamente pari a 165 mila unità annue (144 mila l’ultimo rilevato nel 2016), seppure contraddistinto da forte incertezza. Non è esclusa l’eventualità ma con bassa probabilità di concretizzarsi (9,1%) che nel lungo termine esso possa diventare negativo”. Senza troppi giri di parole: “Il saldo naturale della popolazione risente positivamente delle migrazioni. Sempre nello scenario mediano l’effetto addizionale del saldo migratorio sulla dinamica di nascite e decessi comporta 2,6 milioni di residenti aggiuntivi nel corso dell’intero periodo”.

Da: QUI

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
(Roma)
-

Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei crimini compiuti dell’Occidente. 
Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei...

Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
(Roma)
-

Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra promessa dove scorre latte e miele.
Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra...

Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
(Roma)
-

Stop ai corsi di italiano e alla formazione professionale. Non solo: via gli psicologi, ridotta al minimo la presenza di assistenti sociali, operatori culturali, medici e infermieri
Ogni ospite vedrà il medico per massimo 4 ore l’anno. L’infermiere, invece, non...

15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
(Roma)
-

Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le 08:40 in Italia, due terroristi a bordo di un’autocisterna carica di esplosivo attaccarono la base Maestrale a Nassiriya, in Iraq.
Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le...

Gli effetti della CRISI GRECA? HIV, DISTURBI MENTALI E SUICIDI
Gli effetti della CRISI GRECA? HIV, DISTURBI MENTALI E SUICIDI
(Roma)
-

La crisi greca esplode nel 2009: all’epoca come primo ministro si è appena insediato George Papandreou del Pasok, figlio di Andreas che risulta capo dell’esecutivo tra gli anni  Ottanta e Novanta e protagonista della vita politica successiva alla caduta d
La crisi greca esplode nel 2009: all’epoca come primo ministro si è appena...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati