Emoji come le parole: ora il cervello capisce l'ironia

(Torino)ore 22:45:00 del 24/04/2017 - Categoria: , Tecnologia

Emoji come le parole: ora il cervello capisce l'ironia

L'IRONIA espressa con le emoji ha lo stesso effetto di quella veicolata dalle parole? La risposta è ''sì''. E adesso c’è anche la conferma scientifica che arriva dall’Università dell'Illinois. Potrebbe sembrare scontato tanto siamo abituati all’uso delle

L'IRONIA espressa con le emoji ha lo stesso effetto di quella veicolata dalle parole? La risposta è 'sì'. E adesso c’è anche la conferma scientifica che arriva dall’Università dell'Illinois. Potrebbe sembrare scontato tanto siamo abituati all’uso delle faccine, ma i ricercatori non si fidano di gesti consolidati e tendono sempre a verificare, a dare evidenze oggettive

Ormai le emoji vengono utilizzate in maniera automatica nei nostri messaggi, per esprimere meglio ciò che pensiamo, per dare un tono al testo e, come in una conversazione  'dal vivo', ci permettono di far sorridere il nostro interlocutore virtuale. In sostanza, sono efficaci sfumature di un nuovo linguaggio, capaci di sopperire agli ammiccamenti e al potere evocativo delle parole accompagnate dalle espressioni del volto. Sono simboli, riconosciuti universalmente. Una sorta di 'esperanto tech' che non è lingua gelida e impersonale. Al contrario, sono in grado di ricreare i contorni di una comunicazione face-to-face, rendendo possibile la trasmissione a distanza di tutte le coloriture espressive.Dunque, il cervello interpreta l'ironia o il sarcasmo delle emoji nello stesso modo in cui interpreta il sarcasmo veicolato verbalmente. In soldoni, è questo il risultato dello studio condotto dai ricercatori del Dipartimento di Linguistica dell'università statunitense. "È come se il cervello, abituato a leggere le frasi in un modo, quando vede l'emoji aggiornasse la sua interpretazione per adattarla alle nuove informazioni", ha detto Benjamin Weissman, uno dei linguisti coinvolti nella ricerca. Gli studiosi hanno misurato l'attività celebrale degli studenti universitari madrelingua inglese durante la lettura di frasi che terminavano con emoji positive, negative o ironiche. Per esempio, l’affermazione "Sei un idiota", seguita da una faccina sorridente, accigliata e che strizza l'occhio. Gli studenti hanno risposto, poi, a domande sull'interpretazione delle frasi.

Le 'cavie' che hanno affermato di essere stati influenzati dalle emoji hanno mostrato attività cerebrali simili a quelle riscontrate, negli studi precedenti, attorno alla percezione del sarcasmo. La dimostrazione che le emoji non sono solo divertenti fronzoli dei nostri messaggi, ma hanno una robusta funzione comunicativa: informano sul significato e l'interpretazione delle nostre espressioni, proprio come farebbe un sorriso ammiccante o una strizzatina d’occhio in una conversazione reale.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Migliori app per fare palestra
Migliori app per fare palestra
(Torino)
-

Quando si parla di fitness tutti concordano sul fatto che esso, attraverso l'esercizio di una costante e corretta attività fisica, offre uno stile di vita salutare e dinamico che, indubbiamente, aiuta a migliorare sia l'aspetto fisico esteriore (contribue
Quando si parla di fitness tutti concordano sul fatto che esso, attraverso...

Ecco le dritte per far durare tantissimo la batteria degli smartphone!
Ecco le dritte per far durare tantissimo la batteria degli smartphone!
(Torino)
-

Con schermi sempre più grandi e una crescente richiesta di potenza, la batteria è diventata una delle caratteristiche più importanti per ogni smartphone moderno, oltre che per tablet e portatili.
Con schermi sempre più grandi e una crescente richiesta di potenza, la batteria...


(Torino)
-


Dopo tante indiscrezioni la "Facebook Tv" arriva davvero. Il social network da...

Submelius, occhio al nuovo virus in Italia
Submelius, occhio al nuovo virus in Italia
(Torino)
-

Gli utenti italiani sono sotto attacco hacker. Ma non si tratta di virus pericolosi come WannaCry o Petya, i due ransomware (il virus del riscatto che cripta i dati del computer e chiede dei soldi all’utente per sbloccare l’accesso ai documenti) che hanno
Gli utenti italiani sono sotto attacco hacker. Ma non si tratta di virus...

ZenFone AR, primo smartphone per la realta' aumentata di Google
ZenFone AR, primo smartphone per la realta' aumentata di Google
(Torino)
-

Non è una di quelle novità che lasciano a bocca aperta nell’immediato ma l’uscita del primo smartphone capace di far girare Project Tango e Daydream VR va vista nel lungo periodo.
Non è una di quelle novità che lasciano a bocca aperta nell’immediato ma...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati