Elezioni USA: cosa sapere

(Milano)ore 07:45:00 del 30/10/2016 - Categoria: Denunce, Esteri, Politica

Elezioni USA: cosa sapere

E io rabbrividisco al solo pensiero di un conflitto tra Stati Uniti e Russia, in Europa, con il rischio che vengano usate le armi atomiche.

 

Hanno parlato solo dei loro problemi senza affrontarne uno serio di tutti.Eppure al miliardario gli argomenti non mancano, senza paralre di cose che alla gente normale non interessa, perchè non ha chiesto per quale motivo Bill, il consorte della candidata democratica, ha abolito la Glass-Steagall Act nel 1999 che è stata l'origine di tutti i nostri mali?
Sono tutti uguali non se ne salva neanche uno.

Ma attenzione: i russi non sono un piccolo paese come l’Iraq, o un paese che può essere facilmente messo sotto pressione come qualunque piccolo paese occidentale. La Russia resta una grande potenza, dotata di una certa intelligenza e di un servizio di intelligence raffinato. E infatti le risposte che vediamo sono veramente fuori dagli schemi. Il problema è che questo disegno degli americani rischia di portare il mondo a una nuova guerra mondiale, a una guerra nucleare. Il rischio, purtroppo, è molto concreto. E io sono davvero preoccupato: se fino a oggi non ci siamo arrivati è perché la Russia è riuscita a mantenere i nervi molto saldi. Ma, mi chiedo: c’è davvero bisogno di spingerci fino a questo punto? La risposta, ovviamente, potete immaginarla.

I soldati italiani che saranno inviati al confine con la Russia? E’ gravissimo, ma purtroppo non è sorprendente. Renzi, che fa le sue sparate pubbliche contro l’Unione Europea e qualche tempo fa, anche con un certo coraggio, si era schierato con posizioni Hillary Clintonfavorevoli o simpatizzanti nei confronti della Russia, poi quando l’America ti dice (tramite la Nato) che bisogna mandare soldati in Lituania, Estonia, al confine con la Russia, non ha il coraggio di opporsi, perché alla fine chi comanda sono gli Stati Uniti – e nessun leader europeo, tranne poche eccezioni, ha il coraggio di dire no, di anteporre gli interessi nazionali. Questo è un altro aspetto che non viene dibattuto, e invece è molto significativo: per me questa decisione è scandalosa, perché ci espone al rischio di una rappresaglia diretta da parte della Russia, rischio che non possiamo permetteci di correre, e soprattutto lancia un messaggio sbagliatissimo: l’Italia è amica della Russia e deve evitare queste forme di provocazione. Purtroppo, invece, l’evidenza dimostra che, se Washington dice “bisogna che voi mandiate i soldati”, l’Italia poi china la testa e manda i soldati. Dovremmo veramente chiederci se tutto questo è davvero nel nostro interesse.

 

La Russia non ha fatto nulla per provocare gli Stati Uniti. Ma gli americani, nei loro disegni strategici, sono convinti che la Russia debba essere controllata. Sono convinti che, controllando lo spazio eurasiatico, possano mantenere la leadership nel mondo e mettere in un angolo la Cina. Putin non è un leader allineato. Inizialmente lo era; ma poi, quando l’America ha iniziato a occuparsi dell’Ucraina, si è reso conto che non poteva fidarsi degli americani ed è cominciata questa schermaglia, Renzi con militari italianiinizialmente verbale, e poi sfociata nelle sanzioni. Il vero obiettivo degli Stati Uniti è provocare l’uscita di scena di Putin: sostituirlo con un leader russo che sia in realtà molto amico degli Usa, come peraltro era Eltsin. E per far questo sono disposti a tutto: l’arma delle sanzioni, l’arma delle minacce.

Fra Donald Trump e Hillary Clinton io non mi chiedo chi è il migliore dei due, ma chi è il meno peggio, il meno pericoloso. Paradossalmente, conoscendo bene Hillary e vedendo i disastri che ha fatto in Libia, nel mondo arabo e in Siria all’inizio della guerra, quando era segretario di Stato, e sapendo che Hillary Clinton in realtà è una “neocon”, ovvero una rappresentante degli orientamenti del neo-conservatorismo estremo che ha guidato la politica Usa dal 2011 a oggi coi risultati disastrosi che vediamo, ebbene io dico che tra i due è molto meno rischioso Trump, non foss’altro perché vuole una distensione con la Russia, mentre Hillary – come Obama – preme per un conflitto con la Russia. E io rabbrividisco al solo pensiero di un conflitto tra Stati Uniti e Russia, in Europa, con il rischio che vengano usate le armi atomiche. E’ veramente una follia, e per questo penso che Trump sarebbe meno pericoloso di Hillary, che attraverso la Fondazione Clinton si è fatta finanziare dall’Arabia Saudita e dal Qatar, i due paesi arabi accusati di sostenere l’Isis.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
L'OZIO salvera' il mondo. Come godere del DOLCE FAR NIENTE
L'OZIO salvera' il mondo. Come godere del DOLCE FAR NIENTE
(Milano)
-

“L’idea che il povero possa oziare ha sempre urtato i ricchi”
Oziare non solo è bello, ma colora la vita dell’individuo, la riempie di poesia,...

GOVERNO DA QUERELARE REGALA I DATI SANITARI DEGLI ITALIANI ALLE MULTINAZIONALI STRANIERE
GOVERNO DA QUERELARE REGALA I DATI SANITARI DEGLI ITALIANI ALLE MULTINAZIONALI STRANIERE
(Milano)
-

Due articoli inseriti di soppiatto nella legge europea 2017 regalano i nostri dati sanitari alle multinazionali. Tutti i dettagli della nuova normativa
I nostri dati sanitari sono probabilmente quanto di più personale, privato...


(Milano)
-


Come sono lontani i tempi in cui tutto il mondo si emozionò dinanzi alla foto...

Gerusalemme capitale: Italia contro gli USA? MA FATECI IL PIACERE!!!!!
Gerusalemme capitale: Italia contro gli USA? MA FATECI IL PIACERE!!!!!
(Milano)
-

I rudimentali razzi di Hamas hanno prodotto poche decine di vittime dal 2000 ad oggi. I bombardamenti israeliani ne hanno provocate diverse centinaia, senza contare feriti e profughi
L'odio islamico per gli ebrei è nato proprio per l'imposizione, da parte...

I PESTICIDI FANNO PARTE DI TE! ECCO QUANTI NE INGERISCI OGNI GIORNO
I PESTICIDI FANNO PARTE DI TE! ECCO QUANTI NE INGERISCI OGNI GIORNO
(Milano)
-

Quanti pesticidi ci sono nel cibo che mangiamo? La famiglia D. ha deciso di scoprirlo.
Inizia così il video della seconda puntata de I pesticidi dentro di noi, una...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati