Economia notizie: come non pagare il canone Rai legalmente?

VERONA ore 14:13:00 del 09/10/2015 - Categoria: Economia, Guide

Economia notizie: come non pagare il canone Rai legalmente?

Economia notizie: come non pagare il canone Rai legalmente?Non pagare il canore Rai legalmente si può fare: ecco le procedure da seguire per non incappare in eventuali multe

Non pagare il canore Rai legalmente si può fare: ecco le procedure da seguire per non incappare in eventuali multe. E da quando Renzi ha deciso di inserirlo nella bolletta sono in migliaia a non voler pagare più.

Per non pagare il canore Rai legalmente ci sono 4 procedure particolari da seguire. Di seguito vi forniremo tutte le informazioni utili per non incappare in eventuali irregolarità.

Il 31 ottobre scadrà il termine ultimo per il pagamento del canone: ad adempiere al tributo sono stati coloro che hanno deciso di rateizzare semestralmente o trimestralmente la tassa sul servizio televisivo pubblico.

E sempre il 31 ottobre sarà anche l’ultimo giorno utile per non pagare il canone rai legalmente, sulla base di tre principi: esenzione, non possesso o disdetta.

NON PAGARE IL CANONE RAI LEGALMENTE – L’ESENZIONE

L’abolizione del canone RAI è prevista dalla legge per soggetti di età pari o superiore a 75 anni (Art. 1, comma 132, legge 24 dicembre 2007, n.244). Per avere diritto all’esenzione occorrono tre condizioni:

– aver compiuto 75 anni di età entro il termine di pagamento del canone;

– non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio;

– possedere un reddito che unitamente a quello del proprio coniuge convivente, non sia superiore complessivamente ad euro 516,46 per tredici mensilita’ (euro 6.713,98 annui).

La domanda di esenzione per gli anni 2008-2009-2010-2011-2012 deve essere presentata utilizzando il modulo di dichiarazione sostitutiva (ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) che può essere scaricato dal sito Internet dell’Agenzia delle Entrate (clicca qui per scaricarlo) oppure reperito presso gli uffici locali o territoriali della stessa presso gli sportelli delle sedi regionali della Rai. 

La domanda deve essere spedita tramite raccomandata al seguente indirizzo:

Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale I di Torino

Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T.

Casella postale 22 10121 – Torino (To)

oppure consegnata agli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.

Tutti i contribuenti interessati possono richiedere assistenza e informazioni sulle modalità di compilazione della dichiarazione e all’istanza di rimborso al numero 848.800.444 o presso gli uffici dell’Agenzia presenti su tutto il territorio nazionale.

Inoltre è a disposizione dei cittadini il Call Center Risponde Rai al numero 199.123.000.

Per avere diritto all’esenzione annuale per l’anno 2013 è necessario aver compiuto 75 anni (o un età superiore) entro il 31/10/15.

Coloro che intendono fruire del beneficio per la prima volta relativamente al secondo semestre dell’anno devono aver compiuto 75 anni di età entro il 31/10/15. Anche in questo caso l’Agenzia delle Entrate effettuerà i dovuti controlli per verificare le condizioni di età e di reddito.

La scadenza per la richiesta dell’esenzione è proprio il 31 ottobre.

NON PAGARE IL CANONE RAI LEGALMENTE – IL RIMBORSO

Nel caso in cui siano presenti i requisiti che descritti per l’esenzione ma si sia ugualmente pagato il canone Rai si ha diritto al rimborso.

La domanda di rimborso per gli anni 2008-2009-2010-2011-2012-2013, nel caso in cui siano presenti i requisiti, dovrà essere effettuata tramite l’apposito modulo che può essere scaricato dal sito Internet dell’Agenzia delle Entrate (clicca qui per scaricarlo) oppure reperito presso gli uffici locali o territoriali della stessa Agenzia delle Entrate o presso gli sportelli delle sedi regionali della Rai, unitamente alla dichiarazione sostitutiva ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, e successive modificazioni e integrazioni, che attesti il possesso dei requisiti e delle condizioni di ammissione.

La domanda deve essere spedita tramite raccomandata al seguente indirizzo:

Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale I di Torino

Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T.

Casella postale 22 10121 – Torino (To)

oppure consegnata agli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.

NON PAGARE IL CANONE RAI LEGALMENTE – IL NON POSSESSO O LA DISDETTA DELL’APPARECCHIO TV 

La modalità migliore e più semplice per non pagare il canone Rai legalmente è quello di non possedere un apparecchio televisivo o di disdirne il possesso.

Per iniziare una procedura di non possesso o di disdetta bisogna comunicare all’Agenzia delle entrate (Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T. Casella postale 22 – 10121 Torino), tramite raccomandata a.r., il mancato possesso di apparecchi televisivi (in seguito a furto, rottamazione, incendio…) o la disdetta degli stessi, tramite apposito modulo (clicca Facebookimagesnewcanoneraidichiarazionenonpossesso.pdf">qui per scaricarlo). Questa operazione costa 5,16 euro per ogni apparecchio da disdire.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Ndrangheta e massoneria manovrano l'Italia (e danno ordini ai politici)
Ndrangheta e massoneria manovrano l'Italia (e danno ordini ai politici)

-

Secondo il rapporto della Dna siamo di fronte a un complesso di emergenze significative, ancora di più che in passato, di una ‘ndrangheta presente in tutti i settori nevralgici della politica, dell’amministrazione pubblica e dell’economia.
La ‘ndrangheta, la camorra e la sacra corona unita arrivano alle istituzioni,...

Scandalo Vaticano, lobby maltese per business milionari!
Scandalo Vaticano, lobby maltese per business milionari!

-

Perché i migranti che spettano a Malta per vicinanza alla Libia insieme alla Tunisia li mandano tutti in Italia?
Perché i migranti che spettano a Malta per vicinanza alla Libia insieme alla...

Crisi banche venete? OCCASIONE PERFETTA PER LA GERMANIA
Crisi banche venete? OCCASIONE PERFETTA PER LA GERMANIA

-

«In caso di una crisi non risolta delle due banche venete che si sono recentemente trovate a navigare in cattive acque, gli effetti non sarebbero molto inferiori a quelli generati dal default della Grecia».
«In caso di una crisi non risolta delle due banche venete che si sono...

In pensione a 67 anni dal 2019: SENZA VERGOGNA!
In pensione a 67 anni dal 2019: SENZA VERGOGNA!

-

Prima di innalzare l età pensionistica ...dobbiamo tagliare gli sprechi, vitalizi e le super Pensioni (es Ventola 10000 mese ) e di chi ha versato pochi Contributi Perché non si fa un calcolo matematico inserendo la comparazione con Giudici, Generali dell
Prima di innalzare l età pensionistica ...dobbiamo tagliare gli sprechi,...

I partiti? Ci costano 160mila euro al giorno! (M5S compreso)...
I partiti? Ci costano 160mila euro al giorno! (M5S compreso)...

-

La Camera stanzia 32 milioni l’anno (50 mila euro a deputato), il Senato 21,3 milioni (67 mila euro a senatore). A ogni gruppo è assicurata una somma minima, che cresce in proporzione alla consistenza numerica.
Ogni giorno, sette giorni su sette, i gruppi parlamentari percepiscono 160 mila...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati