Ecco quanto costa agli italiani IL FOGLIO di Giuliano Ferrara!

(Milano)ore 11:07:00 del 23/04/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Editoria, Politica

Ecco quanto costa agli italiani IL FOGLIO di Giuliano Ferrara!

EDITORIA: 50 MILIONI, TANTO È COSTATO AGLI ITALIANI “IL FOGLIO” DI GIULIANO FERRARA. DICIASSETTE ANNI DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI PUBBLICI.

EDITORIA: 50 MILIONI, TANTO È COSTATO AGLI ITALIANI “IL FOGLIO” DI GIULIANO FERRARA. DICIASSETTE ANNI DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI PUBBLICI. Attraverso l'utilizzo di tutte le leggi messe in campo dalla presidenza del Consiglio a favore dei giornali. Prima creando un apposito partito. E poi costituendosi in cooperativaCerto, qualcosa al bilancio dello Stato è costato”:  ha detto un rilassato Giuliano Ferrara parlando del suo giornale “Il Foglio” davanti alla Commissione Cultura della Camera dei deputati  nell’ambito dell’esame della proposta di legge del Movimento 5 Stelle per l’abolizione del finanziamento pubblico all’editoria. Qualcosa? 50 milioni 899 mila 407 euro, ecco per l’esattezza quello che  “Il Foglio” di Ferrara è costato ai contribuenti a partire dal 1997, data in cui il giornale ha cominciato a riscuotere i contributi pubblici per l’editoria: 2 milioni 994 mila euro l’anno,  250 mila euro al mese, 8 mila euro al giorno. Per 17 anni. Una bella sommetta.

GIUSTIZIA E’ SFATTA
Nato da un’idea dello stesso Ferrara,  “Il Foglio”, da poche settimane diretto da Claudio Cerasa, si è sempre contraddistinto per i suoi azionisti di gran calibro: oltre il finanziere Sergio Zuncheddu (editore dell'”Unione Sarda”) e lo stampatore Luca Colasanto, l’ex moglie di Silvio Berlusconi, Veronica Lario e l’onorevole azzurro Denis Verdini, tra gli altri. Sin dalla prima ora si è attrezzato per accomodarsi al ricco banchetto dei contributi statali per l’editoria, partecipando alla spartizione della ricca torta. All’epoca, lo Stato già prevedeva, tramite la legge del 1990 sulla “Disciplina delle imprese editrici e provvidenze per l’editoria”, l’elargizione di sovvenzioni alle imprese editrici di quotidiani. E, tra queste, ai giornali organi di partito. E cosa ha fatto Ferrara? Ha creato un apposito movimento-partito di cui il suo quotidiano è diventato organo ufficiale: la “Convenzione per la Giustizia”,  fondata con gli allora amici-parlamentari Marcello Pera (Forza Italia) e Marco Boato (Verdi), con la quale si è garantito i requisiti  per accedere ai finanziamenti. Così, già nel 1997, al termine del primo anno di pubblicazioni, “Il Foglio” ha incassato la prima tranche di contributi statali:  222 milioni di lire, cioè 115mila euro circa.

SOLDI SOLDI
Dall’anno successivo il quotidiano ha iniziato a raccogliere somme più consistenti: secondo i dati forniti dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, nel 1998 sale a 6,3 miliardi di lire (pari a 3,25 milioni di euro). Stesso trend per il 1999 con 6,1 miliardi di lire (pari a 3,15 milioni di euro). Al ritmo di oltre 3 milioni di euro, si calcola che la trovata del giornale di partito ha consentito a Ferrara e al Foglio di percepire nei primi 5 anni qualcosa come 13 milioni e 600mila euro.

RICCHI E COOPERATIVI Dal 2001, poi, per potere continuare ad accedere al fondo speciale per l’editoria predisposto dalla Presidenza del Consiglio, “Il Foglio”, come molte altre testate, ha mutato la sua struttura giuridica, diventando una cooperativa. All’interno della legge finanziaria per il 2001 si definiva infatti un nuovo soggetto destinatario delle provvidenze: “imprese editrici di quotidiani o periodici organi di movimenti politici, trasformatesi in cooperative entro e non oltre il 1 dicembre 2001”. E “Il Foglio” si è puntualmente messo in linea con la nuova situazione.

GIULIANO IN MISERIA Via perciò con un nuovo inizio: ai 13,6 milioni “raccolti” nei primi 5 anni di vita, il quotidiano ne aggiungerà sfruttando le nuove regole oltre 37 in poco più di un decennio, a ritmo costante di oltre 3 milioni l’anno con l’eccezione dell’ultimo biennio, in cui si è assistito ad un taglio del fondo che non ha risparmiato neanche il giornale diretto dall’Elefantino Ferrara. Che,  negli ultimi 3 anni,  ha visto comunque entrare nelle casse della sua creatura la “miseria” di 5 milioni di euro. Bilancio finale per un giornale non ancora “maggiorenne”: 17 anni di vita, vendite anche molto al di sotto delle 10 mila, oltre 50 milioni di euro, circa 100 miliardi di vecchie lire di pubbliche sovvenzioni. Eccolo il “qualcosa” che Giuliano Ferrara ha lasciato in eredità a lettori e contribuenti.CONTRIBUTI STATALI PERCEPITI DA “IL FOGLIO” (1997-2013)

1997     114.966,73 €
1998 3.250.158,97 €
1999 3.157.813,05 €
2000 3.408.615,54 €
2001 3.674.626,21 €
2002 3.202.032,77 €
2003 3.511.906,92 €
2004 3.821.781,05 €
2005 3.821.781,05 €
2006 3.821.781,06 €
2007 3.745.345,44 €
2008 3.745.345,44 €
2009 3.441.668,78 €
2010 3.205.317,44 €
2011 2.251.696,55 €
2012 1.523.106,65 €
2013 1.201.463,75 €

TOT. 50.899.407,39 €

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Vaccino obbligatorio, la verità
Vaccino obbligatorio, la verità
(Milano)
-

Segue il Belgio, con soli 2 vaccini obbligatori, mentre tutti gli altri paesi del pianeta hanno un solo vaccino obbligatorio, o anche nessuno.
«Addirittura 12 vaccini, somministrati a bambini di tre mesi di vita? E’ da...

Terrorismo: chi ha iniziato la guerra? NOI
Terrorismo: chi ha iniziato la guerra? NOI
(Milano)
-

Siamo fottuti. L’hanno capito. Siamo fottuti perché un terrorismo così, in inglese si chiama Retail Terrorism (terrorismo alla spicciolata), non lo fermi. Più bombardiamo quei mondi, più loro porteranno la guerra da noi. Il terrorismo nasce dalle nostre b
Siamo fottuti. L’hanno capito. Siamo fottuti perché un terrorismo così, in...


(Milano)
-


La più grossa porcata di destra fatta da questo governo di "centrosinistra"...

Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
(Milano)
-

Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per scaldapoltrone insaziabili.
Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per...

Di giorno la manifestazione pro migranti, di notte lo straniero falcia con l’automobile il clochard
Di giorno la manifestazione pro migranti, di notte lo straniero falcia con l’automobile il clochard
(Milano)
-

Una marcia ideologica ma astratta. La manifestazione che si è svolta sabato pomeriggio a Milano a favore dell’inclusione, è stata una passeggiata antirazzista in veste folkloristica
Una marcia ideologica ma astratta. La manifestazione che si è svolta sabato...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati