Ecco le regioni dove si muore prima

CATANZARO ore 09:33:00 del 02/05/2016 - Categoria: Ambiente, Denunce, Salute - Morte in Italia

Ecco le regioni dove si muore prima

Per la prima volta, l’aspettativa di vita è diminuita, anche se di pochissimo, invece di crescere: 80,1 anni per gli uomini e 84,7 per le donne contro gli 80,1 anni per gli uomini e gli 85 anni per le donne del 2014. Oggi, oltre un italiano su cinque ha p

Italia maglia nera – Il rapporto evidenzia come in Italia non si faccia abbastanza prevenzione, cominciare dalle vaccinazioni: mancano i soldi per campagne di prevenzione e screening (in quelli oncologici le più penalizzate sono le donne). Solo il 4,1 percento della spesa sanitaria è destinato alla prevenzione, la percentuale è tra le più basse in Europa. Alcune prestazioni dovrebbero essere garantite a tutti i cittadini, ma non lo sono perché i livelli essenziali di assistenza, i cosiddetti Lea, non sono applicabili ovunque e, in particolare, nelle regioni alle prese con i piani di rientro dal deficit. Il disavanzo sanitario nazionale è diminuito passando dal miliardo e 744 milioni di euro del 2013 agli 864 milioni del 2014, ma questo a scapito dei cittadini che sono costretti a pagare sempre più prestazioni sanitarie di tasca propria. La spesa sanitaria pubblica pro capite resta stabile, 1817 euro a testa, ma molto più bassa che negli altri paesi europei.

GUARDA LA MAPPA: ECCO DOVE SI MUORE PRIMA IN ITALIA ED IN FUTURO SARA’ ANCORA PEGGIO

Ci saranno sempre più anziani, ma vivranno di meno. È la preoccupante analisi che emerge dal rapporto annuale diOsservasalute, l’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane. Per la prima volta, l’Aspettativa di vita è diminuita, anche se di pochissimo, invece di crescere: 80,1 anni per gli uomini e 84,7 per le donne contro gli 80,1 anni per gli uomini e gli 85 anni per le donne del 2014. Oggi, oltre un italiano su cinque ha più di 65 anni e il numero degli ultracentenari è triplicato (nel 2015 hanno raggiunto quota 19 mila) rispetto al 2002.

Le regioni – Anche quando si parla di salute, quindi, non c’è una Italia, ma tante quante le regioni che la compongono. Le regioni del sud sono quelle che stanno peggio in termini di mortalità e di speranza di vita e hanno i finanziamenti pro capite più bassi per la spesa sanitaria. I cittadini di Campania e Sicilia hanno un’aspettativa di vita di quattro anni in meno rispetto agli abitanti di Marche e in Trentino. La spesa pro capite più alta è in Molise, con 2226 euro, la più bassa, invece, è in Campania, con 1689 euro. Il rapporto evidenzia il consolidamento delle diseguaglianze: i divari territoriali, soprattutto tra nord e sud, sono sempre più consistenti.

I dati – Sono in aumento i numeri di incidenza dei tumori prevenibili (mammella e polmone per le donne, colon retto per gli uomini), del consumo di alcol, dell’uso di antidepressivi, dei suicidi (nel 78,4 percento dei casi il suicida è uomo e le percentuali più alte sono al nord). In crescita anche il numero degli italiani che praticano sport (le regioni più sportive sono al nord, la meno sportiva di tutte è la Campania), ma, allo stesso tempo, anche il numero delle persone sovrappeso e obese (le regioni più colpite sono al sud, le meno colpite al nord). In diminuzione, invece, il numero dei fumatori (i più accaniti sono gli over 50, la regione in cui si fuma di più è la Campania e quella in cui si fuma di meno è la Calabria.

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Stampa REGIME in Italia: ECCO CHI COMANDA DIETRO LE QUINTE
Stampa REGIME in Italia: ECCO CHI COMANDA DIETRO LE QUINTE

-

CHI POSSIEDE O CONTROLLA,SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE,I PRINCIPALI QUOTIDIANI ITALIANI?INCHIESTA SULLA”LONGA MANUS”DELLE BANCHE E DELL’INDUSTRIA NELLA STAMPA ITALIANA.
CHI POSSIEDE O CONTROLLA,SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE,I PRINCIPALI...

SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!

-

Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra, torcendosi le mani coperte di tatuaggi. Ci prega di non rivelare il suo nome: «Altrimenti mi licenziano», spiega.
Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra,...

Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI

-

Basta leggere alcune delle testimonianze drammatiche dei 600 professori universitari che in pochi giorni hanno sottoscritto un accorato appello al governo e al Parlamento per mettere in campo un piano di emergenza che rilanci lo studio della lingua italia
Possibile ritrovarsi a correggere una tesi di laurea dovendo usare la matita...

Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE

-

«Un anno dopo Bruxelles, c'è Londra, e la lista degli obiettivi non è esaurita - commenta da Washington Edward Luttwak, esperto di strategia militare e consulente della Casa Bianca - L'attentatore di Westminster era noto ai servizi di sua Maestà, il che e
Il terrore arriva fin sotto il Big Ben, e porta il nome di Khalid Masood. «Un...

Vitalizio, cosa conoscere
Vitalizio, cosa conoscere

-

E ora che sta per arrivare la stangata — con la delibera adottata, su proposta del Pd, dall’ufficio di presidenza della Camera che introduce un contributo di solidarietà progressivo per i vitalizi superiori ai 70 mila euro lordi — Armaroli dice che «agend
DAI 10 MILA EURO AL MESE DI PUBLIO FIORI AI QUASI 7 MILA DI MASTELLA. E IN...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati