Ecco cosa vuole veramente il potere

MILANO ore 16:02:00 del 28/02/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Economia, Politica - Immigrati

Ecco cosa vuole veramente il potere

Di contratti neanche a parlarne. Circa 400mila lavoratori, ma le stime lasciano sempre il tempo che trovano e potrebbero essere anche più di mezzo milione

Oltre alla palese violazione della dignità umana, il fenomeno del caporalato è anche distorsivo dal punto di vista dell’economia nazionale. Anzitutto per quanto riguarda i contratti collettivi, che in queste “zone franche” sono merce rara se non quasi banditi, di fatto trascinando al ribasso le condizioni di lavoro generali.E non vale la giustificazione per cui l’agricoltura altrimenti non ce la farebbe, dato che laddove il caporalato non la fa da padrone le aziende agricolre riescono – pur fra mille difficoltà – a tirare comunque avanti. In ultimo, il danno per lo Stato: secondo lo studio, fra mancati versamenti di contributi e altri oneri fiscali, sono almeno 600 milioni gli euro sottratti ogni anno all’erario. Quanto basterebbe, eventualmente, per politiche di sostegno al settore.

I dati, elaborati dallo studio milanese Ambrosetti su numeri della Cgil e presentati al convegno dll’associazione italiana delle agenzie per il lavoro, sono impietosi. E tracciano un quadro drammatico sul tema. Sugli 80 distretti industriali dell’agricoltura, spiegano gli estensori della ricerca, sono almeno 55 quelli nei quali si può parlare di caporalato. In 22 di questi le condizioni di lavoro sono a livello di “grave sfruttamento”, in 33 addirittura “indecenti”. L’80% dei lavoratori coinvolti nel fenomeno sono stranieri, spesso raccolti fra coloro che sbarcano sulle nostre coste. Il salario è la metà di quanto previsto dai contratti collettivi di settore: siamo attorno ai 2.5 euro l’ora, in totale 25-30 euro massimo per 12 ore di lavoro al giorno. E non basta: perché al “lordo” vanno tolti icontributi richiesti per la sistemazione, gli alimenti e il trasporto fino al luogo di lavoro, tutti oneri a carico della manodopera. Siamo ben oltre lo schiavismo, dato che in quest’ultimo caso il datore di lavoro – padrone aveva l’obbligo (almeno formale) di offrire vitto e alloggio. Come se non bastasse, nel 60% dei casi non è nemmeno garantito l’accesso ad acqua corrente, servizi igienici, acqua potabile. Un contesto che aggrava ulteriormente la situazione, soprattutto a fine campagna quando tre lavoratori su quattro presentano disturbi di tipo fisico dovuti a malnutrizione, esposizione alle intemperie, mancanza dei servizi-base di salute pubblica. Nulla che – data anche la giovane età media – non si possa curare con terapie antibiotiche (laddove disponibili), ma con il rischio di rendere croniche patologie potenzialmente anche invalidanti sul lungo termine. E spesso ci scappa il morto: nel 2015 le vittime accertate sono state almeno 10.

Due euro e mezzo all’ora (quando va bene) per non meno di 12 euro al giorno di lavoro. Nessuna tutela giuridica, ovviamente nessuna assistenza in caso di malattia, infortunio o altro. Di contratti neanche a parlarne. Circa 400mila lavoratori, ma le stime lasciano sempre il tempo che trovano e potrebbero essere anche più di mezzo milione. Sono le cifre delc aporalato, piaga sociale e lavorativa che coinvolge, soprattutto nel meridione e nel settore agricolo, le masse di Immigrati sfruttati da datori di lavoro senza scrupoli.

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Contratto GOVERNO: sgravi per gli asili nido solo alle famiglie italiane
Contratto GOVERNO: sgravi per gli asili nido solo alle famiglie italiane

-

Nell’intesa siglata da Matteo Salvini e Luigi di Maio sono stati inseriti gli sgravi per gli asili nido, ma solo per le famiglie italiane. Nel contratto Salvini aggiunge la “ruspa”: verranno smantellati anche i campi rom autorizzati e regolari.
Luigi Di Maio e Matteo Salvini stanno limando gli ultimi punti prima di...

JUVENTUS DIFFIDATA! 36 scudetti? PUBBLICITA' INGANNEVOLE!
JUVENTUS DIFFIDATA! 36 scudetti? PUBBLICITA' INGANNEVOLE!

-

La Juventus sostiene di aver vinto 36 scudetti ma secondo l’avvocato napoletano Angelo Pisani si tratta di “pubblicità ingannevole”.
La Juventus sostiene di aver vinto 36 scudetti ma secondo l’avvocato napoletano...

L'Aquila: scuole ricostruite dopo il terremoto? ZERO!
L'Aquila: scuole ricostruite dopo il terremoto? ZERO!

-

A quasi 9 anni la situazione è invariata, nessun edificio scolastico è stato ricostruito
I bambini nati dopo il 2007, a L’Aquila, potrebbero essere definiti la...

Non tagliateci i vitalizi. Gli ex Parlamentari scrivono a Fico e Casellati!
Non tagliateci i vitalizi. Gli ex Parlamentari scrivono a Fico e Casellati!

-

Gli ex parlamentari scrivono ai presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Casellati, per avviare un confronto sul tema dell’abolizione dei vitalizi, mettendo tuttavia in guardia i vertici delle istituzioni sul rischio incostituzionalità di
Gli ex parlamentari scrivono ai presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed...

Rifiuti, la raccolta differenziata non basta piu'
Rifiuti, la raccolta differenziata non basta piu'

-

Arriva in questi giorni la notizia del deferimento dell’Italia alla Corte europea per una serie di infrazioni di tipo ambientale: la questione degli olivi e della Xylella, l’inquinamento da pm10 e la gestione dei rifiuti radioattivi.
Arriva in questi giorni la notizia del deferimento dell’Italia alla Corte...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati