E' giusto arrabbiarsi quando i ciclisti pedalano in gruppo? ECCO LE RISPOSTE

(Campobasso)ore 12:09:00 del 16/03/2017 - Categoria: , Curiosità, Motori, Nuove Leggi

E' giusto arrabbiarsi quando i ciclisti pedalano in gruppo? ECCO LE RISPOSTE

CON IL PRESENTE ARTICOLO INTENDIAMO FARE CHIAREZZA IN MERITO AD UNA QUESTIONE CHE STA A CUORE A TANTI AUTOMOBILISTI E CICLISTI.

CON IL PRESENTE ARTICOLO INTENDIAMO FARE CHIAREZZA IN MERITO AD UNA QUESTIONE CHE STA A CUORE A TANTI AUTOMOBILISTI E CICLISTI.

Gli automobilisti in genere si lamentano del fatto che i ciclisti pedalano nel bel mezzo della strada, ostacolando il passaggio alle automobili. A tale riguardo sono note le classiche battute del tipo: “Dite ai ciclisti che possono salvare il mondo anche se pedalano un po’ più a destra” e l’eterna diatriba tra ciclisti e automobilisti appare non voler mai cessare di esistere. Vediamo allora chi ha ragione: cosa dice a riguardo il codice della strada?

Secondo il codice della strada hanno ragione gli automobilisti: i ciclisti infatti dovrebbero procedere in una fila unica in tutti i casi dove la situazione della circolazione lo richiede, e comunque non è mai possibile essere più di due su una stessa fila. Al di fuori dei centri abitati, la situazione cambia: in quel caso, i ciclisti sono obbligati a procedere per una fila unica, tranne nel caso in cui l’altro ciclista sia un minore di anni 10 affiancato da un ciclista adulto.

La legge parla quindi chiaro: le regole ci sono e vanno fatte rispettare. A ben vedere, i motivi per cui molti ciclisti viaggiano affiancati in gruppi di due o di tre può essere legato anche alla sicurezza, visto che in questo modo il gruppo dei ciclisti occupa in lunghezza meno spazio, consentendo alle auto di poterli superare più rapidamente. Ma questo ragionamento, pur essendo valido, come abbiamo visto non va d’accordo su quanto invece scritto nel codice della strada.

Dato che il presente articolo toglie finalmente ogni dubbio in merito all’argomento, si rivela essere particolarmente utile per tutti coloro avessero delle perplessità a riguardo. Per tale motivo, ne suggeriamo a tutti la condivisione, perché è giusto che cose importanti come questa si sappiano. Grazie per la collaborazione.

http://www.jedanews.it/blog/attualita/arrabbiarsi-ciclisti-pedalano-gruppo/

Autore: Luca

Notizie di oggi
Bonus Nonni, guida
Bonus Nonni, guida
(Campobasso)
-

Paluzzi sostiene che “se la richiesta di baby sitter è per il padre del bambino questo non è possibile, perché il padre è già tenuto ad accudire il bambino. 
TEORICAMENTE ANCHE I NONNI POTREBBERO ESSERE CONSIDERATI DEI BABY SITTER. E’...

Hai mai avuto la sensazione di cadere mentre dormi? Ecco perche' accade
Hai mai avuto la sensazione di cadere mentre dormi? Ecco perche' accade
(Campobasso)
-

IL 70% DELLE PERSONE HANNO VISSUTO ALMENO UNA VOLTA LA SENSAZIONE DI CADERE MENTRE SI DORME, DEFINITA DALLA SCIENZA “SPASMO IPNICO”.
IL 70% DELLE PERSONE HANNO VISSUTO ALMENO UNA VOLTA LA SENSAZIONE DI CADERE...

Oskar Dirlewanger.. L'uomo piu' Malvagio Di Sempre. ECCO CHI E'
Oskar Dirlewanger.. L'uomo piu' Malvagio Di Sempre. ECCO CHI E'
(Campobasso)
-

Oskar Dirlewanger fu un ufficiale delle SS durante la seconda guerra mondiale,  fondatore e comandante dell’unità penale SS-Sturmbrigaden Dirlewanger. 
Oskar Dirlewanger fu un ufficiale delle SS durante la seconda guerra mondiale,...

L'OSCURO LATO di Madre Teresa! IL VIDEO
L'OSCURO LATO di Madre Teresa! IL VIDEO
(Campobasso)
-

DA TEMPO ALCUNI GIORNALISTI DI RILIEVO NELLA STAMPA ANGLOSASSONE, COME CHRISTOPHER HITCHENS, HANNO COMINCIATO AD OCCUPARSI SISTEMATICAMENTE DELLE OMBRE CHE EMERGONO DIETRO ALLA FAMA DELLA MISSIONARIA NOTA COME MADRE TERESA DI CALCUTTA.
DA TEMPO ALCUNI GIORNALISTI DI RILIEVO NELLA STAMPA ANGLOSASSONE, COME...

Quando il vecchio SOCIAL era il MURETTO: che fine faranno le nuove generazioni?
Quando il vecchio SOCIAL era il MURETTO: che fine faranno le nuove generazioni?
(Campobasso)
-

DA ADOLESCENTI CI SI INCONTRAVA SU UN MURETTO, IN UNA PIAZZA, QUALSIASI POSTO ANDAVA BENE PUR DI SOCIALIZZARE DAL VIVO, CONFRONTARSI, STARE INSIEME.
DA ADOLESCENTI CI SI INCONTRAVA SU UN MURETTO, IN UNA PIAZZA, QUALSIASI POSTO...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati