E famola sta dieta...strana!

(Campobasso)ore 09:09:00 del 16/05/2017 - Categoria: , Salute

E famola sta dieta...strana!

Di tanto in tanto sentiamo l'esigenza di perdere qualche chilo e per la maggior parte delle persone la soluzione è semplice buon senso: ridurre le calorie in entrata e magari aumentare quelle in uscita. 

Di tanto in tanto sentiamo l'esigenza di perdere qualche chilo e per la maggior parte delle persone la soluzione è semplice buon senso: ridurre le calorie in entrata e magari aumentare quelle in uscita. Insomma un po' meno cibo e un po' più di attività fisica: mangiare meno di quanto si brucia - in persone con un metabolismo normale - dovrebbe essere garanzia di successo. Eppure ci si fida di regimi che promettono grandi risultati in poco tempo. Per non stare a pesare gli ingredienti preferiamo curiosi suggerimenti arrivati col passaparola, inventati da guru del momento o visti funzionare per divi e starlette. Ecco un'antologia di alcune tra le più bizzarre presenti su siti nazionali e internazionali:

1. Omogeneizzati. Mai sentito parlare della "baby food diet"? Pare sia quella scelta da star come Jennifer Aniston,   Reese Witherspoon e Lady GaGa. A cui sarebbe stata suggerita da Tracy Anderson, famoso personal trainer di molti vip di Hollywood, inclusa  Gwyneth Paltrow, Tracy Anderson. Le attrici con esigenze di immagine la adorano. Si mangia un po' di tutto, ma omogeneizzato. Al massimo 16 vasetti al giorno di gusti a scelta. Dicono che se serve per l'accrescimento dei bebè ha tutti i principi nutritivi. Ma a un certo punto non impazzite per la voglia di masticare qualcosa? 

2. La dieta "faxlore" o della zuppa di cavolo promette una perdita di peso drastica in sette giorni, durante i quali si dovrà mangiare solo, ma in quantità potenzialemte illimitate, una zuppa - appunto - con cavoli (assortiti), preferibilmente piccante. La dieta è inspiegabilmente molto popolare. Le sue origini sono sconosciute, ma ha ottenuto la popolarità col nome di "faxlore" negli anni '80, perché si diffuse viralmente attraverso le persone che ne condividevano la ricetta via fax. I medici la condannano perché manca di bilanciati valori nutrizionali e la perdita di peso che provoca è per lo più perdita di acqua, non di grasso, e quindi non è permanente. La cosa che durerà più a lungo, invece, è la flatulenza.

3. Paleo diet, cioè dieta paleolitica. Questo regime ci vorrebbe far tornare al tempo degli uomini delle caverne. Si basa sulla presunta alimentazione fatta di piante spontanee e animali selvatici, che alcuni gruppi umani consumavano abitualmente durante l'età paleolitica, un periodo di circa 2,5 milioni di anni che si concluse circa 10.000 anni fa con lo sviluppo dell'agricoltura. I sostenitori della dieta dicono che gli uomini paleolitici erano privi di malattie noti nei tempi moderni e, pertanto, seguendo la loro dieta dovrebbero tenereci liberi da malattie e belli magri. La dieta paleolitica "contemporanea" si concentra su carne magra, pesce, verdure, frutta, radici e noci, escludendo cereali, legumi, prodotti lattiero-caseari, sale, zucchero raffinato e oli trasformati.  

4. Visiva delle lenti blu. Questa dieta prevede obbligatoriamente che si indossino occhiali dalle lenti blu ogni volta si mangi. Gli occhiali sono progettati per impedire di esagerare col cibo perché renderebbero l'alimento meno attraente. La teoria è che la tonalità blu agisce come inibitore dell'appetito. Sviluppati in Giappone da Yumetai, i "Blue Shade Glasses" sono stati lanciati sul mercato sperando di diventare la nuova moda. Ma non si sono al momento diffusi gran che.

 5. La dieta biblica o della Bibbia o del Creatore, si basa sull'idea che alcuni alimenti siano proibiti ("impuri") o accettabili secondo la parola di Dio. Il principale promotore della dieta biblica è Jordan S. Rubin, che afferma che questa dieta lo abbia salvato dal morbo di Crohn, quando era finito in gravi condizioni all'ospedale, all'età di 19 anni. La dieta in USA ha ancora molti seguaci nonostante oltre 10 anni fa la Food and Drug Administration abbia ordinato alla società Rubin, Garden of Life Inc. di stoppare la produzione dei suoi snack e integratori. La dieta inizia e termina ogni giorno con preghiere di ringraziamento, guarigione e petizione. L'individuo dovrebbe svolgere esercizi di "Life Purpose" per 2-5 minuti ogni volta si sente stressato. Per ottenere i migliori benefici si consiglia di pregare ogni volta che si avverte la fame. La dieta è suddivisa in tre fasi. La fase uno limita le carni come carne di maiale, pancetta, struzzo, prosciutto, salsicce, emu e carne imitazione. La seconda i pesci e gli alimenti marini come pesce fritto, pesce arrostito, anguilla, squali, granchi, vongole, ostriche, cozze, aragoste, gamberetti, cappesante.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Dieta e Limone per Perdere 3kg in 1 settimana
Dieta e Limone per Perdere 3kg in 1 settimana
(Campobasso)
-

La dieta del limone prevede un utilizzo importante di questo agrume poiché ricco di proprietà drenanti e depurative.
La dieta del limone prevede un utilizzo importante di questo agrume poiché ricco...

Occhio alla CARTA ARGENTATA: avete mai letto le AVVERTENZE? VIDEO
Occhio alla CARTA ARGENTATA: avete mai letto le AVVERTENZE? VIDEO
(Campobasso)
-

L’alluminio è un materiale attualmente molto impiegato nel settore alimentare: si va dalla cottura (pentole, padelle e caffettiere dove molto spesso si usano leghe di alluminio) fino ad arrivare alla conservazione del cibo in vaschette e fogli (la cosidde
L’alluminio è un materiale attualmente molto impiegato nel settore alimentare:...

Sentirsi sazi anche a dieta: ecco come fare
Sentirsi sazi anche a dieta: ecco come fare
(Campobasso)
-

Uno dei principali problemi quando ci si mette a dieta è la sgradevole sensazione di non sentirsi sazi.
Uno dei principali problemi quando ci si mette a dieta è la sgradevole...

I migliori cibi spezzafame
I migliori cibi spezzafame
(Campobasso)
-

Durante una dieta, che si tratti di una dieta dimagrante o di un’alimentazione sana e equilibrata, i cibi spezza fame sono importanti: consentono, infatti, di placare gli attacchi di fame tra un pasto e l’altro, e permettono di non arrivare troppo affamat
Durante una dieta, che si tratti di una dieta dimagrante o di un’alimentazione...

Urlare ai bambini gli danneggia il cervello
Urlare ai bambini gli danneggia il cervello
(Campobasso)
-

Alzare la voce non ti darà più ragione. Inoltre, utilizzare questo come risorsa educativa può essere del tutto controproducente. Infatti, quando gridiamo ai bambini stiamo solo riconoscendo che sia loro che noi abbiamo perso il controllo.
Alzare la voce non ti darà più ragione. Inoltre, utilizzare questo come risorsa...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati