Doping, possiamo credere ancora ai nostri eroi?

CECCANO (Frosinone)ore 07:08:00 del 21/07/2013 - Categoria: Cronaca, Salute, Sociale, Sport Generici

Doping, possiamo credere ancora ai nostri eroi?

Oggi la credibilità del ciclismo va totalmente ricostruita e non ci si può lamentare dei sospetti

Ci possiamo ancora fidare dei nostri idoli sportivi? é questa la domanda che tanti sportivi e appassionati  si staranno ponendo negli ultimi giorni, ma anche negli ultimi anni, periodo nel quale lo sport è stato continuamente minato nella credibilità da scandali di ogni tipo e in diverse discipline. A questo punto c'è qualcuno che crede ancora che sia pulito? Probabilmente sì, altrimenti sarebbero poche le persone presenti ai vari eventi di calcio, ciclismo, atletica, nuoto  e altro.

Si sa, le attività agonistiche hanno da sempre attirato l'attenzione del popolo e sono un fenomeno di aggregazione eccezionale, ma molti recentemente sono molto più scettici in quello che vedono, i risultati sportivi ormai non hanno quasi più un carattere definitivo, ma c'è sempre il retropensiero che ci sia qualche imbroglio dietro qualsiasi impresa. Questi ultimi giorni ne sono la testimonianza lampante.

Domenica al Tour de France, una delle tappe più belle dell'anno ciclistico, vede protagonista un corridore inglese che compie davvero un'impresa eccezionale, stacca tutti gli avversari sulla salita più dura, vince, alza le braccia al cielo sul traguardo e... viene subito dopo accusato di aver fatto uso di sostanze proibite, il sospetto è subito forte ed esplicito:'é andato troppo forte, non è possibile...'. Ma d'altra parte, si può biasimare qualcuno che fa questo pensiero? Certamente no, perchè è stato il ciclismo e i suoi principali protagonisti ad averne per primi minato la credibilità dalla base, quindi adesso, ci si può lamentare che dietro ad ogni impresa nasca il sospetto di doping? Certamente no! Aver battuto il record in salita di Lance Armstrong del 2002, non ha di sicuro giovato all'impresa di Froome. Armstrong è ormai l'icona del doping mondiale e della disonestà. Negli anni scorsi, prima dell'incredibile scoperta, Lance era considerato uno degli atleti esempio dello sport mondiale, un uomo capace di vincere un tumore e rimettersi in gara stravincendo le corse con la fatica ed il sudore. Tutti avrebbero messo la mano sul fuoco sull'integrità di Armstrong e invece abbiamo assistito ad almeno sette Tour de France dopati ed irregolari. Così oggi la credibilità di questo sport va totalmente ricostruita e non ci si può lamentare dei sospetti, anzi.

Per non parlare poi dell'atletica! Due dei più grandi velocisti dei nostri tempi e della storia trovati positivi all'antidoping! Sconcertante, ma è questa la verità. Due campioni del calibro di Asafa Powell e Tyson Gay dopati. Una mazzata per lo sport in generale e per il pubblico che vede questi uomini velocissimi con ammirazione e che invece da un momento all'altro deve guardare con sospetto e delusione. Tutti aspettavano il duello ai mondiali tra Gay e Bolt e invece niente, Bolt al momento rimane l'icona indiscussa dei velocisti, speriamo che almeno lui possa rimanere integro da questo punto di vista. Anche per Bolt sono successe le stesse cose accadute a Froome: le sue imprese su 100 e 200 sono ancora oggi causa di dibattiti, molti all'inizio hanno pensato al doping e cose del genere, ma per il momento sembra tutto regolare. Sembra appunto... Speriamo.

Per non parlare poi del calcio, lo sport più seguito al mondo ormai continuamente martoriato da scandali di vario genere: Calciopoli e Scommessopoli su tutti. Partite truccate, dirigenti presi con valigette di soldi in mano per pagare la squadra avversaria, giocatori che si accordano al telefono per determinare risultato e vincitori delle partite, calciatori che addirittura scommettono sulle loro stesse partite, dirigenti che comprano arbitri, arbitri che si lasciano comprare, partite indecenti viste in tv e allo stadio, alla fine delle quali il sospetto di tutti è lo stesso: la partita era comprata o venduta, a seconda dei punti di vista.

Ma si può andare avanti così? Lo sport non è più quell'intrattenimento genuino di una volta, i soldi che circolano nel mondo sportivo sono troppi e hanno man mano rovinato uno dei nostri passatempi più belli e affascinanti. Si riuscirà prima o poi a recuperare credibilità? Per adesso non sembra proprio, non ci sono segnali confortanti in questa direzione. Ci resta solo di aspettare e sperare. Almeno fino al prossimo scandalo. 

Autore: Marco

Notizie di oggi
Togliete CLASH ROYALE ai vostri figli: ECCO IL LATO OSCURO CHE NON CONOSCI
Togliete CLASH ROYALE ai vostri figli: ECCO IL LATO OSCURO CHE NON CONOSCI
(Frosinone)
-

L’APP DA OLTRE 100 MILIONI DI DOWNLOAD IN TUTTO IL MONDO NASCONDE UN LATO OSCURO E IN ALCUNI CASI CRIMINALE CHE È STATO DENUNCIATO PUBBLICAMENTE DA UN DOCUMENTO DEL TELEFONO AZZURRO. I PIÙ GIOVANI, I FIGLI, SONO A RISCHIO. ECCO QUELLO CHE OGNI GENITORE DO
L’APP DA OLTRE 100 MILIONI DI DOWNLOAD IN TUTTO IL MONDO NASCONDE UN LATO OSCURO...

Dieta per rimettersi in linea
Dieta per rimettersi in linea
(Frosinone)
-

La dieta ideale, quella che ci faccia perdere peso senza imporci rinunce, senza troppi sacrifici e senza riprendere peso non appena si raggiunge l’obiettivo, è un po’ come il principe azzurro: di per sé non esiste.
La dieta ideale, quella che ci faccia perdere peso senza imporci rinunce, senza...

NADIA TOFFA PAGATA PER MENTIRE?
NADIA TOFFA PAGATA PER MENTIRE?
(Frosinone)
-

SERVENDOSI DI NADIA TOFFA, LA NUOVA PALADINA DELLA GIUSTIZIA MADE IN ITALY, “LE IENE” PORTA AVANTI CON DEVOZIONE LA CAMPAGNA PRO LGBT, APPRODATA ORMAI IN OGNI TRASMISSIONE ITALIANA CHE SI RISPETTI.
SERVENDOSI DI NADIA TOFFA, LA NUOVA PALADINA DELLA GIUSTIZIA MADE IN ITALY, “LE...

Cosi' la Ndrangheta usa i FIORI per il traffico di droga
Cosi' la Ndrangheta usa i FIORI per il traffico di droga
(Frosinone)
-

Quelli sono i meno pagati di tutti, qui al porto». Niek Stam, segretario del sindacato dei portuali di Rotterdam, indica la guardia che controlla gli accessi ai moli. «Che possono fare contro i trafficanti di droga? Quelli arrivano di corsa con i Suv, pre
Coca e tulipani, così la 'ndrangheta usa i fiori per il traffico di droga Il...

De Luca offende la consigliera M5s: 'QUESTA CHIATTONA DISTURBA!'
De Luca offende la consigliera M5s: 'QUESTA CHIATTONA DISTURBA!'
(Frosinone)
-

“Chiattona“ in dialetto napoletano significa “grassa“. È quello che il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha detto di Valeria Ciarambino, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale
“Chiattona“ in dialetto napoletano significa “grassa“. È quello che il...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati