Dipendenza dalle scommesse: ecco chi ci guadagna veramente

FERRARA ore 14:25:00 del 18/02/2015 - Categoria: Calcio, Cronaca, Economia, Editoria, Sociale, Sport Generici

Dipendenza dalle scommesse: ecco chi ci guadagna veramente

Dipendenza dalle scommesse: ecco chi ci guadagna veramente. Viaggio alla scoperta del gioco d’azzardo

Ecco perché lo stato sponsorizza e continuerà a sponsorizzare il gioco d’azzardo. Il gioco d’azzardo è un vizio, un vizio anche molto costoso. Spesso assorbe metà stipendio, e può far indebitare fino al collo. Può rovinare matrimoni e carriere, e può addirittura spingere alcuni sulla via del crimine. Diventa come una droga, e le sue vittime possono provare crisi di astinenza al pari degli alcolisti e dei tossicodipendenti.

Il gioco d'azzardo è subdolo, ma pensate solo ad una cosa, ci sono persone che sul gioco d'azzardo ci hanno fatto un Business, e per esserlo ci devono per forza guadagnare! E come ci guadagnano secondo te? Con la probabilità che gioca sempre a favore del banco". Non c'entra la fortuna, l'abilità o l'intelligenza, se giochi 1000 volte di seguito d'azzardo alla fine perderai comunque soldi, è così e lò sarà sempre, se così non fosse e il gioco fosse ideato per gli utenti esso non esisterebbe!

Il gioco d'azzardo altro non è che un marchingegno psicologico che abusa della credulità popolare per estorcere denaro, e non è altro se non questo, un sistema programmato per far diventare sempre più povero te e sempre più ricchi coloro che lo controllano, una soluzione c'è! NON GIOCARE.  I nostri pensieri ed emozioni producono sostanze ,il gioco d'azzardo causa eccitazione ,una eccitazione che crea dipendenza. Quando una persona gioca e rischia di perdere ma poi per caso vince, smuove all’interno del suo corpo centinaia di meccanismi diversi, adrenalina, noradrenalina, cortisolo, quin... il corpo che nei giorni seguenti si sente privo di queste sostanze le va a ricercare.

Se lo Stato continua a sponsorizzarlo, evidentemente ci guadagna e non poco. Che poi in Italia stato e mafia vadano da sempre d'accordo crediamo che non sia un mistero per nessuno. Ogni tanto catturano un mafioso per farti credere che fanno qualcosa e poi tutto riprende come prima. E' la stessa ipocrisia degli spot che incitano i poveracci a comprare Gratta e vinci e a mangiarsi lo stipendio/pensione al lotto e poi ti dicono "mi raccomando, gioca responsabilmente!". Come se ti dessero una dose di coca e poi ti dicessero di non abusarne. E’ tutto uno schifo. E’ tutto rimandato alla coscienza delle singole persone. Quindi, devi svegliarti!

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Taxi Uber, la verità
Taxi Uber, la verità

-

Marco Maisano ha condotto un’inchiesta per svelare i reali motivi dietro alla querelle Taxi-Uber.
Vivono nella più totale illegalità nel loro lavoro e scioperano contro...

Privacy e sesso, ecco Rumuki
Privacy e sesso, ecco Rumuki

-

Un totale di 8.761 documenti sono stati pubblicati all’interno di “Year Zero”, una prima parte di documenti sequestrati che Wikileaks ha definito “Vault 7”.
Wikileaks ha pubblicato quella che sostiene essere la più grossa raccolta di...

EUROPA INFAME
EUROPA INFAME

-

Attesi black bloc da Francia, Germania e Grecia: 39 varchi per il centro ma nessuna zona rossa, vietati caschi e petardi
La Capitale prepara per l'anniversario di sabato con "uno degli apparti di...

Legittima Difesa: il PD A DIFESA DEI DELINQUENTI
Legittima Difesa: il PD A DIFESA DEI DELINQUENTI

-

Nei fatti oggi se non ti massacrano prima di reagire ferendo i/il ladro finisci dentro e ti condannano a risarcimenti inauditi (esproprio dei beni di fatto a favore dei delinquenti).
Nei fatti oggi se non ti massacrano prima di reagire ferendo i/il ladro finisci...

Juve-Ndrangheta: Agnelli NEI GUAI! Ecco i Rischi
Juve-Ndrangheta: Agnelli NEI GUAI! Ecco i Rischi

-

In pratica Agnelli per un periodo di 5 ANNI (dal 2011-12 a quantomeno tutta la stagione corsa) non impediva a tesserati, dirigenti e dipendenti della Juventus di intrattenere rapporti costanti e duraturi con i cosiddetti 'gruppi ultras', anche per il tram
In pratica Agnelli per un periodo di 5 ANNI (dal 2011-12 a quantomeno tutta la...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati