Dieta di luglio per perdere peso e abbronzarsi

(Genova)ore 10:01:00 del 09/07/2018 - Categoria: , Salute

Dieta di luglio per perdere peso e abbronzarsi

Luglio è arrivato, siete pronte a mettervi a dieta? Consumando la frutta e la verdura di stagione non solo perdete peso, ma vi abbronzate anche più in fretta.

Luglio è arrivato, siete pronte a mettervi a dieta? Consumando la frutta e la verdura di stagione non solo perdete peso, ma vi abbronzate anche più in fretta.

Ormai siamo in piena estate e sulla tavola arrivano tante delizie della terra. Dalle zucchine, ai fagiolini, passando per la lattuga, le melanzane, i peperoni e i porri. E mentre il mare ci regala tanti pesci buoni, sani e ricchi di Omega 3, come il dentice, l’orata, le sardine e la spigola, per la frutta c’è solo l’imbarazzo della scelta, fra susine, prugne, pesche, more, lamponi, anguria, melone, ma soprattutto albicocche.

Quest’ultime sono le vere regine dell’estate, ricche di proprietà nutritive e povere di calorie, sono ottime alleate della dieta e un super alimento che vi aiuterà a tornare in forma in breve tempo e con pochissimo sforzo. Zuccherine, morbide e fragranti, le albicocche sono il frutto ideale da mangiare quando arriva il caldo e abbiamo voglia di qualcosa che ci depuri e ci aiuti a mantenere la linea.

10 CONSIGLI PER DIMAGRIRE A LUGLIO

1) Alterna i carboidrati: niente riso e pasta tutti i giorni. Alternali con un’insalata di 200 gr. di patate e 100 gr. di fagiolini, oppure con insalata di quinoa (massimo 50 gr) e pomodori, o ancora con bruschette di pane integrale (50 gr.) con pomodori e cetrioli. Ogni giorno a pranzo scegli un tipo di carboidrato diverso tra patate, pseudocereali (quinoa, riso selvaggio, grano saraceno) o cereali integrali (farro, avena). 2) Mangia pasta e riso freddi: quando invece mangi pasta o riso, accertati di cuocerli il giorno prima, magari per un’insalata di pasta o di riso che sia fatta per un terzo di carboidrati e per i due terzi di verdure tra pomodori, cetrioli, ravanelli, melanzane, peperoni, zucchine, sottaceti (no a sottoli) e olive, erbe aromatiche. No a prosciutto, formaggio, wurstel. In questo modo otterrai piatti con minore indice glicemico. 3) Mangia carboidrati a pranzo 5 volte a settimana: per due pranzi a settimana mangia invece o frutta in quantità libera o un gelato (coppia piccola o media). Per esempio puoi farlo il sabato a pranzo se starai a mare, e un giorno più impegnativo in ufficio. 4) Cammina, nuota, cammina: luglio è un mese davvero poco piovoso, organizzati per andare a lavoro a piedi o camminare il più possibile. Almeno un’ora o due al giorno se vuoi perdere peso. Nel week end, che tu sia al mare o in città, nuota. In piscina, a mare, al lago. Nuota. 5) Prova le acque detox: sono acque aromatizzate con agrumi, ortaggi, erbe aromatiche e spezie. Ideali per idratarsi, hanno pochissime calorie e combattono la ritenzione idrica. 6) Via libera alla grigliate: lascia stare le fritture e gli intingoli. L’estate è sinonimo di grigliate. Pesce, carne, ortaggi: l’importante è non carbonizzarli! 7) Evita i dolci tradizionali: almeno per luglio, lascia respirare il tuo intestino. Puoi mangiare un gelato artigianale a settimana e una granita in un altro giorno, ma evita biscotti, torte, creme, semifreddi per 30 giorni. 8) No all’apericena: meglio una cena leggera che un aperitivo con cena annessi. Rischi di mangiare troppo. A luglio niente aperitivi, ma un bicchiere di vino bianco secco con delle cruditès. 9) No alle trappole estive: la caprese, l’insalata di riso tradizionale, le verdure ripiene (specie i pomodori). Ecco 3 piatti estivi ma ipercalorici o pesanti per molte persone. Punta almeno a luglio a una cucina il più possibile semplice, con pochissimi ingredienti. Prova quindi: spiedini di frutta o verdura, carpacci, bruschette di pane integrale, insalate di legumi e verdure. Il fegato ti ringrazierà.  10) Sì alla whole food philosophy: che cos’è? Significa prediligere una dieta naturale, molto simile a quella dei nostri nonni, ma più estiva. Ricette velocissime, niente di già pronto o preparato, niente di industriale, ricerca delle materie prime e frugalità. Contorni di verdure crudi, insalate, carne o pesce al cartoccio, pane integrale, un filo di olio a crudo per condire ogni cosa. Una cucina semplice, basata su ingredienti naturali, vale più di ogni detox.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Dieta Laura Pausini: ecco come ha perso 20 kg!
Dieta Laura Pausini: ecco come ha perso 20 kg!
(Genova)
-

Laura Pausini ha iniziato una dieta dopo la gravidanza. Ecco in cosa consiste la D.S.M. che la cantante ha seguito con attenzione, fino ad arrivare a perdere ben 20 kg in totale.
Laura Pausini ha iniziato una dieta dopo la gravidanza. Ecco in cosa consiste la...

Analisi dei vaccini? PEGGIO DEL PREVISTO
Analisi dei vaccini? PEGGIO DEL PREVISTO
(Genova)
-

I vaccini si sa contengono sostanze note e altre meno note perché coperte dall’inviolabile segreto industriale, quasi a livello militare. Ma dietro a sigle e acronimi si celano materiali che potrebbero giocare un ruolo prioritario nell’eziologia di gravis
I vaccini si sa contengono sostanze note e altre meno note perché coperte...

Dimagrire senza seguire una dieta? Ecco le 10 regole fondamentali!
Dimagrire senza seguire una dieta? Ecco le 10 regole fondamentali!
(Genova)
-

Quante volte ci siamo promessi “da lunedì starò a dieta!” e quanti articoli abbiamo letto per scegliere la dieta migliore per noi, quella meno drastica e restrittiva?
Quante volte ci siamo promessi “da lunedì starò a dieta!” e quanti articoli...

Miele contaminato da pesticidi: quali sono i rischi
Miele contaminato da pesticidi: quali sono i rischi
(Genova)
-

I 3/4 del miele prodotto in tutto il mondo contiene pesticidi neonicotinoidi. Le concentrazioni rilevate dall’indagine non risultano pericolose per l’uomo, ma rappresentano una seria minaccia per le api.
Il 75 percento del miele venduto in tutto il mondo è contaminato da pesticidi;...

La dieta di CRISTIANO RONALDO
La dieta di CRISTIANO RONALDO
(Genova)
-

Gli atleti di oggi rispetto a quelli di venti, trenta o quarant’anni fa sono molto più longevi perché hanno a disposizione dei preparatori sempre più bravi, perché la scienza medica è migliorata e gli infortuni costano meno caro a chi li subisce e perché
Gli atleti di oggi rispetto a quelli di venti, trenta o quarant’anni fa sono...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati