Di Maio: soli 2 mesi per DISTRUGGERE IL MOVIMENTO 5 STELLE

(Perugia)ore 15:35:00 del 06/05/2018 - Categoria: , Denunce, Politica

Di Maio: soli 2 mesi per DISTRUGGERE IL MOVIMENTO 5 STELLE

Le elezioni in Friuli devono risuonare, alle orecchie dei dirigenti Pentastellati, come un messaggio inequivocabile lanciato dall’elettorato deluso.

Chi semina vento, raccoglie tempesta”, recita così vecchio adagio biblico. Infatti, a mo’ di punizione divina, all’indomani della giornata di voto in Friuli Venezia Giulia, il Movimento 5 Stelle raccoglie i primi, burrascosi frutti, delle scellerate azioni intraprese a livello nazionale, registrando un drastico calo di preferenze. Il candidato del centrodestra, Massimiliano Fedriga, ha ottenuto una schiacciante vittoria, affermandosi col 57% dei voti.

La Lega diventa il primo partito in Regione col 34,3%, il PD è al 18%, mentre Forza Italia si attesta al 12,06%. Il M5S, invece, ottiene un disastroso 8%. Dopo la sconfitta patita in Molise, dunque, il Movimento di Casaleggio – quello che “democraticamente” cambia i programmi a suo piacimento, o a piacimento dei suoi burattinai – si appresta a prendere un ennesimo, sonoro, schiaffo. Oltretutto, il Friuli, essendo storicamente una delle regioni con i più alti tassi di affluenza alle urne, costituisce un campione importante per stabilire il peso specifico dei partiti.

Alcuni diranno che, sicuramente, quello del Friuli è stato un caso e che al nord è normale che il centrodestra abbia la meglio sugli avversari, ma le inclementi percentuali delle urne non lasciano spazio ad interpretazioni. Altro dato incontrovertibile, è quello che i 5 Stelle, alla resa dei conti, si sono mostrati per quello che sono, ovvero un nulla cosmico, una massa informe, priva di qualsiasi ideale a cui ispirarsi. Hanno avuto la fortuna e la capacità – questo bisogna riconoscerglielo – di attrarre quelle persone che, comprensibilmente, non hanno più fiducia in questa politica.

Proprio per la sua inconsistenza ideale – non basta sbraitare “onestà” fuori dai palazzi per cambiare le cose – ha portato il Movimento 5 Stelle a tradire gli elettori, non appena ne ha avuto l’occasione. Ha provato a stipulare, cocciutamente, alleanze a destra e a manca, cercando addirittura di riesumare la salma del PD, cioè di quel partito che volevano spazzare via dalla scena politica, trincerandosi dietro una presunta responsabilità istituzionale. Questo tentativo, è stato dettato dalla disperazione poiché i luogotenenti sono ben consci che, se si dovesse tornare al voto, proprio come nel caso delle regionali in Friuli, lo stesso Movimento 5 Stelle rischierebbe il tracollo. Di Maio, preso atto della sconfitta, avvenuta a seguito delle sue disarmanti manovre, nelle ultime ore si è affettato a dire che auspicherebbe un ritorno al voto il prossimo giugno, rinnegando qualsivoglia tipo di accordo con altre forze politiche – cosa che fino a ieri proponeva convintamente –, dimostrando una volta di più l’infinito opportunismo, seppur poco acuto, di cui è capace pur di non perdere la faccia.

Eppure, consistenti sfumature di ambiguità, tendenti al bipolarismo, erano sempre state visibili nelle file pentastellate. Un esempio su tutti, è fornito dalle idee di politica estera. È stato lampante il cambio di rotta sulla questione Mediorientale, difatti, prima del voto, veniva attaccata duramente la strategia adottata dall’Occidente nell’area, critica che chiamava in causa la NATO e denunciava con forza l’Arabia Saudita ed il Qatar, rei di finanziare il terrorismo internazionale. Dopo il voto – abracadabra – le posizioni si sono magicamente ammansite.

Un breve appunto è d’obbligo anche per la Lega che, anche se in Friuli ha fatto incetta di voti, a livello nazionale non ha saputo scrollarsi di dosso il peso dell’ottuagenario Cavaliere che, indubbiamente, per chissà quale recondito motivo, riesce sempre a rimanere in sella, anche quando pare spacciato. L’unica speranza post-elettorale, per altro condivisa dalla maggior parte degli elettori 5 Stelle, era quella di un’alleanza, in salsa populista, tra Di Maio e Salvini. Questo auspicio, però, è rimasto tale per eccessi di ottusità ascrivibili ad entrambi i succitati protagonisti, che di certo non si presentano come giganti della politica. Ad ogni modo, osservando la situazione attuale, è difficile immaginare cosa avrebbe potuto portare di buono ai cittadini un’alleanza Lega/M5S.

Per concludere, è possibile riprendere la frase di un personaggio del passato, che appare, oggi più che mai, di stretta attualità: “Il Paese va in rovina per mancanza di uomini, non per mancanza di programmi. Dobbiamo quindi non elaborare nuovi programmi, ma allevare uomini, uomini nuovi”. È basilare, dunque, migliorare noi stessi e ridestare il popolo per tentare di mutare, davvero, le sorti dell’Italia. I programmi fasulli, privi di anima e gli strilli da talk show, figli di quest’epoca sciagurata, lasciamoli agli altri.

Da: QUI

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Assumi italiani a lavorare nei parchi? La Lombardia ti premia, la sinistra grida al razzismo!
Assumi italiani a lavorare nei parchi? La Lombardia ti premia, la sinistra grida al razzismo!
(Perugia)
-

Assumi italiani per pulire i parchi? La Lombardia ti premia. E la sinistra grida al razzismo
Comune avvisato, mezzo salvato. Sì, perché la Regione Lombardia ha deciso di...

Milioni di morti, il neoliberismo minaccia la Terra
Milioni di morti, il neoliberismo minaccia la Terra
(Perugia)
-

Gli esseri umani sono creature complicate. Siamo sia cooperativi che settari. Tendiamo a essere cooperativi all’interno di gruppi (ad es. un sindacato) mentre competiamo con gruppi esterni (ad esempio, una confederazione di imprese).
Gli esseri umani sono creature complicate. Siamo sia cooperativi che settari....

Roma: sindaca Raggi condannata per falso
Roma: sindaca Raggi condannata per falso
(Perugia)
-

Una “pena minima” per un processo pesantissimo dal punto di vista politico, che alla luce del regolamento interno al M5S potrebbe mettere a rischio la permanenza stessa della sindaca di Roma alla guida del Campidoglio.
“Il senso deve essere quello di condurre tutti i processi allo stesso modo. E...

Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!
Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!
(Perugia)
-

Il cardinale da 35 mila euro al mese: in Vaticano scoppia un nuovo scandalo
L’amico e primo consigliere di Francesco, Oscar Maradiaga, predicava il...

Lega: condono anche a Imu e Tasi. Emendamento alla manovra
Lega: condono anche a Imu e Tasi. Emendamento alla manovra
(Perugia)
-

La Lega mira a estendere la sanatoria contenuta nel decreto fiscale anche alle entrate comunali come Imu, Tasi e imposta sulle insegne
La Lega mira a estendere la sanatoria contenuta nel decreto fiscale anche alle...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati