Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO

(Campobasso)ore 16:20:00 del 24/03/2017 - Categoria: , Denunce, Salute

Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO

Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al cervello triplica negli adulti e quintuplica nei giovani. Le aziende commissionano falsi studi per nascondere gli effetti nefasti sull’uso del telefono, ma difendersi si può.

Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al cervello triplica negli adulti e quintuplica nei giovani. Le aziende commissionano falsi studi per nascondere gli effetti nefasti sull’uso del telefono, ma difendersi si può.

IL CELLULARE AD ALMENO 2 CENTIMETRI DI DISTANZA

Riccardo Staglianò, autore del libro inchiesta “Toglietevelo dalla testa. Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono“ ha effettuato una ricerca che è durata quasi un anno, dagli Stati Uniti fino alla Svezia, per cercare di scoprire la verità sui rischi del cellulare. Ecco come racconta l’inizio della sua indagine:

“Quando un mio amico, un giorno, mi ha segnalato come sul libretto d’istruzioni del mio cellulare c’era scritto di tenerlo a un centimetro e mezzo dal corpo, non ci volevo credere. Sono andato a controllare ed ho visto che era effettivamente così. Da lì la curiosità ha preso il sopravvento ed ho cominciato a verificare se era una precauzione che riguardava esclusivamente il mio cellulare o se era un problema diffuso. Ho scoperto che, per esempio, modelli di smartphone appetibili e presenti sul mercato, avevano stampato sul libretto di istruzioni di tenerli addirittura a due centimetri e mezzo dal corpo. Per avere un’idea di quanti siano due centimetri e mezzo, vi dico che corrispondono alla costola del mio libro che è di 350 pagine. Chiaramente nessuno sano di mente terrebbe il proprio cellulare a questa distanza e il problema è proprio che nessuno lo fa e che – cosa più importante – nessuno lo SA!”

BASTANO 10 ANNI PER AVERE L’EFFETTO NEFASTO

Lennart Hardell, scienziato svedese pioniere degli studi sulla correlazione cancro-cellulari, afferma: “Per l’amianto e il fumo i rischi si sono resi evidenti anche dopo 30-40 anni. Con i cellularigià dopo un decennio si comincia a vedere.” L’ultima ricerca condotta dai medici del Dipartimento di oncologia dell’ospedale universitario di Örebro, in Svezia, dimostra che l’uso dei telefoni cellulari per più di 10 anni e dallo stesso lato della testa per circa mezz’ora al giorno, aumenta il rischio di tumori cerebrali maligni di quasi 3 volte.

COME METTERSI AL RIPARO DAL RISCHIO IN MODO SEMPLICE

“Indicazioni di un aumentato rischio tra gli utilizzatori forti e di lungo periodo sono causa di preoccupazione. 
Misure semplici ed economiche, come l’uso di sms, auricolari e vivavoce potrebbero sostanzialmente ridurre l’esposizione del cervello… E’ consigliabile l’adozione di tali precauzioni, in particolare tra i giovani.”
Elisabeth Cardis, responsabile dello studio Interphone, la più grande ricerca internazionale sul legame cancro e cellulari.

IL CELLULARE DANNEGGIA IL DNA

test, coordinati dal gruppo tedesco “Verum”, hanno verificato in laboratorio gli effetti delle onde su animali e uomini. Ed hanno provato che, dopo l’esposizione a campi elettromagnetici, le cellule umane mostrano un aumento significativo nei danni al dna, chela cellula non sempre è in grado di riparare e che si trasmette alla generazione successiva di cellule. La mutazione cellulare è legata al cancro.

DI CELLULARE SI MUORE

Ecco l’intervista a Riccardo Staglianò in cui spiega chiaramente cosa si nasconde dietro l’oggetto più diffuso al mondo.

[video]

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Il tuo Cervello vuole preoccuparsi di Meno! Ecco come Allenarlo
Il tuo Cervello vuole preoccuparsi di Meno! Ecco come Allenarlo
(Campobasso)
-

Preoccuparsi eccessivamente non influisce solo sulla salute mentale, ma anche su quella fisica. Se è vero che una piccola preoccupazione ci aiuta a prepararci per affrontare meglio alcune situazioni, preoccuparsi troppo ci rende stressati, stanchi e più v
Preoccuparsi eccessivamente non influisce solo sulla salute mentale, ma anche su...

Una casa non l'avremo mai: MORIREMO IN AFFITTO...
Una casa non l'avremo mai: MORIREMO IN AFFITTO...
(Campobasso)
-

I lavori di oggi ti permettono di aprire un mutuo per acquistare l'auto dei tuoi sogni a rate, di andare tutti i pomeriggi al bar a bere l'aperitivo o di acquistare un capo firmato al mese, ma non ti permettono più di essere autosufficiente al 100%, di co
I meravigliosi anni 90 sono finiti, nonostante si tenti in tutti i modi di...

Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
(Campobasso)
-

Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato da Adele Gambaro arriva in Senato (commissioni giustizia e affari costituzionali) e riapre la polemica sulla legge-bavaglio, tra profili di incostituzionalità, correttivi leg
Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato...

Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
(Campobasso)
-

Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale l'argomento che chi non vota lascia decidere agli altri, ma non vuol dire che il suo non-voto non abbia significato, perché ogni presa di posizione è significativa per il politico
Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale...

Dieta, ecco i 15 alimenti per far scomparire la pancia!
Dieta, ecco i 15 alimenti per far scomparire la pancia!
(Campobasso)
-

Dieta: nasce il sistema ‘Abs’, basta mangiare i 15 alimenti elencati e la pancia scompare in questo modo  – Non esiste attualmente una dieta efficace che aiuta a perdere peso in modo naturale e semplice.
Dieta: nasce il sistema ‘Abs’, basta mangiare i 15 alimenti elencati e la pancia...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati