Deutsche Bank e titoli di Stato

(Torino)ore 14:30:00 del 06/10/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Economia

Deutsche Bank e titoli di Stato

Come sempre avviene, e per una semplice legge economica, se un venditore getta sul mercato una grande quantità di prodotti, dalle banane ai titoli di stato, il loro prezzo crolla.

Nella primavera del 2011, Deutsche Bank vende in blocco la bellezza di 7 miliardi in titoli di Stato italiani che aveva in pancia.

E così fu. La botta finale al governo, come tutti ricordano, la diedero i mercati finanziari, che non volevano più comprare i nostri titoli di Stato e attraverso questa via indebolirono vieppiù la guida di Palazzo Chigi. Sono passati cinque anni. E la verità sta venendo a galla. Le massicce vendite tedesche di Btp non rispondevano ad una razionalità economica, ma furono un’arma impropria di battaglia geopolitica. All’inizio del 2016, tra gennaio e febbraio, i mercati hanno messo in dubbio la capacità di Deutsche di pagare le cedole sulle sue obbligazioni subordinate, come una Mps qualsiasi. Poi a luglio non ha passato gli stress test americani ed è stata definita come una minaccia finanziaria globale. E in questi giorni si è beccata una multa dagli Stati Uniti che la potrebbe mettere definitivamente al tappeto. La malattia della prima banca tedesca è che negli anni ha emesso derivati per 75mila miliardi di euro, 20 volte il Pil tedesco, e nel suo bilancio pesano 30 miliardi di euro di derivati ad alto rischio. Titoli tossici che, se dovessero perdere anche solo una piccola percentuale del loro valore, azzererebbero il patrimonio della banca tedesca. Sono passati cinque anni e ciò che era chiaro ieri oggi diventa lampante. La banca tedesca scaricò l’Italia non per affrontare meglio un bilanciamento dei suoi rischi, che stavano da tutt’altra parte, ma per dare un segnale contro l’Italia. Nessuno lo potrà dimostrare per tabulas. Ma lo dice il buon senso. Quello che all’epoca mancò.

Nella relazione trimestrale del 30 giugno 2011 si legge un numeretto impressionante. All’inizio del periodo la banca tedesca aveva in portafoglio 8 miliardi di euro tra Btp e Cct e alla fine del periodo la consistenza era scesa a 996 milioni. Come sempre avviene, e per una semplice legge economica, se un venditore getta sul mercato una grande quantità di prodotti, dalle banane ai titoli di stato, il loro prezzo crolla. E se il venditore viene considerato autorevole, in molti lo seguono. È ciò che avviene sui nostri titoli di Stato. Sono falcidiati dalle vendite e, di conseguenza, il Tesoro italiano, per piazzare la sua merce, deve spendere un mucchio di quattrini in interessi (il cosiddetto spread si allarga con beni simili). La grande istituzione finanziaria fece trapelare che il suo comportamento era dettato dall’incertezza economica dell’Italia. Non voleva tenere in bilancio una merce che poteva andare a male e, dunque, se ne disfaceva. In Italia si gridò al complotto: i tedeschi, attraverso Deutsche Bank, mettevano con le spalle al muro il governo allora guidato da Silvio Berlusconi.

 

 

Autore: Alberto

Notizie di oggi
Questi mostri non fi fermano neanche davanti ai bambini: RIMPATRIO SUBITO?
Questi mostri non fi fermano neanche davanti ai bambini: RIMPATRIO SUBITO?
(Torino)
-

Sono solo degli animali,puntano a famiglie e bambini,che sono senza protezione e non si possono difendere.
Sono solo degli animali,puntano a famiglie e bambini,che sono senza protezione e...

Ci vorranno 40 anni per riprenderci dagli SFASCI di questi governi NON ELETTI
Ci vorranno 40 anni per riprenderci dagli SFASCI di questi governi NON ELETTI
(Torino)
-

Qualcuno potrebbe pensare che il governo sia in mano a degli schizofrenici, ed invece si sbaglia, questi sono una compagnia di sabotatori della democrazia cui è stato dato il mandato di distruggere la nostra società e il nostro modo di vivere.
Qualcuno potrebbe pensare che il governo sia in mano a degli schizofrenici, ed...

Inps, Bonus figli di 1000 Euro attivo: ecco come riceverli
Inps, Bonus figli di 1000 Euro attivo: ecco come riceverli
(Torino)
-

1000 euro all'anno, corrisposti in 11 mensilità dall'Inps. Destinato alle famiglie con bimbi nati o adottati dal 1° gennaio 2016 e iscritti a nidi pubblici e privati.
1000 euro all'anno, corrisposti in 11 mensilità dall'Inps. Destinato alle...

Pensionati italiani si trasferiscono in Albania: ecco perche'
Pensionati italiani si trasferiscono in Albania: ecco perche'
(Torino)
-

SEMBRA CHE TRASFERIRSI A VIVERE IN ALBANIA IN PENSIONE SIA UNA DELLE ULTIME MODE DEI PENSIONATI ITALIANI. ECCO I VANTAGGI E GLI SVANTAGGI DEL TRASFERIRSI IN PENSIONE IN ALBANIA.
SEMBRA CHE TRASFERIRSI A VIVERE IN ALBANIA IN PENSIONE SIA UNA DELLE ULTIME MODE...

Vaccino obbligatorio, la verità
Vaccino obbligatorio, la verità
(Torino)
-

Segue il Belgio, con soli 2 vaccini obbligatori, mentre tutti gli altri paesi del pianeta hanno un solo vaccino obbligatorio, o anche nessuno.
«Addirittura 12 vaccini, somministrati a bambini di tre mesi di vita? E’ da...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati