Delitto Sarah Scazzi ultime notizie: Michele Misseri accusato di autocalunnia

TARANTO ore 07:36:00 del 06/05/2015 - Categoria: Cronaca - Misseri

Delitto Sarah Scazzi ultime notizie: Michele Misseri accusato di autocalunnia

Delitto Sarah Scazzi ultime notizie: Michele Misseri accusato di autocalunnia. “Sono stato io, mia moglie e mia figlia non c’entrano niente”

Sono stato io, mia moglie e mia figlia non c’entrano niente”: più volte Michele Misseri, il contadino di Avetrana condannato in primo grado a 8 anni “solo” per occultamento del cadavere di Sarah Scazzi, in questi anni si è autoaccusato dell’omicidio di sua nipote, la 15enne uccisa il 26 agosto del 2010 nell’abitazione di Misseri in provincia di Taranto. L’uomo più volte in questi anni ha cambiato versione, prima accusandosi del delitto di Avetrana, poi ritrattando e infine puntando nuovamente il dito contro se stesso per “salvare” sua figlia Sabrina e sua moglie Cosima, le due donne che invece in primo grado sono state condannate all’ergastolo con l’accusa di aver ucciso Sarah Scazzi.

E ora per le sue parole, scrive il Corriere del Mezzogiorno, Michele Misseri è indagato per autocalunnia. Quello adottato dalla Procura della Repubblica sarebbe un atto dovuto: il contadino, secondo la Procura, per un patto familiare cerca di addossarsi le responsabilità dell’omicidio per salvare le due donne ancora in galera. Per il delitto di Sarah Scazzi è attualmente in corso a Taranto il processo d’Appello: in un’udienza dello scorso febbraio Cosima Serrano, moglie di Michele e zia di Sarah, ha nuovamente respinto ogni accusa. Ha raccontato la sua verità su quel 26 agosto 2010, giorno della scomparsa di Sarah Scazzi da Avetrana, facendo riferimento anche a suo marito Michele. In particolare in tribunale Cosima ha raccontato di due episodi in cui il marito, prima della scomparsa di Sarah, la minacciò in campagna con un’accetta e con una pietra.

Misseri dice di aver ucciso Sarah Scazzi – Misseri, da parte sua, oltre un mese dopo la scomparsa di Sarah Scazzi fece trovare il suo corpo all’interno di un pozzo in contrada Mosca dove lui stesso l’aveva buttata. In quella stessa occasione, nel corso di un interrogatorio, l’uomo disse ai magistrati di averla strangolata per un raptus a sfondo sessuale. Poi però ritrattò accusando la figlia Sabrina di aver partecipato con lui all’omicidio. Versione che in seguito ha nuovamente modificato addebitando l’uccisione alla figlia e a lui il solo occultamento del corpo e ancora, in seguito, dicendo di essere l’unico responsabile della morte della ragazzina.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Le ONG rifiutano gli ordini di Salvini!
Le ONG rifiutano gli ordini di Salvini!

-

Conta di più Un governo sovrano, come quello di cui fa parte il leader del Carroccio, o una ong spagnola che carica in mare gli immigrati partiti dalla Libia? Alla luce degli ultimi eventi la domanda è tutt’altro che retorica.
Tu chiamalo, se vuoi, pure braccio di ferro. Ma stavolta il confronto-scontro...

Caso Attali: credito, per finanziare i viaggi dei migranti
Caso Attali: credito, per finanziare i viaggi dei migranti

-

Conosciuto come l’eminenza grigia della politica francese dai tempi di Mitterand e noto per il suo ultraeuropeismo, Jacques Attali è l’uomo che ha scoperto Macron, presentandolo al presidente Hollande del quale è diventato consigliere.
Conosciuto come l’eminenza grigia della politica francese dai tempi di Mitterand...

MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno
MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno

-

“Una rivoluzione nell’approccio libero alla cultura”, dicono dal Campidoglio e un chiaro segno di un’apertura nei confronti di residenti e studenti.
Costa 5 euro e a partire da oggi darà accesso gratuito per 12 mesi alle gallerie...

Austria: espulsi 60 IMAM e bloccate 7 MOSCHEE
Austria: espulsi 60 IMAM e bloccate 7 MOSCHEE

-

Buona iniziativa del governo austriaco per contrastare la conquista islamica, ma purtroppo nel resto d'Europa i governi sonnecchiano colpevolmente
L'AUSTRIA ESPELLE 60 IMAM E BLOCCA 7 MOSCHEE Buona iniziativa del governo...

Respingere i barconi? La risposta UMANA alla crisi dei migranti
Respingere i barconi? La risposta UMANA alla crisi dei migranti

-

Le fotografie di bambini in gabbia nei centri di migrazione statunitensi, evidentemente separati dai genitori con cui erano entrati illegalmente nel paese, non danno una buona immagine dell’amministrazione Trump
Le fotografie di bambini in gabbia nei centri di migrazione statunitensi,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati