Dead Rising 4, guida

(Roma)ore 19:47:00 del 28/03/2017 - Categoria: , Videogames

Dead Rising 4, guida

Non ci siamo ovviamene lasciati sfuggire l'occasione di partecipare all'incontro per apprendere qualche nuovo dettaglio su questo atteso quarto capitolo.

Se sullo showfloor della Gamescon di Colonia Dead Rising era presente con la stessa breve demo giocabile dell'E3, all'interno dello spazio privato di Microsoft nella business area al titolo era riservata una stanzetta nella quale Joe Nickolls e Geoff Coates - rispettivamente studio head e art director del gioco presso Capcom Vancouver - giocavano un'altra build per PC realizzata appositamente per mostrare alcune caratteristiche della nuova avventura di Frank West. Non ci siamo ovviamene lasciati sfuggire l'occasione di partecipare all'incontro per apprendere qualche nuovo dettaglio su questo atteso quarto capitolo.

Prima cosa: il “nuovo” Dead Rising 4 è esattamente lo stesso uscito il 6 dicembre per Xbox One e dunque, se già possedete una copia dell’action in terza persona sviluppato da Capcom, non avete validi motivi per investire nuovamente circa sessanta euro. L’assenza del Play Anywhere impedisce però di provare Dead Rising 4 su PC e se vi trovate nella posizione di dover decidere se investire i vostri risparmi sul Windows Store o su Steam - o l’Humble Store o dove volete - la scelta deve necessariamente ricadere su quest’ultimo, se non altro per il supporto dato anche alle versioni precedenti a Windows 10, unico OS supportato invece dalla versione per Windows Store, dove non mancano tra l’altro molte lamentele sull’instabilità del codice, tra freeze e frequenti crash. Tornando al gioco, Dead Rising 4 per Steam ha tutti i pregi e i difetti della controparte console, Willamette è ancora la città più sfigata dell’America e del mondo, Frank West, con il suo essere costantemente sopra le righe è l’unico vero protagonista degno di questa serie e ogni oggetto può essere usato come arma, dai cartelli per la pulizia dei pavimenti, fino alle casse dei negozi, passando per spade o balestre con fuochi d’artificio. Un breve ripasso di cosa sia Dead Rising 4 per chi se lo fosse perso o fosse andato in letargo durante l’inverno. Il protagonista del quarto capitolo torna ad essere Frank West, il fotoreporter senza scrupoli pronto a tutto per un nuovo scoop che possa fruttare premi, ma soprattutto quattrini. Con la sua fidata macchina fotografica, il povero Frank è costretto a tornare alla ben nota Willamette, sulle tracce della sua allieva Vick e alla ricerca di informazioni sulla Obscuris e sugli artefici della nuova epidemia di non morti. La narrativa non è di certo il punto forte di Dead Rising 4, che però, grazie al suo non volersi mai prendere troppo sul serio e grazie al carisma di West, funziona e riesce a strappare qualche sorriso. Le meccaniche di gioco oscillano invece tra l’alto e il basso, con  i combattimenti che di certo non brillano per varietà di mosse, ma che risultano sempre interessanti grazie all’infinito arsenale messo a disposizione da Capcom, con la possibilità di creare armi sempre più esagerate e fuori testa. Non mancano poi i veicoli, con i quali schiacciare o mandare in mille pezzi zombie e soldati, ma la vera novità del quarto capitolo risiede nelle EXO Suite, degli esoscheletri da indossare e che dotano il buon Frank di una forza sovrumana, ma che hanno una durata molto limitata, un breve lasso di tempo necessario per non sbilanciare un gioco già di per sé molto semplice. Quello che invece funziona meno sono le fasi investigative, nelle quali vanno esplorati gli ambienti e le stanze alla ricerca di indizi, momenti lenti che spezzano il ritmo al contrario sempre sostenuto delle sezioni action. A fare da corollario, Capcom ha poi inserito un sistema di sviluppo, con i punti esperienza accumulati dalle uccisioni che vengono spesi in un albero delle abilità, utile a potenziare gli attacchi, l’uso delle armi, i punti vita, il crafting o che amplia gli slot per gli oggetti. Infine, la campagna non può essere affrontata in co-op e non dura moltissimo, viene anche completata in 7-8 ore andando dritto per dritto, ma sarebbe davvero un peccato, perché tra progetti, missioni secondarie e indizi per indagare più a fondo quello che sta succedendo, ci si perde che è un piacere fra i quartieri di Willamette.

Non proprio allo stato dell'arte

Finiti i preamboli, eccoci al cuore della questione: l’aspetto visivo, le performance e le opzioni di Dead Rising 4 in versione Steam. Il titolo ammirato su Xbox One non ha fatto a suo tempo gridare al miracolo e non è certo una delle produzioni visivamente più appaganti, con modelli dei personaggi spesso poco definiti e con ombre in bassa definizione. Su PC la situazione migliora sensibilmente, soprattutto utilizzando il preset grafico più spinto fra i quattro messi a disposizione - molto alto, alto, medio e basso - con texture che guadagnano in definizione, zombie più dettagliati ed effetti più ricercati. Se si fa però un paragone tra quanto offre Dead Rising 4 rispetto ad altri titoli usciti di recente o meno su PC, il confronto è quanto mai impari, soprattutto nelle cutscene e nei modelli utilizzati per tutti i vari personaggi che Frank West incontra lungo le strade e i negozi di Willamette. Senza troppi giri di parole, le scena che accompagnano i dialoghi chiave o che aprono e chiudono i vari casi sono brutte a vedersi e sembrano provenire dalla scorsa generazione: al di là del solo Frank, che risulta credibile nelle sue espressioni e più curato, le altre figure che passano sullo schermo sono anonime e anche con qualche problema di lip sync, così come tutte le texture risultano slavate e poco definite, soprattutto nelle inquadrature più ravvicinate. Durante l’azione ci si trova invece davanti a due strade separate: quando si menano le mani e si spappolano zombie, vuoi anche per la massa informe di non morti, Dead Rising 4 sa difendersi, la distruttibilità ambientale è ottima, gli oggetti hanno una fisica credibile - stando ai canoni del gioco ovviamente - e salvo qualche “incastramento”, gli zombie hanno delle ottime animazioni per quel che riguarda lo smembramento. Al contrario, quando il ritmo rallenta e si ha l’occasione per spaziare con lo sguardo, in particolar modo nei luoghi più aperti, si scorgono ambienti spogli, le fonti di calore non restituiscono distorsioni ed effetti al passo con i tempi, ma sono ancora una volta i personaggi secondari ad uscirne nel modo peggiore: i modelli sembrano davvero dei manichini o dei cartonati, i volti sono piatti, anonimi, con animazioni approssimative e muovono le labbra come se stessero balbettando la stessa sillaba in ripetizione. Non manca infine qualche piccolo bug o glitch, ma con centinaia e centinaia di zombie su schermo c’era da aspettarselo e non sono nemmeno difetti così gravosi, al contrario di un aliasing alle volte accentuato, anche utilizzando i filtri più performanti.

Le prestazioni contano

A conti fatti, il Forge Engine utilizzato per questo Dead Rising 4 - e impiegato anche per il capitolo precedente - riesce a raggiungere risultati sufficienti anche su PC, anche se il titolo sviluppato da Capcom non verrà ricordato negli anni come la pietra di paragone per quel che riguarda la sola grafica. Dove non ci si può invece lamentare in alcun modo è nelle prestazioni. La serie di Dead Rising è ben nota per riempire ogni angolo dello schermo con ogni sorta di zombie - questa volta la new entry sono i neomorti - ed anche questo quarto capitolo non fa certo eccezione, anzi. La configurazione utilizzata per mettere alla prova Dead Rising 4 era di fascia medio-alta - i7 4770k 3.5Ghz, 16Gb di Ram, Nvidia GeForce 1070 8Gb e Windows 10 - e, con il vsync attivato e impostando le opzioni grafiche su molto alto, il frame rate si è mantenuto inchiodato alla fatidica soglia dei 60 frame al secondo, e anche nelle fasi più caotiche, non abbiamo avvertito particolari intoppi. Gli unici lievi singhiozzi, a dire il vero piuttosto strani, sono stati avvertiti solo alla guida di qualche mezzo, anche quando la strada era pressoché sgombra di nemici; ci teniamo comunque a sottolineare come non si tratti di qualcosa di davvero sensibile. 

Il secondo pregio del port è di certo la sua estrema scalabilità, grazie al buon quantitativo di opzioni grafiche su cui lavorare, in ogni caso le stesse della versione disponibile su Windows Store. Oltre alla risoluzione e alla qualità dei dettagli, si può agire su circa una quindicina di impostazioni, come la qualità degli zombie, delle ombre e delle texture, così come non manca la possibilità di attivare o meno il bloom e i riflessi. Anche in questo caso, non ci troviamo davanti a quella sfilza di opzioni che vengono messe in campo da titoli nati innanzitutto per il mondo PC, ma trattandosi di un port da console, Dead Rising 4 non sfigura di certo. Quello che invece ci lascia con un retrogusto amaro in bocca è vedere ancora l'assenza del supporto per le DirectX 12

Per quel che riguarda il sistema di controlli, giusto per sfizio abbiamo provato ad utilizzare la combo mouse+tastiera, ma il risultato, dopo circa un’ora di test, è stata la distruzione del tasto sinistro del Logitech G502. Come è dunque logico aspettarsi, per godere al meglio del folle combat system di Dead Rising 4 occorre avere un joypad, anche se segnaliamo l’impossibilità di rimapparne i tasti e la stranezza di vedere su schermo lo schema inerente allo Steam Controller, pur avendo attaccato al PC il pad Xbox One.

Autore: Alberto

Notizie di oggi
Impact Winter, recensione
Impact Winter, recensione
(Roma)
-

Se il PC è la vostra piattaforma di riferimento e non giocate tantissimo ai titoli per dispositivi mobili, è molto probabile che il nome del team Mojo Bones non vi dica molto.
Se il PC è la vostra piattaforma di riferimento e non giocate tantissimo ai...

Recensione Forza Horizon 3 Hot Wheels
Recensione Forza Horizon 3 Hot Wheels
(Roma)
-

Le auto giocattolo, poi, dovevano necessariamente essere accompagnate da tracciati all'avanguardia, acquistati a peso d'oro dietro nostre pesanti insistenze, oppure regalate da munifici parenti.
Alzi la mano chi, da piccolo, non ha mai giocato con quelle che i nostri...

Destiny 2, cosa sapere
Destiny 2, cosa sapere
(Roma)
-

Scene epiche, transizioni immediate fra cut-scene e gameplay, e sopratutto un'interazione molto più viva e credibile  fra giocatori e NPC.
Bungie ha mostrato per la prima volta il gameplay di Destiny 2, per l'occasione...

Anteprima The Surge
Anteprima The Surge
(Roma)
-

Tutto ha inizio con il nostro arrivo nelle CREO Industries, azienda di ricerca dedita alla creazione di tecnologie in grado di salvaguardare la Terra e migliorare la vita dell’uomo.
Un Dark Souls in salsa Sci-Fi. È esattamente questo che aspettavamo di trovarci...

Recensione Akiba's Beat
Recensione Akiba's Beat
(Roma)
-

In seguito a uno strano sogno e all’incontro con la giovane Saki Hoshino, accompagnata dal fedele Pinkun, Asahi scoprirà di essere uno dei prescelti in grado di affrontare i fenomeni paranormali che stanno prendendo sempre più piede in quel di Akiba.
In una caotica Akihabara, il giovane Asahi Tachibana condurrà la sua tranquilla...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati