Dark and Light, recensione

(Firenze)ore 10:30:00 del 22/08/2017 - Categoria: , Videogames

Dark and Light, recensione

Ci sono più di 50 tipi di creature di aria, terra e mare da ammirare, combattere e domare grazie al pet system.

Dark and Light è attualmente molto più focalizzato sugli elementi sandbox rispetto alla versione del 2004, e con l’avanzamento del motore grafico Unreal Engine è stata migliorata anche la grafica. Il mondo di gioco presenta vulcani, montagne innevate, paludi, pianure, foreste e una gran quantità di isole sconosciute che attendono di essere scoperte ed esplorate.

Ci sono più di 50 tipi di creature di aria, terra e mare da ammirare, combattere e domare grazie al pet system. Il ciclo giorno/notte contribuisce a rendere l’esperienza ancora più realistica e immersiva, così come la pioggia, il gelo, la neve e persino l’eclissi solare. Per quanto riguarda invece i combattimenti, sappiamo che i giocatori possono scegliere fra dieci tipi di abilità e armi, sfruttando tutte le azioni normali come la schivata e il rotolamento anche durante gli scontri.

Dark and Light abbandona la trama classica dei giochi MMORPG, le quest e i raid, puntando tutto su un gameplay libero. I partecipanti possono infatti scegliere il luogo di nascita, la professione e le competenze che desiderano imparare.

Un bravo guerriero potrà ad esempio difendere il territorio e combattere gli invasori, un avventuriero dedicherà la sua vita a esplorare il mondo e un artigiano potrà costruire una bella casa.Il tutorial iniziale vi guiderà passo per passo (quasi prendendovi teneramente per mano) nella raccolta di risorse e nel crafting, le cui ricette di creazione verranno sbloccate con l’avanzamento di livello. La varietà di strumenti craftabili spazia dalle semplici armi e classici utensili (no, non ci sarà bisogno di crafting table cuboidi questa volta) ad armi d’assedio e sfarzose armature fino a veri e propri castelli… perché niente fa capire al nabbo di turno chi è il boss di zona come un enorme castello in pietra con tanto di drago sputafuoco da guardia all’ingresso.

L’editor di creazione del personaggio è piuttosto standard, ma si rivela in grado di permettere la creazione di personaggi peculiari e sempre diversi (no, le nane non hanno la barba e smettetela di chiederlo) oltre a mostri disumani che dovrebbero essere relegati nella dimensione onirica dell’incubo.

Per quanto riguarda il comparto tecnico, il gioco fa acqua da tutte le parti. Infiniti tempi di caricamento, crash improvvisi, numerosi bug grafici e un framerate ballerino anche a basse risoluzioni infestano quello che a prima vista sembrerebbe un gioco dalle grandi potenzialità. L’instabilità degli incredibilmente numerosi e popolati server rende la sezione pvp ostica, nonché ancora a me sconosciuta. Discorso a parte va fatto per l’ottimizzazione del gioco che sembra essere presente (in quanto pubblicizzata nel banner iniziale) solo per i sistemi grafici Nvidia, mentre risulta poco curata o addirittura assente nei confronti di Radeon, cosa che risulta un pochino irritante visto che sembra essere una moda degli ultimi tempi. L’utilizzo del motore grafico Unreal Engine di quarta generazione è un balsamo per gli occhi, messi davanti a un vasto mondo reso con magistrale perfezione e realismo, che però non basta a distrarci dalle numerose e fastidiose imperfezioni di questo titolo.

Dark and Light può essere una buona avventura capace di regalare ore e ore di intrattenimento alla pari di serie più note e affermate, ma al momento è come un bambino che sta muovendo i primi passi in un mondo di giganti, ha bisogno di supporto da parte degli utenti per crescere e soddisfare le aspettative di tutti noi.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Dead or Alive 6, cosa sapere
Dead or Alive 6, cosa sapere
(Firenze)
-

Tutto inizia con l'introduzione del Break Gauge meter, una barra che si riempie colpo dopo colpo e che una volta al massimo può essere usata per sferrare il Fatal Rush, una combo devastante formata da più "Break Blows", o contrattaccare quasi qualunque at
In un mondo di picchiaduro dove il genere, i giochi, i set di mosse e in...

PES 2019, cosa sapere
PES 2019, cosa sapere
(Firenze)
-

Potete immaginare la delusione quindi quando il provato ci ha mostrato invece un titolo che probabilmente si ritrova addirittura qualche passo indietro rispetto all'anno scorso.
Sembrano ormai secoli da quando nei primi anni 2000 non esisteva titolo...

Just Cause 4, guida
Just Cause 4, guida
(Firenze)
-

I giochi di questa serie si sono evoluti cercando di tramutare le leggi del mondo e della fisica in strumenti di gameplay per far viaggiare la fantasia oltre a ogni tipo di realtà.
Negli anni Just Cause è diventato il sinonimo di tutto ciò che è impossibile e...

Super Smash Bros Ultimate, guida
Super Smash Bros Ultimate, guida
(Firenze)
-

Da allora, inutile dirlo, i fan si sono persi in un mare senza fine di speculazioni, che riguardavano tanto la natura del titolo (riedizione della versione Wii U o nuovo gioco?), quanto l’identità dei possibili nuovi personaggi.
L’annuncio di un nuovo Super Smash Bros. era stata la grande sorpresa di uno...

Come scegliere una TV per giocare
Come scegliere una TV per giocare
(Firenze)
-

In un’epoca sempre più multimediale e convergente, la scelta di un televisore capace di soddisfare le più comuni esigenze di visione domestica, ma anche quelle di intrattenimento digitale sulle console da gaming, diventa vitale.
Un Tv per guardare e per giocare In un’epoca sempre più multimediale e...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati