Dai 5 ai 10 centesimi per ogni busta nei supermercati: MA E' GIUSTO PAGARLE?

(Napoli)ore 07:46:00 del 04/07/2017 - Categoria: , Curiosità, Sociale

Dai 5 ai 10 centesimi per ogni busta nei supermercati: MA E' GIUSTO PAGARLE?

QUASI TUTTI I SUPERMERCATI CI FANNO PAGARE LE LORO BUSTE DAI 4 AI 10 CENTESIMI DI EURO L’UNA. ECCO QUANDO NON È GIUSTO PAGARLE.

QUASI TUTTI I SUPERMERCATI CI FANNO PAGARE LE LORO BUSTE DAI 4 AI 10 CENTESIMI DI EURO L’UNA. ECCO QUANDO NON È GIUSTO PAGARLE.

Da qualche anno tutti i supermercati della grande distribuzione organizzata sono stati obbligati ad adeguare le proprie borse della spesa e renderle di materiale compostabile in modo da poter essere riciclate e gettate nei secchi della raccolta differenziata dell’umido.
Avrete sicuramente notato che tutti siamo costretti a pagare tali buste, che vengono inserite negli scontrini con una cifra che si aggira intorno ai 3, 4 o addirittura 5 o 10 centesimi, per dei sacchetti che il più delle volte sono sponsorizzati perchè recano il logo del supermercato sulla facciata.

Se fossero sacchetti anonimi, forse sarebbe anche giusto pagarli, ma è corretto far pagare per un sacchetto che comunque è sponsorizzato e funge da vettore pubblicitario? Per assurdo sarebbe più giusto il contrario, ovvero che fosse il supermercato a pagare il cliente affinchè porti in giro il sacchetto con il logo, portando ovvia pubblicità.
Siamo davanti ad un vero e proprio paradosso, dove il cliente si ritrova costretto a pagare una cosa per la quale dovrebbe lui essere pagato. Ma è possibile rifiutarsi di pagare la busta della spesa? Analizziamo ancora la situazione.

Come detto, vista la quantità di buste della spesa che vengono fatte circolare, il supermercato si ritrova una quantità di pubblicità davvero notevole e dovrebbe ritenersi soddisfatto dell’investimento, e non richiedere addirittura un pagamento supplementare, come analizzato da alcuni esperti della società ADICO.Inoltre i supermercati sono già ampiamente ripagati del costo del sacchetto dal ricarico che effettuano sui vari prodotti, che nonostante le varie offerte è sempre notevole per i supermercati della grande distribuzione organizzata.
Secondo gli esperti che hanno analizzato il fenomeno, i supermercati arrivano ad un arricchimento indebito che potrebbe portare anche ad un infrangimento dell’articolo 2041 del Codice Civile che impone a chi si arricchisce in maniera indebita ai danni di un’altra persona è obbligato a indennizzare il danneggiato della “correlativa diminuzione patrimoniale”.

Sarebbe quindi possibile per il consumatore rivolgersi al Tribunale per la questione delle borse della spesa e far fare un accertamento sull’indebito arricchimento dello stesso, e si potrebbe tranquillamente ottenere una condanna del supermercato che porterebbe alla dovuta restituzione di quanto non dovuto, con in più il pagamento totale delle spese legali.
Tuttavia il problema in Italia è sempre lo stesso: a causa della lentezza dei processi, soprattutto civili, è possibile che il rapporto tra i costi sostenuti e i benefici non sia fruttuoso. Spieghiamo meglio: il consumatore dovrebbe sostenere delle pesanti spese legali per recuperare pochi centesimi di euro, spese che in caso di vittoria della causa potrebbero essere restituite, ma che vista la situazione italiana potrebbero rientrare solo dopo diversi anni, vista anche l’atteggiamento costante degli avvocati difensori di questi grandi marchi che tendono sempre a allungare i tempi processuali per cercare di scoraggiare gli utenti che fanno causa.

Il presidente della società ADICO, Carlo Garofolini, invita quindi a valutare bene prima di intentare una causa contro i grossi supermercati e di cercare di aggirare il problema delle borse della spesa a pagamento portando delle borse da casa, di quelle riutilizzabili ed anche più resistenti.

Da: Jeda

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Deforestazione? CARTA DI CANAPA miglior alternativa per combatterla
Deforestazione? CARTA DI CANAPA miglior alternativa per combatterla
(Napoli)
-

L’uso della fibra di canapa per produrre carta risale a più di 2mila anni fa, eppure l’umanità continua ad abbattere alberi e ad inquinare l’ambiente.
L’uso della fibra di canapa per produrre carta risale a più di 2mila anni fa,...


(Napoli)
-


Per immaginare la vostra futura dieta a base di insetti, non pensate a una...

Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
(Napoli)
-

L'Europa attacca ancora una volta l'Italia. E questa volta, a farne le spese, è il vino.
Dopo lo spumante, la Commissione europea ha dato il via libera alla...

Come Stan Lee ha rivoluzionato il mondo dei Fumetti
Come Stan Lee ha rivoluzionato il mondo dei Fumetti
(Napoli)
-

È morto Stan Lee. Aveva 95 anni – a fine anno ne avrebbe compiuti 96 – e da tempo iniziava a mostrare segni che facevano presagire ai fan l’imminenza della sua morte, soprattutto dopo il suo ricovero a Los Angeles per problemi respiratori e cardiaci lo sc
È morto Stan Lee. Aveva 95 anni – a fine anno ne avrebbe compiuti 96 – e da...

Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
(Napoli)
-

Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei crimini compiuti dell’Occidente. 
Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati