Crisi italiana: cosa conoscere

(Palermo)ore 14:02:00 del 15/10/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Economia

Crisi italiana: cosa conoscere

I nuovi commercianti sono perlopiù cinesi, indiani e pakistani: pochi pagano le tasse e poi spariscono

Perché costoro devono pagare le tasse e contributi (ad un 3.governo da 5 anni non eletto) se l'introito viene spacciato in magna magna, pensione d'oro, vitalizi, ovunque spese pazzesche ecc.ecc., alla fine non hanno nemmeno servizi sociali "Welfare state" perché mancano sempre soldini!!! Meglio, Fai da te fai x tre.

Non solo. «L’imprenditoria straniera nel commercio presenta gravi segnali di irregolarità», denuncia ancora Bussoni. E infatti dall’analisi delle banche (dati forniti dall’Inps) emerge che quasi 100mila imprese di commercio su aree pubbliche, di cui più di 70mila (l’83 per cento) a titolarità straniera, non ha mai versato un contributo negli ultimi due anni. E sarebbe il caso di intervenire.

E dove c’è bottega c’è lavoro. Gli addetti delle imprese non italiane crescono a un ritmo sette volte superiore (+8,7%) a quello della media del settore (+1,7%). Dinamismo che nasconde qualche criticità. «Le imprese guidate da titolari non italiani, infatti – spiega Mauro Bussoni, segretario generale di Confesercenti – hanno un ciclo di vita molto più breve della media del settore. Oltre un terzo delle attività chiude entro due anni dall’apertura perché investono poco, come dimostra la concentrazione in attività marginali, esempio frutterie, in cui l’avvio d’impresa ha un costo nettamente inferiore a quelli del negozio tradizionale».

 

Abbiamo detto del tessile. Pensate che in questo settore nove imprese su 100 sono a gestione straniera. Nulla a che vedere però con il fenomeno delle frutterie finto minimarket. Ce le abbiamo ormai ovunque, sotto casa, dietro l’angolo: più 11,8 per cento nell’ultimo anno. Se non è boom questo. Ma cresce anche il numero di rivenditori nei settori informatico (+11,2%), ferramenta (+6,4%), macellerie (+6,8%).

Le cifre di Confesercenti parlano chiaro: Nel 2016 hanno aperto 7 mila aziende gestite da non italiani. Ora sono 160 mila, il 19 per cento del totale. Manca poco alla colonizzazione. Tra i settori a più alta densità forestiera: moda, tessile, frutterie, elettronica. Di farmacie, ottici e profumerie frega poco. Per ora. Perché già nell’ambito del commercio ambulante gli imprenditori non italiani sono la maggioranza: ad agosto 2016 le attività guidate da stranieri erano 103mila, il 53,1% del totale e il 4,9% in più rispetto allo scorso anno.

Di solito è cinese o indiano-pakistano, è restio a qualsiasi tipo di contributo e per questo motivo è poco propenso a stabilizzarsi. Massimo due anni e leva il disturbo.

Ormai i governi cattocomunisti anti-italiani e terzomondisti hanno trasformato il nostro povero Paese in terra di invasione e di conquista. Almeno una volta erano "Francia o Spagna", adesso siamo invasi e conquistati dal terzo mondo. Con la benedizione del papa pampero, naturalmente.

 

Sarà anche l'idiozia degli amministratori che emettono norme che consentono facilitazioni economiche e fiscali che sono precluse ai cittadini italiani massacrati dal fisco. Se poi guardiamo alla comunità cinese, padrona del commercio, ci sarebbe da chiedersi perché le forze dell'ordine non indagano sui loro traffici.

ECCO COME RIPARTE L’ITALIA DI RENZI: NEGOZI ITALIANI CHIUDONO E LI SOSTITUISCONO STRANIERI CHE NON PAGANO LE TASSE E POI SPARISCONO. L’ACCUSA DI ..

Roma – Noi chiudiamo baracca, loro la aprono. E generalmente non pagano le tasse. Nel quadro dell’attuale desertificazione delle attività commmerciali in Italia (saldo negativo di 3mila imprese nel 2016) sguazza come non mai l’imprenditore straniero.

I nuovi commercianti sono perlopiù cinesi, indiani e pakistani: pochi pagano le tasse e poi spariscono

Autore: Luca

Notizie di oggi
Cicciolina? 2331 Euro di vitalizio dal 2011!
Cicciolina? 2331 Euro di vitalizio dal 2011!
(Palermo)
-

Ilona Staller, in arte Cicciolina, ex pornostar ma per chi ancora non lo sapesse pure ex parlamentare radicale dal 1987 al 1992 e leader del cosiddetto “Partito dell’Amore” (con Moana Pozzi presero l’1%), dall’ottobre 2011 riscuote ogni mese il vitalizio
Ilona Staller, in arte Cicciolina, ex pornostar ma per chi ancora non lo sapesse...

Fidget Spinner? Uno strumento per manipolare le menti dei Giovani
Fidget Spinner? Uno strumento per manipolare le menti dei Giovani
(Palermo)
-

«Gli spinner zombificano i nostri giovani e ne rendono manipolabili le menti», ha sostenuto qualche giorno fa un conduttore di Rossyia 24, canale tv filo-governativo, durante una lunga trasmissione dedicata all’infernale aggeggio made in Usa.
«Gli spinner zombificano i nostri giovani e ne rendono manipolabili le menti»,...

Vaccini, UCCISA LA DEMOCRAZIA: Mandanti ed esecutori ,come al solito, la faranno franca.
Vaccini, UCCISA LA DEMOCRAZIA: Mandanti ed esecutori ,come al solito, la faranno franca.
(Palermo)
-

Vaccini, Senato approva decreto: sanzioni abbassate, monodose, niente farmacie, obbligatori da 12 a 10.
Vaccini, Senato approva decreto: sanzioni abbassate, monodose, niente farmacie,...

Debiti, rifiuti, tasse, infrastrutture: 1 anno di Raggi a Roma. Cosa e' cambiato? NIENTE!
Debiti, rifiuti, tasse, infrastrutture: 1 anno di Raggi a Roma. Cosa e' cambiato? NIENTE!
(Palermo)
-

“La sporca metafora di Roma”, titolava il 10 maggio il New York Times – che già nel 2015 criticò il “marziano” Ignazio Marino, sancendone il declino – nel commentare la triste fotografia della Città Eterna invasa (di nuovo) dai rifiuti. Siamo quasi arriva
Debito, tasse, patrimonio, partecipate, infrastrutture, rifiuti, lavoro. A quasi...

La priorita' della Boldrini? Ius Soli entro settembre!
La priorita' della Boldrini? Ius Soli entro settembre!
(Palermo)
-

LA BOLDRINOVA S’E’ SVEGLIATA E PURE LEI CI TIENE A FAR SAPERE COSA PENSA SULLO “IUS SOLI” – “DEVE ESSERE APPROVATO ENTRO LA FINE DELLA LEGISLATURA OPPURE SI ALIMENTA LA RABBIA” – DI CHI, DI CHI HA VOTATO IL PRESIDENTE DELLA CAMERA?
LA BOLDRINOVA S’E’ SVEGLIATA E PURE LEI CI TIENE A FAR SAPERE COSA PENSA SULLO...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati