Cosa visitare Bordeaux

(Catanzaro)ore 16:08:00 del 18/04/2017 - Categoria: , Luoghi da visitare

Cosa visitare Bordeaux

C’è un omaggio da fare: ai 120 anni di Mollat, la più grande libreria indipendente di Francia, 18 chilometri di scaffalature, 450 mila volumi.

COSA VEDERE BORDEAUX - Bordeaux è una città sorprendente e ricca di luoghi da non perdere: approfittate di un giro in barca sulla Garonna, ammirate il Mirroir d’Eau che farà la gioia di piccoli e grandi, passeggiate nel Giardino pubblico,  visitate la maestosa torre Pey Berland ed approfittate della piacevole atmosfera della città vecchia. Create il vostro programma personalizzato, organizzate il vostro soggiorno, prenotate online le visite guidate e scoprite la città! Cosa fare in 1, 2, 3 giorni a Bordeaux? Cosa visitare? Dove andare? Ecco alcuni suggerimenti dei luoghi imperdibili!

COSA VEDERE A BORDEAUX
Car crash
 In place Gambetta, a un niente dall’Hôtel de Ville e dalla cattedrale, in rue Victor Hugo, una Jaguar MK 2 anni Sessanta è sospesa nel vuoto, ai piani alti di un grosso parcheggio: è un’installazione artistica del 1994, Car Crash.

COSA VEDERE BORDEAUX --Place de La Bourse e La Libreria Mollat
Si prosegue per inerzia verso Saint-Pierre, centro di gravità della nuova Bordeaux, e si percorre l’interminabile rue Sainte-Catherine, che scende verso la zona Saint-Michel, popolare e meticcia, prima di risalire il lungofiume verso la monumentale place de la Bourse e da lì puntare al triangolo d’oro delle botteghe chic, tra allées de Tournycours Clemenceau e cours de l’Intendance. C’è un omaggio da fare: ai 120 anni di Mollat, la più grande libreria indipendente di Francia, 18 chilometri di scaffalature, 450 mila volumi. Qui tutto è cultura: creativi che reinventano le funzioni di fabbriche e magazzini abbandonati e commercianti che s’improvvisano galleristi e mecenati per ospitare opere d’arte, come alla bottega di fiori Madragore o nell’officina meccanica Garage Moderne.

COSA VEDERE BORDEAUX --Il quartiere Chartrons
Dopo una tappa al Museo di Arte Contemporanea, è rue Notre-Dame a fare le presentazioni del quartiere Chartrons, con antiquari, librai e designer a occupare il piano strada di residenze e magazzini. Qui era nato e cresciuto il commercio del vino gestito da danesi, tedeschi e inglesi che, nel XVIII secolo, avevano fatto fortuna e lasciato poi in eredità valori importati dall’Europa protestante: il rigore, la discrezione, la cultura del saper fare, più che quella del far sapere.

COSA VEDERE BORDEAUX -Sulla Garonna
Pochi passi, e nel weekend si finisce dove vanno tutti, sul lungofiume che dopo l’Hangar 14 diventa una rambla balneare, tra outlet, griffe, ristorantini e un roller skate park. Il centro storico è ormai lontano, ma è meglio non rinunciare ad allungare il passo verso Bacalan, tra vecchie gru, case galleggianti e canali di raccordo che tengono insieme bacini artificiali.

La sorpresa diventa sconcerto davanti alla lugubre sagoma di una base sottomarina utilizzata durante la guerra dai tedeschi per i loro U-boot. Oggi, all’interno, gallerie e cunicoli ospitano eventi artistici ed esposizioni temporanee. E al molo Lalande, l’I.Boat ha gettato definitivamente l’ancora e si prende la scena, “imbarcazione intelligente” e per la verità anche onirica: musica house, dj set, band emergenti e un ristorante pieno di iodio. Sono 2.500 lamelle di alluminio e 650 scaglie di vetro a catturare le luci dell’alba per rifrangerle sui vecchi moli del Bassin à Flots. E attorno alla Cité du Vin, che a giugno aprirà al pubblico, è tutto un distillare di simbologie e allegorie. Grandiosa, come una cattedrale incurvata e arrotondata, che a qualcuno rammenta i movimenti fluttuanti della Garonna, ad altri, la sinuosità della vite matura. Vedrà esposizioni temporanee e atelier per degustazioni planetarie, vigne arrampicanti, immagini in 3D e ologrammi, spazi tematici, una nave da 50 posti per rimontare il tempo, un ristorante panoramico, un belvedere mozzafiato.  Sulla sponda destra del fiume, nella vecchia caserma Neil, nel 2012 ha aperto Darwin, una Arcadia per giovani e famiglie, per alternativi e hipster: un ristorante e un market bio, uno skate park coperto, alloggi temporanei per artisti, giganteschi graffiti dalle atmosfere berlinesi e un spazio di coworking per piccole imprese che si occupano di grafica digitale, sharing-economy e commercio etico. All’esterno, il moderno e scenografico ponte Chaban-Delmas si alza per lasciare transitare le navi da crociera.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Cosa visitare Tokyo
Cosa visitare Tokyo
(Catanzaro)
-

COSA VEDERE TOKYO - Tokyo, oltre ai suoi siti irrinunciabili affascina perché piena di vie apparentemente anonime tra cui perdersi, scoprendo così la sua anima più vera
COSA VEDERE TOKYO - Templi, quartieri dello shopping, musei, Palazzi imperiali e...

Tianjin, luoghi da vedere
Tianjin, luoghi da vedere
(Catanzaro)
-

TIANJIN, COSA VEDERE - Oltre a Tianjin nella municipalità si trovano anche alcune città portuali sul golfo di Bohai come Tanggu and Hangu.
TIANJIN, COSA VEDERE - Tianjin è una delle quattro municipalità della Repubblica...

Luoghi da visitare Shanghai
Luoghi da visitare Shanghai
(Catanzaro)
-

E’ uno dei simboli più rappresentativi di Shanghai e da sempre l’orgoglio degli abitanti
COSA VEDERE SHANGHAI - Shanghai per la prima volta, si pone il problema di...

Luoghi da visitare Pechino
Luoghi da visitare Pechino
(Catanzaro)
-

COSA VEDERE PECHINO - Di certo possiamo trascorrere qualche giorno soggiornando in città e andando alla scoperta dei luoghi più importanti a livello culturale e storico per questa nazione.
COSA VEDERE PECHINO - Scegliere cosa vedere a Pechino è un’impresa tutt’altro...

Cosa visitare Ayutthaya
Cosa visitare Ayutthaya
(Catanzaro)
-

Visitate Ayutthaya in modo autonomo. I tour organizzati si limitano a un giro veloce di 2 o 3 siti. Se viaggiate in modo indipendente vi gestirete secondo i vostri tempi ed esigenze.
AYUTTHAYA, COSA VEDERE - Ayutthaya fu la seconda capitale del Siam per più...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati