Cosa vedere Assisi

(Perugia)ore 15:08:00 del 24/01/2019 - Categoria: , Luoghi da visitare

Cosa vedere Assisi

Ci sembra d'obbligo cominciare il nostro tour dalla magnifica Basilica di San Francesco, costruita nell'XIII secolo e composta da due parti talmente diverse da essere complementari, la Chiesa Inferiore e la Chiesa Superiore.

COSA VEDERE ASSISI - La Basilica di San Francesco è la prima tappa da visitare quando si va ad Assisi, in Umbria. Se la prima pietra venne posata il 17 luglio del 1228, il giorno dopo che Gregorio IX proclamò santo Francesco, la chiesa venne completata nel maggio del 1230, appena quattro anni dopo.

COSA VEDERE ASSISI - Eretta sul Colle dell’Inferno, ereditato da Frate Elia due anni dopo la morte del santo, la basilica è composta da due chiese sovrapposte, ovvero la Basilica Inferiore e la Basilica Superiore. Le opere che decorano entrambe le chiese si rifanno a menti e mani celebri, come quelle di Giotto, Simone Martini, Cimabue: se nella chiesa superiore si trovano gli affreschi di Giotto che illustrano la vita di San Francesco, in quella inferiore si trova la Cripta con le spoglie del Santo.

COSA VEDERE ASSISI - Ci sembra d'obbligo cominciare il nostro tour dalla magnifica Basilica di San Francesco, costruita nell'XIII secolo e composta da due parti talmente diverse da essere complementari, la Chiesa Inferiore e la Chiesa Superiore.

Varcate le belle porte di quercia scolpite da Niccolò da Gubbio ed entrate nella Chiesa Inferiore; proseguendo in fondo alla navata potrete ammirare la cappella di Santa Caterina, costruita dal famoso cardinale Albornoz, che vi è sepolto. Ammirate le meravigliose cappelle laterali dipinte da artisti del calibro di Giovanni da Cosma e Taddeo Gaddi, così come la volta della navata che è una vera e propria opera d’arte con affreschi ad opera di diversi artisti tra cui Simone Martini, Giotto e la sua scuola.

In fondo alla navata ecco l'altare maggiore, eretto in corrispondenza della tomba di San Francesco, sopra il quale troneggiano quattro grandi affreschi in cui Giotto ha glorificato le tre virtù fondamentali della Regola francescana: Povertà, Obbedienza e Castità.

Dalla Chiesa Inferiore si può scendere alla cripta nella quale riposa la salma del Santo.

>> NON TUTTI SANNO CHE... Questo sotterraneo è stato ricavato interamente lasciando intatto il masso calcareo che conteneva il sarcofago del Santo!

Fermatevi ora a guardare la Chiesa Superiore, con la sua famosa facciata gotica lineare e raffinata al cui centro troneggia un bellissimo rosone. Una volta entrati verrete stregati dalla luce che filtra attraverso le artistiche vetrate, in contrasto con la Chiesa Inferiore nella quale la luce è notevolmente minore.

La parte superiore è ricoperta di affreschi che narrano del Vecchio e Nuovo testamento, la cui attribuzione è ancora incerta dopo la tesi che voleva affidare la paternità a Giotto e a Cimabue. Le pareti inferiori sono invece opera di Giotto e della sua scuola. Questo è il ciclo pittorico più importante ed interessante dell’iconografia francescana.

>> NON TUTTI SANNO CHE... Fra i 28 meravigliosi affreschi di Giotto che narrano la vita di San Francesco nella Basilica di Assisi, ce n`è uno in cui si vede il Santo che appare ai suoi compagni su un carro di fuoco, una visione che i frati ebbero un giorno nella Chiesa di San Rufino, mentre San Francesco era intento a pregare.

Cosa vedere a Assisi dopo questa meraviglia? Proseguendo per Via San Francesco raggiungerete la medievale Piazza del Comune attorno a cui spicca il Tempio di Minerva, risalente al I secolo a.C., un vero gioiello d'arte antica.

Per percorrere le orme del Santo, uscite dalla piazza e scendete subito a destra vi trovate davanti alla Chiesa Nuova, realizzata nel ‘600 sulla casa natale di S. Francesco. Costeggiando la chiesa si arriva all’Oratorio di S. Francesco Piccolino, nel quale secondo la leggenda nacque il Santo.

Percorso Corso Mazzini vi trovate in Piazza S. Chiara, dominata dall'omonima Basilica. All'interno della Basilica di S. Chiara, potete ammirare i resti della Santa e il bellissimo crocifisso ligneo che, sempre secondo la leggenda, parlò a S. Francesco.

>> NON TUTTI SANNO CHE... I trovatori provenzali si diffusero in tutta Europa e scesero anche ad Assisi. Da essi Francesco imparò l`arte del poetare, facilitato dal fatto di conoscere la lingua francese da sua madre, avendo egli stesso origini provenzali.

Autore: Alberto

Notizie di oggi
Spiagge piu' belle d'Italia: tutte le 5 vele 2019
Spiagge piu' belle d'Italia: tutte le 5 vele 2019
(Perugia)
-

SPIAGGE PIU' BELLE D'ITALIA 5 VELE 2019 - E’ stata pubblicata la guida sul meglio del mare e dei laghi italiani e illustra i luoghi migliori in cui passare una vacanza al mare e al lago all’insegna di natura e acqua pulitaconsiderando anche la presenza ec
SPIAGGE PIU' BELLE D'ITALIA 5 VELE 2019 - E’ stata pubblicata la guida sul...

Idee viaggi low cost estate 2019
Idee viaggi low cost estate 2019
(Perugia)
-

IDEE VIAGGI LOW COST ESTATE 2019 - Le vacanze dell’estate 2019, per più della metà degli italiani, saranno all’estero.
IDEE VIAGGI LOW COST ESTATE 2019 - Le vacanze dell’estate 2019, per più della...

Crociere sul Nilo 2019: cosa vedere e offerte
Crociere sul Nilo 2019: cosa vedere e offerte
(Perugia)
-

CROCIERE SUL NILO 2019 - È uno dei viaggi più belli che si possano fare nella vita. Parola di chi di viaggi se ne intende.
CROCIERE SUL NILO 2019 - È uno dei viaggi più belli che si possano fare nella...

7 meraviglie da visitare assolutamente in Toscana
7 meraviglie da visitare assolutamente in Toscana
(Perugia)
-

È uno spunto di riflessione che si afferma in un unicum quale le Sette Meraviglie della Toscana, che è poi il titolo di una mostra nell’area della Polveriera, alla Fortezza da Basso dal 24 aprile al 1 maggio, in occasione del MIDA 2019.
La vera ricchezza della Toscana, oltre alle architetture di un glorioso passato...

Picnic 1 maggio 2019: dove andare?
Picnic 1 maggio 2019: dove andare?
(Perugia)
-

Per la Festa del Lavoro del Primo maggio non c’è niente di meglio che una bella gita all’aperto con picnic. È un classico dei giorni di festa di primavera e il tempo si spera sia finalmente buono, con temperature piacevoli da stare all’aria aperta, seduti
Per la Festa del Lavoro del Primo maggio non c’è niente di meglio che una...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati