Cosa si nasconde dietro al SILENZIO di MATTARELLA?

(Bologna)ore 18:30:00 del 21/05/2018 - Categoria: , Politica

Cosa si nasconde dietro al SILENZIO di MATTARELLA?

Sergio Mattarella osserva con attenzione, silenzio e grande prudenza quello che sta accadendo. Consapevole, si dice sul Colle, che ogni sua parola rischierebbe di aggravare la situazione

Sergio Mattarella osserva con attenzione, silenzio e grande prudenza quello che sta accadendo. Consapevole, si dice sul Colle, che ogni sua parola rischierebbe di aggravare la situazione. L' agitazione dei mercati, lo spread che sale, gli interrogativi dei commissari europei e dei capi di Stato. Ma soprattutto i mercati, il rischio più grande. Osserva quello che accade. E anche quello che non accade, visto che da lunedì aspetta, invano, il nome del presidente del Consiglio. Nome che Luigi Di Maio e Matteo Salvini gli avevano assicurato domenica scorsa che gli avrebbero fatto. Si sono lasciati con l' impegno, da parte di Di Maio e Salvini, di farsi sentire quando sarebbero stati pronti.

Al momento aggiornamenti non ce ne sono stati. Comunicazioni ufficiose, sì. Ma ufficiali no. E sono solo queste quelle che contano. Naturalmente Mattarella segue tutto quello che sta accadendo. Il lavoro sul contratto di governo è osservato con attenzione, ma nel silenzio più assoluto.

Perché su quello, si dice sul Colle, il presidente non può e non vuole dire nulla, non essendo materia che lo riguarda. La Costituzione gli dà potere di intervenire sulle leggi, cioè sulla traduzione in atto del programma: può firmarle o no. E questo, dice chi lo frequenta, lo farà. Con la rigorosità necessaria. Ma il programma non lo riguarda. Attiene alle forze politiche. E si percepisce un filo di fastidio rispetto a quanti lo strattonano per chiedere un suo intervento. Così come non ha voluto dare pareri agli estensori, nemmeno leggere la bozza, allo stesso modo non intende commentare alcun punto del programma. Quando si concretizzerà in leggi, con tanto di coperture e compatibilità con la Costituzione e i trattati, dirà la sua. Ma prima di allora non avrebbe senso. E non avrebbe nemmeno gli strumenti per farlo. Ovviamente ha le sue opinioni, le sue preoccupazioni. Ma si guarda bene dal farle trapelare.

Non gli sfugge, per esempio, l' inedita inversione dei meccanismi istituzionali, adottata dai semi-vincitori. Finora prima le forze di maggioranza indicavano il premier, poi il presidente lo nominava e solo a quel punto il nominato, una volta completata la squadra dei ministri, insieme ai partiti di maggioranza scriveva il programma, che poi veniva presentato al Parlamento. Ora sta accadendo il contrario: prima il programma, poi il premier. E peraltro il premier non c' è.

Il presidente si muove e si muoverà dentro gli argini della Costituzione, che gli attribuisce il potere di nomina del presidente del Consiglio, dei ministri e il potere di firma delle leggi. Questo è quello che Mattarella non mancherà di fare. Anche sul nome del premier, il presidente aspetta, rispettoso delle forze che stanno formando la maggioranza, ma poi dirà la sua. È importante, infatti, si dice sul Colle, che la persona scelta sia in grado di tenere testa nei vertici internazionali, che abbia la storia e la preparazione per farlo.
Salvini e Di Maio hanno detto che sono pronti a comunicargli l' atteso nome lunedì. Ma fino a ieri sera al Quirinale non era arrivata alcuna comunicazione. Solo voci e l' eco di discussioni tra i due leader ancora molto in alto mare. Per il week-end rimarrà a Roma. Aspetta. È l' ultimo tentativo, quello che si è spinto più avanti. Se fallisse, non rimarrebbe che l' orizzonte delle elezioni.

Da: QUI

Autore: Samuele

Notizie di oggi

(Bologna)
-


Scarica gli oneri sulle generazioni future e viola l’equilibrio di bilancio e...

Che fine fara' ALITALIA?
Che fine fara' ALITALIA?
(Bologna)
-

In queste ore si ritorna a parlare del destino di Alitalia, continua la ricerca di un partner internazionale da affiancare a Ferrovie dello Stato per il salvataggio della compagnia aerea
La cassa di Alitalia è agli sgoccioli e il futuro della compagnia è tuttora...

La fine (PROGRAMMATA) della democrazia
La fine (PROGRAMMATA) della democrazia
(Bologna)
-

I veri padroni del mondo non sono più i governi, ma i dirigenti di gruppi multinazionali finanziari o industriali, e di istituzioni internazionali opache (FMI, Banca mondiale, OCDE, OMC, banche centrali).
I veri padroni del mondo non sono più i governi, ma i dirigenti di gruppi...


(Bologna)
-


È partita sfida dell'Umbria al decreto Sicurezza di Matteo Salvini. Il tema è...

Luigi Di Maio proporra' di allearsi con le liste civiche
Luigi Di Maio proporra' di allearsi con le liste civiche
(Bologna)
-

Luigi Di Maio annuncia una rivoluzione interna al Movimento 5 Stelle per quanto riguarda le elezioni locali.
Il Movimento 5 Stelle si appresta a dar vita a una nuova rivoluzione interna,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati