Continua lo stupro del nostro territorio: TAV approvata in Parlamento

(Torino)ore 14:33:00 del 25/12/2016 - Categoria: , Ambiente, Denunce, Politica

Continua lo stupro del nostro territorio: TAV approvata in Parlamento

L’Alta velocità fra Torino e Lione si farà. La Camera ha dato il via libera definitivo al ddl, già approvato al Senato, che ratifica il trattato tra Italia e Francia sulla Tav.

Bisogna capirli! Le mafie hanno fame! Senza il banchetto luculliano delle olimpiadi cosa resta? Ponte sull Stretto? Non possibile! Nel mentre si prova con ogni mezzo a discreditare il M5S nel tentativo di 'riportare' Rometta da saccheggio ai 'fasti' piddini ed alemanianni (hai visto mai un commissario che recupera opportunamente i giochi olimpici nell' 'interesse nazionale!!!) cosa resta di più opportuno ed appetibile per le mafie che atteschiscono dentro e fuori le 'istituzioni'? Terremoti (Big Stone provvido!!) e la TAV!! Semplicissimo! OK vogliono il gioco duro e proprio non intendono mollare la presa su di un paese da spolpare senza ritegno e decenza!!! Vogliono il gioco duro?? Dobbiamo accontentarli!!!

L’Alta velocità fra Torino e Lione si farà. La Camera ha dato il via libera definitivo al ddl, già approvato al Senato, che ratifica il trattato tra Italia e Francia sulla Tav. Il testo è passato con 285 voti a favore, 103 contrari e tre astenuti. A votare contro il Movimento 5 StelleSinistra italiana-Sel e Alternativa libera. Durante la votazione finale i deputati pentastellati hanno esposto in Aula e nell’emiciclo striscioni e foulard con la scritta ‘No Tav‘.

L’esecuzione dell’accordo fissa il definitivo inizio dei lavori sulla linea ferroviaria Torino-Lione, a 25 anni di distanza dall’avvio dell’iter. In particolare, si quantificano i costi in una cifra pari a 8,3 miliardi di euro, definendo la ripartizione fra Italia e Francia, soggetta a “verifica annuale fino al completamento dei lavori”. I portavoce del M5S parlano di “costi imprecisati” e “stupro del territorio”. Per il senatore dem Stefano Esposito “si scrive una pagina importante della storia infrastrutturale del nostro Paese”. Soddisfazione anche per il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino: “Ascoltare è servito”.


Poco prima della votazione il primo a esprimere tutta la sua contrarietà alla Tav è stato il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio. In un post su Facebook ha parlato di una “ratifica vergognosa” e di “57 km di tunnel che sventra inutilmente un intero territorio, con costi stimati, secondo gli ultimi preventivi, in 26 miliardi“. Gli ha fatto eco poco dopo la deputata M5S Maria Edera Spadoni: “Un voto che sventra una valle, prosciuga i corsi d’acqua, sparge polvere di amianto su tutto il territorio. Ecco cos’è l’accordo Italia-Francia sulla Tav”. “Hanno ignorato completamente il popolo valsusino – ha proseguito la relatrice di minoranza –  hanno presentato calcoli inattendibili del costo dell’opera, mentre la corte dei conti francese si è espressa apertamente contro questo progetto. Senza contare il rischio di infiltrazioni mafiose, rischio comprovato dalle intercettazioni telefoniche in odore di ‘ndrangheta di luglio, dove si parla di finanziare il movimento ‘Sì Tav’ per creare nell’opinione pubblica un orientamento favorevole all’opera“, ha detto la deputata Spadoni. “Siamo sicuri di aver portato la voce della Valsusa – ha concluso – una voce troppo spesso dimenticata in questo palazzo”.

“Mentre in Italia si decideva se fare o meno l’opera, gli altri Paesi Europei scavavano e costruivano tunnel. Oggi si scrive una pagina importante della storia infrastrutturale del nostro Paese”, ha commentato sul fronte opposto il senatore Pd Stefano Esposito. “La Torino-Lione è stata un fenomeno sociale cavalcato nel peggiore dei modi dalla peggiore delle società a trazione antagonista”. “Un esempio emblematico – ha aggiunto – di come legittime diversità di pensiero possano essere strumentalizzate a fini politici o ideologici lontanissimi non solo dal senso dell’opera, ma anche dalle posizioni di chi era ed è contrario all’opera, ma mantiene un profilo di rispetto istituzionale e dignità civica”.

Per il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, “la morale è che bisogna sentire le comunità coinvolte. Ascoltare è servito. Il progetto è cambiato, e coinvolgerà pienamente Torino, che prima era tagliata fuori”. “Ma quando vedo manifestazioni No Tav con più bandiere che persone – ha concluso – mi è difficile non dire che si tratta di iniziative pretestuose”.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Chi erano i CLIENTI di GIUSEPPE CONTE?
Chi erano i CLIENTI di GIUSEPPE CONTE?
(Torino)
-

Una società il cui capo è finito in carcere, un gruppo energetico che sfrutta incentivi statali. E non solo: vi raccontiamo per chi ha lavorato il presidente del Consiglio
Lo aspetta un futuro da «avvocato del popolo italiano», come ha promesso in...

Vietato chiamarli ZINGARI....
Vietato chiamarli ZINGARI....
(Torino)
-

Se volete capire che cos’è il politicamente corretto inalberato dalla sinistra e adottato da quasi tutti i media, e quali danni realmente produce nella vita quotidiana, i rom sono il campione perfetto.
Se volete capire che cos’è il politicamente corretto inalberato dalla sinistra e...

Massoni al governo: giu' la maschera, caro DI MAIO!
Massoni al governo: giu' la maschera, caro DI MAIO!
(Torino)
-

Giù la maschera, caro Di Maio: quello presieduto da Giuseppe Conte è «un governo ad alta densità massonica», sia pure «di segno progressista»
Giù la maschera, caro Di Maio: quello presieduto da Giuseppe Conte è «un governo...

Cannabis Light bocciata dal Consiglio Superiore della Sanita'
Cannabis Light bocciata dal Consiglio Superiore della Sanita'
(Torino)
-

Secondo gli esperti “non può essere esclusa la pericolosità della sostanza”
Secondo gli esperti “non può essere esclusa la pericolosità della sostanza” Non...

Partito Svedese chiede referendum per l'uscita dall'Ue!
Partito Svedese chiede referendum per l'uscita dall'Ue!
(Torino)
-

Nuove possibili scossoni per l’Unione europea sono in arrivo dalla Svezia con il partito Sweden Democrats che lancia ipotesi referendum per condurre il Paese fuori dall’orbita di Bruxelles
Sull’Unione europea ed il suo futuro spirano nuovi venti di burrasca. Ma questa...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati