Condannato il Rom che la Kyenge aveva difeso: AVEVATE DEI DUBBI?

(Roma)ore 16:41:00 del 26/02/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce

Condannato il Rom che la Kyenge aveva difeso: AVEVATE DEI DUBBI?

Condannato il rom difeso dalla Kyenge. L'ex ministro, ormai cinque anni fa, si batteva per lo ius soli, quella visione giuridica per cui basta essere nati in Italia anche da genitori stranieri per ottenere la cittadinanza.

Condannato il rom difeso dalla Kyenge. L'ex ministro, ormai cinque anni fa, si batteva per lo ius soli, quella visione giuridica per cui basta essere nati in Italia anche da genitori stranieri per ottenere la cittadinanza.

Nel contorno mediatico della proposta della Kyenge, finì la vicenda della liberazione dal Cie di Modena di Senad Seferovic, un giovane giostraio di origine rom per cui la Kyenge si battè fortemente affinchè venisse, appunto, liberato. Non tanto per dello ius soli, quanto, diceva la Kyenge, per i suoi diritti prescindenti dalle pendenze. La questione venne condita da una burrascosa polemica con il senatore Giovanardi, il quale, invece, si opponeva alla libertà di Senad Seferovic ed anzi spingeva fortemente per la sua espulsione. All'epoca, Il giudice di pace di Modena, diede ragione all'ex ministro Kyenge, avvalendosi del fatto che, non essendo mai stato naturalizzato in Bosnia Erzegovina, il ragazzo non avesse alcun documento. Le pendenze giudiziarie, però, avevano spinto la Questura a chiederne l'espulsione dall’Italia. La Kyenge, allora, vinse la sua battaglia, ma ieri il giovane è tornato a far parlare si dè, visto che è stato condannato a 4 anni e 4 mesi di reclusione.

Senad Seferovic, infatti, scrive il quotidiano L'Arena, finì in carcere, quando, il 14 novembre 2016 era su un'auto che, dopo un inseguimento con una Gazzella dei carabinieri, imboccò contromano la Serenissima. Dei quattro presenti sul veicolo fu l'unico ad essere arrestato e ieri, appunto, è stato condannato per la vicenda. Il ragazzo di cui la Kyenge invocavava la liberazione dal Cie di Modena, insomma, pare sia tutto fuorchè un modello d'integrazione. Quando venne mandato nella struttura, peraltro, era stato fermato per un'accusa di furto. Già nel 2015 i carabinieri di Anzola, cittadina in provincia di Bologna, lo avevano arrestato assieme ad una banda composta da cinque nomadi, colti a Fiorano mentre erano intenti a trasportare un carico di rame dal valore di circa 40 mila euro.

Ilgiornale

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Insulti alla Boldrini? E chi tutela gli italiani dalla MALAPOLITICA?
Insulti alla Boldrini? E chi tutela gli italiani dalla MALAPOLITICA?
(Roma)
-

Ci si dovrebbe anche domandare del perchè i politici siano odiati al punto di dover girare con una scorta armata per non farsi linciare dalla gente comune. Pertini girava per strada da solo, lui e la sua pipa, senza temere niente e nessuno. Anche questo d
Certo l'offesa non è bella ne da ricevere ne tantomeno da scrivere ma è...

Epatite E: ecco cosa non vi dicono sulla Carne di Maiale
Epatite E: ecco cosa non vi dicono sulla Carne di Maiale
(Roma)
-

Segnalati oltre 21 mila casi di epatite E in 10 anni, derivanti dal consumo di carne di maiale. Come comportarsi
Segnalati oltre 21 mila casi di epatite E in 10 anni, derivanti dal consumo di...

La Cannabis non ha MAI ucciso nessuno, anzi....
La Cannabis non ha MAI ucciso nessuno, anzi....
(Roma)
-

Le cose legali sono vietate (vedi anche la pillola del giorgiorno dopo) quelle illegali le praticano anche i bambini e le casalinghe (per non parlare dell'onesta classe politica dei mafiosi ed eccellenze elencando)
In questo paese terzomondista, proprietà esclusiva del Vaticano, è impossibile...

Una casa non l'avremo mai: MORIREMO IN AFFITTO...
Una casa non l'avremo mai: MORIREMO IN AFFITTO...
(Roma)
-

I lavori di oggi ti permettono di aprire un mutuo per acquistare l'auto dei tuoi sogni a rate, di andare tutti i pomeriggi al bar a bere l'aperitivo o di acquistare un capo firmato al mese, ma non ti permettono più di essere autosufficiente al 100%, di co
I meravigliosi anni 90 sono finiti, nonostante si tenti in tutti i modi di...

Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
(Roma)
-

Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato da Adele Gambaro arriva in Senato (commissioni giustizia e affari costituzionali) e riapre la polemica sulla legge-bavaglio, tra profili di incostituzionalità, correttivi leg
Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati