COME POTEVANO MANCARE POLITICI ANCHE A CASERTA?

(Caserta)ore 12:41:00 del 17/09/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica

COME POTEVANO MANCARE POLITICI ANCHE A CASERTA?

Viene definita dagli inquirenti un’associazione a delinquere che aveva come obiettivo condizionare gli affidamenti degli appalti per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti, corrompere pubblici ufficiali e truffare gli enti quella venuta alla luce nel

In carcere sono finiti, tra gli altri, il presidente della Provincia di Caserta, Angelo Di Costanzo (per fatti risalenti a quando era sindaco di Alvignano); l’assessore all’ambiente di Alvignano, Luigi Simone Giannetti; Vincenzo Cappello, sindaco di Piedimonte Matese; il presidente del Consorzio di Bonifica Sarno-Alifano, Pietro Andrea Cappella; Luigi Imperadore, imprenditore titolare della “Termotetti”; Francesco Iavazzi, titolare dell’azienda Impresud. Ai domiciliari sono finite sette persone, tra cui l’ex sindaco di Casagiove (Caserta) Elpidio Russo.

Secondo gli investigatori gli indagati avrebbero agevolato la Termotetti S.a.s e altre società riconducibili allo stesso gruppo che opera in vari settori e in varie regioni italiane. L’azienda – riconducibile a Luigi Imperadore, imprenditore di San Potito Sannitico (Caserta) – si è aggiudicata, tra il 2013 e il 2015, gare di appalto per il servizio di igiene urbana ad Alvignano, Piedimonte Matese e Casagiove. Il tutto concedendo “utilità” a pubblici funzionari. Al Consorzio Stabile Sannio Appalti si è aggiudicato, con le stesse modalità, l’appalto dei lavori al lotto di Presenzano I presso il Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano, diretto da Pietro Andrea Cappella, che figura tra le venti persone arrestate. (ANSA).

 

 

35 indagati per gli appalti della gestione dei rifiuti: Sono 20 i politici e imprenditori arrestati, tra loro il presidente della Provincia, Angelo Di Costanzo

Viene definita dagli inquirenti un’associazione a delinquere che aveva come obiettivo condizionare gli affidamenti degli appalti per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti, corrompere pubblici ufficiali e truffare gli enti quella venuta alla luce nell’ambito delle indagini dei carabinieri del comando provinciale di Caserta e della Guardia di Finanza che oggi ha portato tredici persone in carcere e altre sette ai domiciliari, tra politici e noti imprenditori della zona. Tra i reati contestati figura anche l’abuso d’ufficio. Complessivamente gli indagati sono 35, ma le misure cautelari riguardano venti persone.

Sono 20 i politici e imprenditori arrestati per aver favorito un’azienda. Tra loro c’è il presidente della Provincia, Angelo Di Costanzo

Autore: Luca

Notizie di oggi
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
(Caserta)
-

Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per scaldapoltrone insaziabili.
Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per...

Di giorno la manifestazione pro migranti, di notte lo straniero falcia con l’automobile il clochard
Di giorno la manifestazione pro migranti, di notte lo straniero falcia con l’automobile il clochard
(Caserta)
-

Una marcia ideologica ma astratta. La manifestazione che si è svolta sabato pomeriggio a Milano a favore dell’inclusione, è stata una passeggiata antirazzista in veste folkloristica
Una marcia ideologica ma astratta. La manifestazione che si è svolta sabato...

Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
(Caserta)
-

In questa importantissima conferenza il giornalista RINO DI STEFANO ci introduce alla conoscenza di un argomento di eccezionale interesse e le cui implicazioni potrebbero determinare profondi cambiamenti negli assetti politico-economici, socio-culturali e
LA MACCHINA DI DIO: IL MISTERO DEL RAGGIO DELLA VITA. ETTORE MAJORANA E...

Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
(Caserta)
-

Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra promessa per chi fugge dalle tasse. L'Espresso, con un'inchiesta realizzata insieme al consorzio giornalistico Eic (European Investigative Collaborations), ha potuto consultare lo
Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra...

Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
(Caserta)
-

Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo hanno trovato in una pozza di sangue nella sua cella di Rebibbia, reparto G9, lo scorso 25 marzo. Si è tagliato la gola ed è morto lentamente, dissanguato.
Prigionieri e suicidi: così il carcere uccide Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati