Come mai l'auto ELETTRICA della FIAT scomparse DOPO LA PRESENTAZIONE?

(Firenze)ore 15:21:00 del 11/02/2018 - Categoria: , Denunce, Motori

Come mai l'auto ELETTRICA della FIAT scomparse DOPO LA PRESENTAZIONE?

Negli ultimi anni, soprattutto nei grandi centri urbani, stiamo assistendo ad un modesto e lento sviluppo della mobilità con auto elettriche, uno sviluppo che, data la tecnologia dei giorni di oggi, potrebbe prendere un trend positivo fino a sostituire qu

ERA IL 1976 QUANDO LA FIAT PRESENTÒ LA PRIMA AUTO ELETTRICA, LA X1/23 CONCEPT ERA IN GRADO DI PERCORRERE CIRCA 80 KM CON UNA CARICA,MA POI FU TUTTO RAPIDAMENTE DIMENTICATO. COSA SUCCESSE? COME MAI LA CASA PRODUTTRICE NON È PIÙ ANDATA AVANTI CON LA PRODUZIONE DELLA X1/23? LA POTENZA DELLE LOBBY……

Negli ultimi anni, soprattutto nei grandi centri urbani, stiamo assistendo ad un modesto e lento sviluppo della mobilità con auto elettriche, uno sviluppo che, data la tecnologia dei giorni di oggi, potrebbe prendere un trend positivo fino a sostituire quasi completamente la mobilità con le auto a combustibile fossile, ma che invece sembra ostacolato e non riesce a sfondare. Merito della potenza delle lobby del petrolio?

Eppure in tempi addietro, quando la tecnologia non era ancora  evoluta come oggi, la FIAT riuscì ad implementare il primo prototipo di auto elettrica, la X1/23 concept. Questo prototipo fu presentato nel 1972 al Salone di Torino come lo stile che doveva avere la futura macchina elettrica, infatti era privo di motore essendo nato come un esercizio di stile fine a se stesso. Lo stile era quello di una city car compatta a 2 posti, tipo la Smart che è uscita molti decenni dopo.

Dopo quella presentazione che, come abbiamo spora descritto rappresentava solo lo stile che doveva avere la futura X1/23 elettrica, la casa produttrice italiana continuò a lavorare al progetto e nel 1976 arrivo’ qualcosa che davvero nessuno si aspettava. Laa X1/23 fece il suo ritorno al Salone di Torino, ma stavolta non un prototipo, ma una autovettura elettrica compresa di motore, una cosa che almeno fino a quel momento, non si era vista all’interno del panorama automobilistico. Tranne che per pochi dettagli, esteticamente era identica al prototipo visto 4 anni prima. La novita’, infatti, si nascondeva sotto la sua piccola carrozzeria.

La Fiat X1/23 del 1976, infatti, nascondeva un’architettura elettrica, dove un piccolo motore da 13.5 cv, il cui compito era quello di muovere le ruote anteriori, veniva alimentato da batterie al nichel-zinco installate al posteriore.

La vettura era in grado di raggiungere i 70 km/h e le batterie le permettevano di avere dai 50 agli 80 km di autonomia. Ma la cosa più stupefacente era il fatto che le batterie si potevano ricaricare durante la frenata, questa tecnologia verrà proposta 30 anni dopo dalla Toyota!

Quella che però  potrebbe essere definita come la prima city-car elettrica della storia fini’ definitivamente nel dimenticatoio, e dopo quella presentazione che sconvolse mezzo mondo, non si seppe più nulla della X1/23.

Come mai il progetto rimase tale? Probabilmente esso rappresentava un vero e proprio dito nella piaga per le lobby del petrolio.

E’ evidente quindi che la possibilità e la tecnologia per  produrre macchine che non inquinano era già realtà quarant’anni fa, se non ci fossero stati in mezzo i soliti interessi, questi motori da ieri ad oggi avrebbero subito uno sviluppo non indifferente! Basti pensare ai telefoni come si evolvono negli anni, mentre i motori delle auto sono praticamente ancora a scoppio. Forse le auto elettriche non vogliono farle evolvere….

Da: Jeda

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Ecco le 20 aziende responsabili di 1 terzo di tutte le emissioni del mondo
Ecco le 20 aziende responsabili di 1 terzo di tutte le emissioni del mondo
(Firenze)
-

Il 35% di tutte le emissioni di anidride carbonica e metano dal 1965 al 2017 è stato prodotto da 20 colossi del settore petrolchimico
GAS SERRA, LE AZIENDE RESPONSABILI - Oltre un terzo di tutte le emissioni di gas...

Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
(Firenze)
-

Lo studio del Senato: fino ai 28 mila euro gli aumenti di stipendi rischiano di finire divorati dal mix di aliquote e mancati bonus e detrazioni
MENO GUADAGNI, MENO PAGHI - Un primo spunto di riflessione viene dalle tasse...

Chi finanzia veramente i politici italiani?
Chi finanzia veramente i politici italiani?
(Firenze)
-

Integrazione europea e sostegno ai migranti: sono questi due degli obiettivi dichiarati della Open Society Foundation, la fondazione finanziata e guidata da George Soros, speculatore e personaggio controverso noto in tutto il mondo.
CHI FINANZIA I POLITICI IN ITALIA - Integrazione europea e sostegno ai migranti:...

Dai migranti in Italia il 9% del PIL
Dai migranti in Italia il 9% del PIL
(Firenze)
-

Sono questi alcuni degli elementi che emergono dal nono Rapporto annuale sull’economia dell’Immigrazione, a cura della Fondazione Leone Moressa, presentato oggi (8 ottobre) a Roma.
QUANTO LAVORANI GLI IMMIGRATI IN ITALIA - Negli ultimi anni l’Italia sta...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Firenze)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati