Come mai abbiamo i brividi e la pelle d'oca? ECCO LA RISPOSTA

(Palermo)ore 23:45:00 del 21/06/2017 - Categoria: , Musica, Scienze

Come mai abbiamo i brividi e la pelle d'oca? ECCO LA RISPOSTA

I brividi che provi ascoltando musica dipendono dall'attivazione del sistema limbico, ovvero dall'attivazione emotiva. 

I brividi che provi ascoltando musica dipendono dall'attivazione del sistema limbico, ovvero dall'attivazione emotiva. 
Le cause di questa attivazione sono intriganti, da richiami della memoria (specialmente emotiva, in modo analogo all'annusare una fragranza che ci ricorda emozioni e ambienti del passato), a pattern molto più complessi di apprezzamento musicale (se ascolto tutto il giorno tutti i giorni musica hardcore, avrò pattern diversi rispetto a chi ascolta tutto il giorno musica hip hop. Questi pattern possono cambiare col tempo, e spesso essere più flessibili. Un pattern consente di massimizzare il valore dei dettagli della musica che ci piace e minimizzare il valore dei dettagli della musica che non ci piace. Se non mi piace il Jazz, tenderò a riconoscere le canzoni jazz come tutte uguali).
L'attivazione emotiva è soggetta ad assuefazione, per cui sottoporre lo stesso stimolo n volte, avrà un effetto decrescente.


Un fenomeno interessante è quello per cui una canzone, ascoltata le prime volte non ci attiva particolarmente, mentre ascoltata la sesta, ottava, ventesima volta provoca in noi una sorta di insight emotivo, per cui stabiliamo (sempre a livello emotivo, ben poco razionale) che ci fa impazzire e la vogliamo risentire all'infinito. E' una cosa che capita anche nei rapporti con le persone (pensiamo al fenomeno dell'innamoramento). 
Spesso ciò che più ci ammalia nella musica è riconoscere dei propri stati interni, espressi da altri, in una modalità in cui non eravamo in grado di esprimerli. Questo porta a un forte senso di sollievo e di gratificazione, nonchè a una sorta di fidelizzazione con l'artista (che consideriamo, a seconda del livello di emozioni che riesce a suscitare, come un eccellente comunicatore di stati interni difficilmente descrivibili, labili, impalpabili, ma quantomai importanti).

Dei ricordi passati, possiamo stancarci: non si tratta di separarcene, consiste nel crearne di nuovi che integrino quelli che già abbiamo. Non possiamo lasciare che il libro termini prima del previsto, dobbiamo piuttosto saper approfittare di ogni sua pagina e scrivere tutto ciò che possiamo.

Qualora abbiate i brividi, quindi, lasciatevi permeare e riempire. Se vi hanno reso felici, non fatevi domande: si vive per sentire. Non contraddite mai un brivido, non ignoratelo. Non desiderate fuggirgli, non è mai la risposta.

Autore: Carmine

Notizie di oggi
La Fisica conferma: i Mondi Paralleli potrebbero ESISTERE DAVVERO
La Fisica conferma: i Mondi Paralleli potrebbero ESISTERE DAVVERO
(Palermo)
-

Secondo uno studio pubblicato sul Physical Review X , potrebbero esserci molti universi differenti che interagiscono tra loro, che spiegherebbero anche il misterioso mondo della quantistica.
Secondo uno studio pubblicato sul Physical Review X , potrebbero esserci molti...

Senza Zucchero per 1 anno: effetti MIRACOLOSI su pelle, salute e dieta!
Senza Zucchero per 1 anno: effetti MIRACOLOSI su pelle, salute e dieta!
(Palermo)
-

Lo zucchero è onnipresente nel nostro cibo, nelle bevande e si nasconde addirittura in molti prodotti salati. E’ presente nel 60% dei prodotti del supermercato ma sempre più studi dimostrano che è estremamente dannoso per la salute.
Lo zucchero è onnipresente nel nostro cibo, nelle bevande e si nasconde...

Uragano Harvey: trovata Creatura MOSTRUOSA sulla spiaggia. Cosa cavolo e'?
Uragano Harvey: trovata Creatura MOSTRUOSA sulla spiaggia. Cosa cavolo e'?
(Palermo)
-

L’utente Twitter Preeti Desai ha trovato un pesce in decomposizione su una spiaggia in Texas e ha chiesto aiuto sul social network per identificarlo.
1. UNO DEI LASCITI DELL'URAGANO HARVEY IN TEXAS E' QUESTA CREATURA APPARSA SULLA...

300 neonati morti in Italia ogni anno: 1 su 1000. La verita' sul SIDS
300 neonati morti in Italia ogni anno: 1 su 1000. La verita' sul SIDS
(Palermo)
-

Morti bianche: 300 neonati ogni anno, in Italia, muoiono “in culla”. Uno su mille. Si chiama Sids, sindrome da morte infantile improvvisa (Sudden Infant Death Syndrome).
Morti bianche: 300 neonati ogni anno, in Italia, muoiono “in culla”. Uno su...

Ecco la Tecnica 4, 7, 8 per addormentarsi in soli 60 secondi!
Ecco la Tecnica 4, 7, 8 per addormentarsi in soli 60 secondi!
(Palermo)
-

L’insonnia è un problema molto comune, soprattutto nei periodi di stress. Uno scienziato di Harvard ha però trovato la soluzione
L’insonnia è un problema molto comune, soprattutto nei periodi di stress. Uno...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati