Collateral Beauty

(Cosenza)ore 07:30:00 del 20/01/2017 - Categoria: , Cinema

Collateral Beauty

Il film si apre con il pubblicitario Howard Inlet (Will Smith) che fa un discorso ai suoi dipendenti, sul fatto che tutto si basi sul contatto e verta sui tre concetti di amore, tempo e morte: cerchiamo l’amore, vogliamo più tempo e tutti temiamo la morte

Il film si apre con il pubblicitario Howard Inlet (Will Smith) che fa un discorso ai suoi dipendenti, sul fatto che tutto si basi sul contatto e verta sui tre concetti di amore, tempo e morte: cerchiamo l’amore, vogliamo più tempo e tutti temiamo la morte. Tre anni dopo, durante il periodo natalizio, è un uomo distrutto per la perdita della figlia e con la sua azienda nei guai; gli amici/soci Whit (Edward Norton), Claire (Kate Winslet) e Sam (Michael Peña) vorrebbero aiutarlo ma non sanno come fare… Addirittura, tramite un’investigatrice privata, vengono a sapere che ha scritto tre lettere: una all’Amore, una al Tempo e una alla Morte. Un giorno Whit fa la conoscenza della giovane attrice Amy (Keira Knightley), che, assieme a Brigitte e Raffi (Helen Mirren e Jacob Latimore) sta cercando di allestire uno spettacolo teatrale; a quel punto gli arriva una folgorazione: perché non ingaggiare i tre attori per impersonare i concetti? Amy sarà Amore, Jacob Tempo e Brigitte (essendo la più anziana) Morte. Questo per mettere Howard di fronte alla realtà: i loro incontri saranno filmati, ma i 3 attori saranno tolti digitalmente dalle scene in modo che lui sembri delirante, cosa che permetterebbe di vendere l’azienda salvandola dalla bancarotta e preservando tutti i posti di lavoro. Durante i successivi colloqui informativi per la parte però, lo spettatore si accorgerà che non è tutto come sembra e che neanche Claire e gli altri stanno tanto bene e anche loro riceveranno aiuto dagli “attori” (le virgolette non sono un caso): Whit ha difficoltà a farsi amare dalla figlia Allison, che lo incolpa di aver tradito la madre causando il divorzio [Amore]; Sam cerca di apparire sano, ma in realtà ha un tumore [Morte]; Claire, del canto suo, ha dedicato tutta la vita al lavoro e ora non sa se ricorrere all’inseminazione artificiale [Tempo]. Si può dire che le Tre Astrazioni aiutino più loro che l’afflitto: ad Howard servono solo per trovare la forza di partecipare alle sedute dell’associazione “Piccole Ali”, dedicata alle persone che hanno perso un figlio e gestita da Madeleine, con cui farà amicizia; la donna ha perso la figlia Olivia e ha divorziato dal marito che, prima di andarsene, le ha regalato un biglietto con scritto “vorrei che fossimo ancora estranei”. Arriverà finalmente il momento di mostrare i famigerati video: dopo il forte impatto emotivo, Howard non solo prenderà coscienza del suo stato mentale, ma rivelerà anche di essere a conoscenza delle difficoltà dei suoi amici. Ragion per cui, tutti si decideranno a risolvere i rispettivi problemi. Alla vigilia di Natale, Howard fa visita a Madeleine, facendoci così scoprire che i due erano marito e moglie: la loro erano una recita, oppure lei ha assecondato lo stato mentale di lui? Il dubbio rimane, ma quando alla fine li vediamo camminare mano nella mano, notiamo che Amy, Brigitte e Raffi li osservano dall’alto per poi scomparire… E fu proprio Brigitte/Morte che a suo tempo parlò con Madeleine in ospedale della bellezza collaterale dei piccoli gesti di gentilezza. Personalmente, trovo le critiche a questo film un po’ ingiuste: non è brutto, è un film senza pretese che racconta, alla fine dei conti, di come le persone affrontino il dolore e le vicissitudini della vita. Non è che solo perché ci sono dei grandi attori deve essere un grande film… Vedere Howard/Smith come il protagonista non è del tutto esatto: nello svolgersi della vicenda si capisce che lui è il catalizzatore, il fulcro, ma attraverso la sua situazione ci viene mostrata anche la vita dei suoi amici, di come essi guardino la sua vita andare a rotoli ma siano osservati a loro volta. Paradossalmente, è un film sul dolore ma senza dolore, che non trasmette angoscia, che fa pensare ma con leggerezza; per alcuni può essere un difetto, ma (almeno in questo caso) io lo trovo un pregio.

Autore: Luigi

Notizie di oggi
The End of the F***ing World, cosa sapere
The End of the F***ing World, cosa sapere
(Cosenza)
-

La rottura fra i due universi è sempre più evidete all’avvicinarsi al finale di stagione, quando uno dei protagonisti passa alla maggiore età.
The End of the F***ing World è la serie Netflix arrivata sul piccolo schermo il...

Napoli Velata, recensione ufficiale
Napoli Velata, recensione ufficiale
(Cosenza)
-

Recensione Napoli Velata - Comincia così il nuovo film di Ferzan Ozpetek, forse il più ambizioso della sua intera cinematografia.
Recensione Napoli Velata - Un movimento avvolgente, elegante, quasi una...

Gli Ultimi jedi merita veramente l'oblio?
Gli Ultimi jedi merita veramente l'oblio?
(Cosenza)
-

Quando vidi il trailer del film al cinema, decisi che sarebbe stata la mia prossima spesa al cinema, perché presagivo che sarebbe stato grandioso…
Quando vidi il trailer del film al cinema, decisi che sarebbe stata la mia...

Ti piace Gomorra? Guarda SUBURRA! Non te ne pentirai!
Ti piace Gomorra? Guarda SUBURRA! Non te ne pentirai!
(Cosenza)
-

Che ci sia Gomorra dietro Suburra è un dato di fatto (la produzione è la stessa, Cattleya, e la cosa più vicina ad uno showrunner, cioè la produttrice artistica, pure, Gina Gardini) ma è anche un’evidenza stilistica.
Che ci sia Gomorra dietro Suburra è un dato di fatto (la produzione è la stessa,...

'COME AMAZON CI SFRUTTA E CI SPREME FINO AL MIDOLLO'
'COME AMAZON CI SFRUTTA E CI SPREME FINO AL MIDOLLO'
(Cosenza)
-

A parlare è uno dei 1.800 “supermagazzinieri” del centro di smistamento Amazon di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, uno dei più grandi d’Europa.
“AD AMAZON SOPRAVVIVI AL MASSIMO 4-5 ANNI. L’AZIENDA TI SPREME FINO A QUANDO LE...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati