Cave, cosa sapere

(Milano)ore 21:24:00 del 20/01/2017 - Categoria: , Ambiente

Cave, cosa sapere

Convertirle a gas sarebbe gia' un bel passo avanti, un altro grosso passo avanti sarebbe convertire quelle a carbone.

Cave Milano - L'inquinamento deriva dalle raffinerie e dalle centrali che usano il petrolio per generare energia. Sia che il petrolio venga dal medio oriente che dall'italia, le raffinerie inquinano ugualmente. Convertirle a gas sarebbe gia' un bel passo avanti, un altro grosso passo avanti sarebbe convertire quelle a carbone.

Le riserve cave italiane stimate (e c'e' una forte incertezza su questi numeri) non si esauriscono in 5 anni. Si puo' dire che le riserve sono ecquivalenti a 5 anni di consumo, questo sicuramente, ma per sfruttare con intelligenza un giacimento ci vogliono anche 20 o 30 anni.

Cave Milano - Dire che il gioco non vale la candela mi sembra dal punto di vista economico un ragionamento un poco miope. Obbedendo alle leggi e utilizzando professionisti qualificati i rischi ambientali sono minimi e gestibili. La corruzione e' un grosso ostacolo piu' che altro...

I “Professori” ci dicono che trivellare l’Italia serve per soddisfare il nostro fabbisogno nazionale, per lo sviluppo economico, per l’occupazione, e che tutto sarà fatto in modo “sostenibile”.

Questo è quello che dicono loro.

Invece, io l’ho girata tutta l’Italia petrolizzanda e petrolizzata ed è lampante, ai miei occhi almeno, che l’idea di “aggiustare” la nazione facendo buchi a destra e a manca non è la soluzione.

I motivi? Eccone dieci:

1.Paesaggio e turismo
L’Italia è un paese densamente abitato, con un paesaggio invidiabile, variegato, fatto di colline, di mare, di boschi, di posti unici. Dove le mettiamo queste trivelle? Ovunque ti giri c’è comunità, c’è vita, c’è potenziale di bellezza, non deserto. Come si può pensare di trivellare a pochi chilometri da Venezia o da Pantelleria? Petrolizzare un territorio significa imbruttirlo, avvelenarlo, annientando quasi tutto quello che già sul territorio esiste o potrebbe esistere. E significa farlo sul lungo termine. Chi comprerà una casa con vista pozzo? Quale turista vorrà venire in Italia a vedere il mare o le colline bucherellate dalle trivelle o a respirare aria di raffineria? Fra l’altro la tutela del paesaggio è uno dei punti fondamentali della nostra Costituzione.

2.Petrolio scadente
Il petrolio presente in Italia – in generale – è scadente, in qualità ed in quantità, ed è difficile da estrarre perché posto in profondità. E’ saturo di impurità sulfuree che vanno eliminate il più vicino possibile ai punti estrattivi. Non abbiamo nel sottosuolo il petrolio dei film texani, quanto invece una sorta di melma, maleodorante, densa e corrosiva che necessita di vari trattamenti prima di arrivare ad un prodotto finale.

3. Infrastrutture invasive e rifiuti
Questo fa sì che ci sia bisogno di infrastrutture ad hoc: pozzi, centrali di desolforazione, oleodotti, strade, porti petroliferi, industrializzazione di aree che sono al momento quasi tutte agricole, boschive, turistiche. Non dimentichiamo gli abbondanti materiali di scarto prodotti dalle trivellazioni – tossici, difficili e costosi da smaltire – con tutti i business più o meno legali che ci girano attorno. E non dimentichiamo il mare, dove la ricerca di petrolio può causare spiaggiamenti di cetacei, e dove è prassi ordinaria in tutto il mondo lo scarico in acqua di rifiuti petroliferi secondo il principio “occhio non vede, cuore non duole”.

4. Inquinamento aria


Sia dai pozzi che dalle centrali di desolforazione vengono emesse sostanze nocive e dannose all’agricoltura, alle persone, agli animali. Fra questi, l’idrogeno solforato (H2S), nitrati (NOx), i composti organici volatili (VOC), gli idrocarburi policiclici aromatici (PAH), nanopolveri pericolose. Alcune di queste sostanze sono provatamente cancerogene e causano danni al DNA ed ai feti. Possono anche causare piogge acide, compromettere la qualità del raccolto e la salute del bestiame. Chi eseguirà i monitoraggi, chi controllerà lo stato di salute delle persone? E’ giusto far correre questi rischi ai residenti, dato che gli effetti nefasti del petrolio sulla salute umana sono noti, e da tanto tempo, nella letteratura medico-scientifica?

5. Inquinamento acqua
Nonostante le cementificazioni dei pozzi e l’utilizzo di materiale isolante negli oleodotti, tali strutture con il passare degli anni presentano cedimenti strutturali, anche lievi, dovuti al logorio, alle pressioni, allo stress meccanico. L’elevata estensione degli oleodotti, e la profondità dei pozzi, rende difficile individuare queste fessure, che possono restare aperte a lungo, inquinando l’acqua del sottosuolo e danneggiando gli ecosistemi con elevati costi di ripristino.

6. Idrogeologia e sismicità
L’Italia è a rischio sismico, con già tanti problemi di stabilità idrogeologica, di subsidenza, a cui si aggiungono in molti casi l’abusivismo e la malaedilizia. In alcuni rari casi (ma ne basta uno solo!) le ispezioni sismiche, le trivellazioni, la re-iniezione sotterranea di materiale di scarto ad alta pressione possono alterare gli equilibri sotterranei, checché ne dica qualcuno dei “tuttapostisti” accademici italiani. Come non conosciamo perfettamente la distribuzione delle falde acquifere, così non conosciamo perfettamente neanche quella delle faglie sismiche. Stuzzicare i delicati equilibri geologici può innescare terremoti, anche di magnitudine elevata. E’ già successo in Russia, in California, in Colorado.

7. Incidenti
Anche prendendo tutte le precauzioni possibili, i pozzi possono sempre avere malfunzionamenti. In Italia abbiamo avuto già esempi di scoppi o incidenti gravi con emissioni incontrollate di idrocarburi per vari giorni senza che nessuno sapesse cosa fare: nelle risaie vicino a Trecate, nei mari attorno alla piattaforma Paguro, nei campi di Policoro. Per risanare Trecate non è bastato un decennio. Non per niente in California c’è una fascia protettiva anti-trivelle di 160 chilometri da riva, e non per niente è dal 1969 che non si buca più il mare.

8. Speculatori
Molte delle ditte che intendono trivellare l’Italia sono minori, straniere, con piccoli capitali sociali. Spesso annunciano di volere fare il salto di qualità con il petrolio d’Italia perché – e lo dicono candidamente ai loro investitori – da noi le leggi sono meno severe, è facile avere i permessi, le spese di ingresso sul territorio sono basse. Saranno, queste micro ditte irlandesi, australiane, statunitensi e canadesi, capaci di gestire i controlli ambientali a regola d’arte? Ed in caso di incidenti, con i loro esigui capitali sociali, avranno le risorse per affrontare operazioni di pronto intervento, risanamento ambientale e risarcimento danni?

9. Minimi benefici
Il petrolio d’Italia non farà arricchire gli Italiani, non porterà lavoro, e tanto meno risolverà i problemi del bilancio energetico nazionale. Le royalties d’Italia sono basse, e la maggior parte di questo petrolio verrà estratto da ditte straniere, libere di vendere il greggio su mercati internazionali. E’ pura speculazione, niente più.

10. Basilicata
Ed anche se tutto fosse fatto a opera d’arte, il vero conto va fatto su tutto quello che il petrolio distruggerà, sui rischi che ci farà correre, a fronte dei suoi presunti vantaggi. In Italia abbiamo già una regione che è stata immolata al petrolio e di cui il resto d’Italia sa poco. E’ la Basilicata, che fornisce a questa nazione circa il 7% del suo fabbisogno nazionale. Tutti i problemi elencati sopra sono realtà in Basilicata: sorgenti e laghi con acqua destinate al consumo umano inquinate da idrocarburi, declino dell’agricoltura, del turismo, petrolio finanche nel miele, aumento di malattie, mancanza di lavoro, smaltimento illegale di materiali tossici, anche nei campi agricoli. E cosa ha guadagnato la Basilicata da tutto ciò? Un dato per tutti: secondo l’Istat, la Basilicata è la regione più povera d’Italia. Era la più povera prima che arrivassero i petrolieri con le loro vuote promesse di ricchezza, lo è ancora oggi.

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Finiremo SOMMERSI dai nostri stessi RIFIUTI! VIDEO SHOCK
Finiremo SOMMERSI dai nostri stessi RIFIUTI! VIDEO SHOCK
(Milano)
-

NEL MONDO LA PRODUZIONE DI RIFIUTI SOLIDI PROCEDE PIÙ SPEDITA DELL’ URBANIZZAZIONE, CON PESANTISSIME RICADUTE SULL’ AMBIENTE.
NEL MONDO LA PRODUZIONE DI RIFIUTI SOLIDI PROCEDE PIÙ SPEDITA DELL’...

Eruzione Etna, cosa sapere
Eruzione Etna, cosa sapere
(Milano)
-

Sei delle persone rimaste ferite sono attualmente ricoverate per contusioni e traumi, ma non sono in pericolo di vita.
Stare vicino a una bocca eruttiva di inverno e sperare che non succeda niente e'...

I fondi per i terremotati? INTASCATI DALL'ASSESSORE! MA IN CHE PAESE VIVIAMO?
I fondi per i terremotati? INTASCATI DALL'ASSESSORE! MA IN CHE PAESE VIVIAMO?
(Milano)
-

Questa gente, Iorio e Frattura hanno letteralmente rovinato mio padre, Antonio Cappussi, l'uomo che ha costruito 36 strade in Molise e che attende gli siano pagate da 20anni. Questa gente mente per dna!
Questa gente, Iorio e Frattura hanno letteralmente rovinato mio padre, Antonio...

GUARDA COME BALLA QUESTO PONTE QUANDO PASSANO LE AUTO: CASTA ASSASSINA!
GUARDA COME BALLA QUESTO PONTE QUANDO PASSANO LE AUTO: CASTA ASSASSINA!
(Milano)
-

C’è un ponte che oscilla a Zapponeta, piccolo comune in provincia di Foggia, sulla provinciale 141, verso Manfredonia. 
C’è un ponte che oscilla a Zapponeta, piccolo comune in provincia di Foggia,...

Il Polo Nord? NON GHIACCIA PIU'! Stiamo DISTRUGGENDO LA TERRA! VIDEO
Il Polo Nord? NON GHIACCIA PIU'! Stiamo DISTRUGGENDO LA TERRA! VIDEO
(Milano)
-

IL POLO NORD NON GHIACCIA PIÙ: LE RILEVAZIONI DI GENNAIO MOSTRANO CHE IL 2017 È GIÀ L’ANNO PEGGIORE DELLA STORIA PER LA CALOTTA ARTICA.
IL POLO NORD NON GHIACCIA PIÙ: LE RILEVAZIONI DI GENNAIO MOSTRANO CHE IL 2017 È...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati