Cassazione: rubi cibo per fame? Non puoi essere arrestato!

TORINO ore 17:48:00 del 28/03/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Sociale - Cassazione

Cassazione: rubi cibo per fame? Non puoi essere arrestato!

La Cassazione ribadisce che anche in caso di flagranza non scatta l'arresto se il fatto non è grave e il soggetto non pericoloso

La Cassazione ribadisce che anche in caso di flagranza non scatta l'arresto se il fatto non è grave e il soggetto non pericoloso

Chi ruba generi alimentari spinto dalla fame non può essere arrestato se il fatto non è grave e l'indagato non è pericoloso.

A ricordarlo, come riferisce il portale StudioCataldi.it, è una sentenza della quinta sezione penale della Corte di Cassazione che era stata chiamata a dirimere il caso di un uomo sorpreso in flagranza a rubare cibo da un banco di vendita lasciato incustodito nel mercato del paese.

L'uomo era stato sorpreso di notte dagli agenti e immediatamente bloccato e denunciato per il tentato furto, ma al momento della convalida dell'arresto il giudice per le indagini preliminari lo aveva rimesso in libertà ritenendo che il fatto non fosse connotato da alcuna particolare gravità, trattandosi di un furto, solo tentato, di generi alimentari.

La locale Procura della Repubblica quindi è ricorsa in Cassazione ritenendo che nel caso di arresto sul posto il Gip dovesse limitarsi alla verifica dello stato di flagranza e della sussistenza delle ipotesi di reato, senza valutare il quadro indiziario e le esigenze di cautela. La suprema corte però è stata di diverso avviso dando ragione al Gip.

Per la Cassazione infatti il tentato furto in questione, aggravato dalla sola esposizione dei beni alla pubblica fede, prevede l'arresto facoltativo e la legge prevede che si procede "soltanto se la misura è giustificata dalla gravità del fatto ovvero dalla pericolosità del soggetto desunta dalla sua personalità o dalle circostanze del fatto".

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE

-

Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per scaldapoltrone insaziabili.
Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per...

Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA

-

In questa importantissima conferenza il giornalista RINO DI STEFANO ci introduce alla conoscenza di un argomento di eccezionale interesse e le cui implicazioni potrebbero determinare profondi cambiamenti negli assetti politico-economici, socio-culturali e
LA MACCHINA DI DIO: IL MISTERO DEL RAGGIO DELLA VITA. ETTORE MAJORANA E...

Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani

-

Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra promessa per chi fugge dalle tasse. L'Espresso, con un'inchiesta realizzata insieme al consorzio giornalistico Eic (European Investigative Collaborations), ha potuto consultare lo
Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra...

Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane

-

Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo hanno trovato in una pozza di sangue nella sua cella di Rebibbia, reparto G9, lo scorso 25 marzo. Si è tagliato la gola ed è morto lentamente, dissanguato.
Prigionieri e suicidi: così il carcere uccide Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo...

Autorita' per l'energia elettrica? IL GRANDE BIDONE- Ecco l'ennesima truffa ai consumatori!
Autorita' per l'energia elettrica? IL GRANDE BIDONE- Ecco l'ennesima truffa ai consumatori!

-

L”AUTORITÀ PER L’ ENERGIA ELETTRICA, CHE DOVREBBE TUTELARE I CONSUMATORI, IN REALTÀ TUTELA GLI INTERESSI DELLE AZIENDE ELETTRICHE E DELLE INDUSTRIE ENERGIVORE, SCARICANDO I COSTI SUI PICCOLI CONSUMATORI.
L”AUTORITÀ PER L’ ENERGIA ELETTRICA, CHE DOVREBBE TUTELARE I CONSUMATORI, IN...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati