Caro mercenario Higuain, risparmiaci un'altra sceneggiata: se segni devi esultare! TRADITORE SEI, TRADITORE RESTERAI

(Milano)ore 19:10:00 del 01/11/2016 - Categoria: Calcio, Denunce

Caro mercenario Higuain, risparmiaci un'altra sceneggiata: se segni devi esultare! TRADITORE SEI, TRADITORE RESTERAI

Naturalmente speriamo tutti che perlomeno non faccia goal, oltre che per il risultato, per risparmiarci la beffa di una esultanza contenuta o non esposta. Se segni, ti prego, esulta Giudain e concediti felice all’abbraccio di quel popolo meticcio e senza

Naturalmente speriamo tutti che perlomeno non faccia goal, oltre che per il risultato, per risparmiarci la beffa di una esultanza contenuta o non esposta. Se segni, ti prego, esulta Giudain e concediti felice all’abbraccio di quel popolo meticcio e senza patria, non regalarci ulteriori sceneggiate.

Ormai ci siamo, finalmente, è arrivato quel momento che ognuno di noi stava aspettando, per una ragione o per l’altra , con ansia e trepidazione, sin da quando Higuain se ne è andato da Napoli. Uno strano stato d’animo misto di rabbia, rancore e delusione ma anche di quell’ orgoglio tipico dell’innamorato tradito che finge indifferenza ma non aspetta altro che consumare la sua vendetta nei tifosi del Napoli. Ritrovarsi di fronte il Pipita con la maglia bianconera è surreale e doloroso, inutile negarlo. Dai cori sotto la Curva B a novello idolo dello Stadium, il tempio della juventinità, dove quando gioca il Napoli si respira un’insopportabile atmosfera di integralismo, intollerante e razzista. Una fuga precipitosa verso i soldi e le vittorie facili che non ha dato neanche il tempo di poter metabolizzare quello che stava accadendo nei tifosi del Napoli. Una ferita aperta, ancora non cicatrizzata.

Forse aveva visto giusto Max Gallo ipotizzando che, in fondo, era solo un pacco postale indirizzato a Torino ed invece arrivato per sbaglio a Napoli. Ma se ci si può innamorare persino di una escort, figuriamoci di chi ti ha preso in giro per anni con promesse di appartenenza o di amore ricambiato. In molti ci sono cascati, tanto da dedicargli una benevolissima ed autorevole riflessione collettiva per celebrare le sue gesta, addirittura pubblicata in un volumetto ben confezionato. Qualcuno impudentemente aveva iniziato a paragonarlo a Diego.

Adesso, secondo i soliti pedagoghi calciofili, bisognerebbe essere sportivi, consapevoli ed indifferenti, magari anche grati per quanto di buono ha realizzato a Napoli. In fondo si tratta di un professionista che ha fatto le sue scelte ed oltretutto ha consentito alle casse societarie di realizzare un buon affare. Insomma dovremmo essere più commercialisti che tifosi. Noi non la pensiamo cosi e ci fa ancora molto male il fatto che nessuno abbia davvero tentato di evitare questo brutto epilogo, tantomeno Aurelio De Laurentiis.

Per quanto ci riguarda continueremo ad augurargli mai una gioia e speriamo che Koulibaly possa diventare il vero ambasciatore in campo del Napoli, facendogli sentire sulle caviglie e nelle gambe quanto è ancora forte la delusione di una città intera. Altro che abbracci e pacche sulle spalle. Tutto ciò è molto politically incorrect, ce ne rendiamo conto, ed è un atteggiamento che potrà suscitare le consuete reprimende di tutti quelli che vivono il calcio per mestiere o per interesse. Noi però siamo tifosi, forse patetici, illusi ed un po’ romantici ma, per fortuna, ce lo possiamo consentire perché chi ama non dimentica.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
I multivitaminici? Inutili e dannosi
I multivitaminici? Inutili e dannosi
(Milano)
-

A volte può essere difficile alimentarsi nel miglior modo possibile. Tuttavia, una delle conseguenze è quella di andare incontro a carenze vitaminiche.
A volte può essere difficile alimentarsi nel miglior modo possibile. Tuttavia,...

25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI
25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI
(Milano)
-

E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri, delinquenti, affamatori di popoli, di politici corrotti e arraffoni ingordi.
E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri,...

Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
(Milano)
-

Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre ore al giorno per 15 anni e adesso l'Inail è stata condannata a pagare la rendita perpetua per il danno sul lavoro subito da un dipendente Telecom.  
Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre...

Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
(Milano)
-

QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE COSTE LIBICHE ALLE COSTE ITALIANE, CAMPANE, SICILIANE E SOPRATTUTTO SARDE.
QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE...

LA SCHIAVITU' SILENZIOSA ALL'INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI
LA SCHIAVITU' SILENZIOSA ALL'INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI
(Milano)
-

I centri commerciali aperti con regolarità la domenica e i festivi sono certamente una comodità, ma a quale prezzo? Sicuramente, oltre alla crisi dei piccoli esercenti, a farne le spese sono i lavoratori delle grandi catene, costretti a rinunciare alla pr
E il settimo giorno si riposò, ma mai di  domenica o nei festivi I centri...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati