Caro HIGUAIN: unirsi ad un gruppo vincente NON FA DI TE UN VINCENTE!

(Roma)ore 14:42:00 del 07/04/2017 - Categoria: , Calcio, Denunce

Caro HIGUAIN: unirsi ad un gruppo vincente NON FA DI TE UN VINCENTE!

C’è la grande illusione di un uomo, Gonzalo Higuain, quasi grato ai fischi che qualcuno ha definito orgiastici e che sono stati poco più che ordinari.

C’è la grande illusione di un uomo, Gonzalo Higuain, quasi grato ai fischi che qualcuno ha definito orgiastici e che sono stati poco più che ordinari. Il Gonzalo è un uomo alla soglia dei trenta, bello come nessun altro centravanti della storia del Napoli, che si sveglia di notte preda degli incubi taglienti delle proprie occasioni perse. Le finali svanite, le reti decisive mancate, gli undici metri maledetti. È bello e materno, il Gonzalo. Allora esce di casa per trovare ristoro nella mano di chi possa garantirgli un carattere vincente rimanendo casalingo, nel calore di una famiglia che lo accarezzi. E si illude che unirsi ad un gruppo vincente possa renderci vincenti, seguendo la dinamica inversa rispetto a quella di ogni campione che ha l’ambizione – e forse anche lui l’illusione, ma più eroica – di donare la goccia di eternità ad una realtà troppo legata al tempo. L’heros greco vuole immortalarsi cedendo parte della sua immortalità mentre il Gonzalo l’immortalità la cerca con un filo di disperazione, qualle di chi sa di vivere una infinita illusione, abbandonato nella metà campo avversaria.

L’illusione muove menti e cuori con un moto più tellurico e profondo della speranza. È quella che dava vita ai balenieri che Melville descrive nel suo capolavoro mentre avvolgevano di leggenda il Moby Dick cercato e mai visto sui ponti delle navi – “sebbene selve di lance gli venissero piantate nei fianchi, lui si sarebbe sempre allontanato incolume, e se davvero fosse mai stato ridotto a sfiatare sangue denso, un tale spettacolo sarebbe stato soltanto una spettrale illusione, poiché di nuovo in flutti incruenti migliaia di leghe lontano, si sarebbe pur sempre intravisto il suo spruzzo immacolato”

Sarri e l’apologia di Higuain

In questa fitta nebbia lattiginosa cerca di orizzontarsi anche Maurizio Sarri. Non riesce a trattenere un certo tratto languido quando parla del Gonzalo. Nel post partita si ritrova quasi a costruirne una veloce apologia contro chi ne critica la performance non maiuscola. Era isolato. Aveva i compagni a trenta metri. Sembra di assistere al finale alternativo del Dottor Stranamore di Kubrick o ad un frammento della trilogia dell’incomunicabilità di Antonioni. Si conia la definizione di “supremazia territoriale” con la leggerezza che avrebbe conquistato un capitolo del capolavoro di Melville. I balenieri rincorrono il capodoglio con lo stesso zelo col quale i post partita forniscono coefficienti.

Finisce come l’illusione richiede. Senza vincitori. Nel maya sanscrito non esistono sopra e sotto né alto né basso. Ci sono solo flutti sordi sulla nave ma nessuna riva. Non c’è tempo da dedicare alla vittoria.

Poi, magari, tu, dolce Ciuccio, ragli forte. E ci svegli.

Da: QUI

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
(Roma)
-

Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello spettacolo moderno, il lavoro non è una catastrofe naturale.
Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello...

L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
(Roma)
-

L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe ripudiare. Ci adattiamo a mangiare cibo spazzatura, a respirare veleni, a stare in coda un’ora al mattino in tangenziale per andare al lavoro e un’altra ora la sera per tornare a casa.
L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe...

Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
(Roma)
-

Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti uccidono civili, tra cui bambini, in Yemen. Questo è quello che avviene in una guerra per procura, un massacro sotto silenzio.
Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti...

Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
(Roma)
-

Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a tavolino. Il problema è che tutti, Papi per primo, recitano peggio che a una festa dell'oratorio. Tre ore che potrebbero stare tranquillamente in 45 minuti e una noia insostenibile.
Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a...

20 milioni di soldi pubblici solo per CONTARE gli immigrati
20 milioni di soldi pubblici solo per CONTARE gli immigrati
(Roma)
-

Anche se ieri si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato costoro, in Italia, sfiorano semplicemente il 5%.
Anche se ieri si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato costoro, in...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati