Camera: ecco il sindacalista che non lavora mai!

ROMA ore 16:33:00 del 07/04/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica - Parassiti

Camera: ecco il sindacalista che non lavora mai!

Numeri da prendere con le molle, innanzitutto perché non tengono conto del lavoro, importante quanto faticoso, nelle commissioni e poi perché non distinguono la non partecipazione al voto “politica” dalla vera e propria assenza

Numeri da prendere con le molle, innanzitutto perché non tengono conto del lavoro, importante quanto faticoso, nelle commissioni e poi perché non distinguono la non partecipazione al voto “politica” dalla vera e propria assenza. Certamente, però, danno un’indicazione. Tra chi, per esempio, in missione non c’è andato praticamente mai (solo in 5 occasioni) eppure è riuscito a totalizzare ben 6.555 assenze (pari al 40%) c’è la deputata del Movimento 5 stelle Laura Castelli, la quale, per contro, sottopone il proprio staff agli straordinari con l’elaborazione di una sfilza infinita di mozioni, interrogazioni, interpellanze ed emendamenti come testimonia il suo alto indice di produttività che la pone al 43° posto su 630 deputati. Nel caso dei pentastellati va ricordato che alcuni di essi sono incorsi anche in una serie di provvedimenti disciplinari, culminati in alcuni casi nella sospensione.

Ha talmente a cuore il lavoro, altrui, da trascurare spesso il proprio. Pur di stare al fianco di chi rusca Giorgio Airaudo rinuncia ai comodi scranni e ai velluti di Montecitorio. Già perché, almeno secondo le statistiche pubblicate daOpenpolis, il deputato di Sinistra italiana, ex numero uno della Fiom piemontese, non è proprio quel che si dice unoStakanov del Parlamento. In questi tre anni dalla sua elezione si è presentato nell’emiciclo una volta su due, per la precisione ha partecipato al 51,15% delle 16.365 votazioni elettroniche della Camera. Nel 48,41% dei casi era assente e solo in 71 occasioni (0,43%) si trovava in missione.

IL SINDACALISTA ALLA CAMERA? E’ IL RE DEI PARASSITI: NON LAVORA MAI MA INCASSA QUESTO SUPER STIPENDIO

Lo stesso Airaudo, che è candidato a sindaco a Torino con una coalizione di Sinistra, alternativa a Piero Fassino, risulta assente anche nella maggior parte delle votazioni di provvedimenti “chiave” di questa legislatura: la fiducia sul Milleproroghe, il ddl sullo Ius soli, l’Anti-Corruzione, il ddl sulla Buona scuola, la legge sugli Ecoreati (nel caso del Jobs act, invece, uscì dall’aula come atto di dissenso). Quasi paradossalmente – ma mica poi tanto – un altro ex sindacalista,Cesare Damiano del Pd, è tra gli eletti in Piemonte che hanno il più basso numero di presenze (il 21,64%), ma con l’attenuante che in due votazioni su tre era impegnato in incarichi istituzionali.

Toh, chi (non) si rivede – Bigiano i loro doveri pure i democratici Luigi Bobba di Vercelli (presente nel 24,83% delle votazioni) e la novarese Franca Biondelli (25,96%), anche loro, però, risultano quasi sempre in missione; oltre alla berlusconiana Annagrazia Calabria, catapultata nelle liste piemontesi nel 2013 e poco incline a frequentare l’aula, con un tasso di assenze del 37,57%. Da Montecitorio a Palazzo Madama i numeri cambiano anche perché con una maggioranza appesa a un filo non si ammettono defezioni, da una parte e dall’altra degli schieramenti. Tra i più “fagnani”, tra virgolette naturalmente, la forzista Maria Rizzotti, alias lady Botulino, per essere stata il chirurgo plastico del Cavaliere, si permette un’assenza ogni quattro votazioni e anche Manuela Repetti, della verdiniana Ala dovrà intensificare un po’ la sua attività per assolvere al meglio al nuovo incarico di portavoce del gruppo, riducendo quel tasso di assenza del 31,8% accumulato in questi tre anni. Molto spesso uccel di bosco anche il valsusino del M5s Marco Scibona (nel 27,21% dei casi), mentre il cuneese Michelino Davico (ex Lega, ex Idv, ora Gal) non si presenta a schiacciare i bottoni nel 24,27% delle occasioni. Di poco meglio un altro pentastellato, Carlo Martelli, assente ingiustificato nel 17,66% delle votazioni.

Autore: Alberto

Notizie di oggi


-


I mainstream media (TheGuardian e BBC in testa) , sebbene in maniera sottile...

David Rockefeller muore a 101 anni: DETENEVA IL MONDO
David Rockefeller muore a 101 anni: DETENEVA IL MONDO

-

Avrebbe compiuto 102 anni tra meno di tre mesi. Il banchiere americano David Rockefeller, considerato tra gli uomini più ricchi del mondo, è morto lunedì 20 marzo mentre dormiva nella sua casa di Pocantico Hills, a New York.
Avrebbe compiuto 102 anni tra meno di tre mesi. Il banchiere americano David...

Il Debito Pubblico? E' ILLEGITTIMO! DIFFONDI
Il Debito Pubblico? E' ILLEGITTIMO! DIFFONDI

-

“DETESTARE” IL DEBITO E RIFIUTARSI DI SOTTOSTARE AL CAPPIO DEL SUO PAGAMENTO È COSA FATTIBILE E DEL TUTTO LECITA,UNA VOLTA DIMOSTRATA LA SUA ILLEGITTIMITÀ.
“DETESTARE” IL DEBITO E RIFIUTARSI DI SOTTOSTARE AL CAPPIO DEL SUO PAGAMENTO È...

Terapia del dolore, la verità
Terapia del dolore, la verità

-

Esiste, quindi, un ramo della medicina capace di alleviare le sofferenze dei malati ancora poco sfruttato in Italia, perché si scontra con diversi aspetti tipici di una cultura radicata.
È una legge dello Stato che garantisce l’accesso alla terapia del dolore e il...

La Finanza? Uccide quanto il terrorismo! VIDEO SHOCK
La Finanza? Uccide quanto il terrorismo! VIDEO SHOCK

-

L’INTERVENTO DI DIEGO FUSARO ALLA TRASMISSIONE LA GABBIA SU LA7:”E’ TERRORISMO ANCHE LA VIOLENZA ECONOMICA DEL SISTEMA FINANZIARIO CHE GENERA VITTIME”.
L’INTERVENTO DI DIEGO FUSARO ALLA TRASMISSIONE LA GABBIA SU LA7:”E’ TERRORISMO...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati