Calcio notizie: il Modena caccia il Carpi dallo stadio, ecco perche'!

CARPI (Modena)ore 22:03:00 del 26/10/2015 - Categoria: Calcio

Calcio notizie: il Modena caccia il Carpi dallo stadio, ecco perche'!

Calcio notizie: il Modena caccia il Carpi dallo stadio, ecco perche'!Non per il pallone, ma per lo stadio. A Modena, nel mondo del calcio, si litiga anche per questo, tra squadre di serie A e B

Non per il pallone, ma per lo stadio. A Modena, nel mondo del calcio, si litiga anche per questo, tra squadre di serie A e B. Oggetto del contendere il Braglia, affidato in convenzione dal Comune fino al 2034 al Modena Fc, ma che da quest’anno, con un accordo biennale da 700mila euro, è utilizzato anche dal Carpi, neopromosso in serie A, per le partite in casa e per gli allenamenti. Due giorni fa però, quando i giocatori della seconda squadra sono arrivati davanti allo stadio per la preparazione settimanale alla vigilia del derby con il Bologna in programma sabato, hanno trovato i cancelli chiusi e il campo già occupato dalla Primavera del Modena. Calciatori e staff tecnico della formazione di serie A sono rimasti fuori ad aspettare, prima di fare marcia indietro e ritornare ad allenarsi allo stadio della propria città.

Alla base della decisione del Modena di negare l’utilizzo del centro sportivo ci sarebbero degli inadempimenti tra le società. Secondo il presidente del Modena Antonio Caliendo, il Carpi non avrebbe pagato le rate di affitto concordate per l’uso della struttura e dovrebbe al suo club 72mila euro. Diversa la versione del patron del Carpi Stefano Bonacini, che invece ha spiegato che i pagamenti vengono fatti in modo regolare, ma sono stati pignorati dal Tribunale di Modena per un credito di 25mila euro contestato da parte di fornitori dell’altra squadra. Il pomeriggio dopo la “cacciata” dallo stadio, il Carpi ha diffuso un comunicato in cui ha definito il comportamento di Caliendo “gravissimo e inaccettabile” e spiegato che tutto quello che è stato fatto è in ottemperanza agli ordini del Tribunale. Le accuse però sono state respinte al mittente da Caliendo, che in una conferenza stampa all’indoMani dello sfratto ha ripetuto di fronte ai giornalisti che il Carpi è “reiteratamente e gravemente inadempiente alle obbligazioni previste dalla convenzione”.

Nella querelle che rischia di trascinarsi per tutto il campionato con problemi di gestione che potrebbero danneggiare club e tifosi, è intervenuto anche il Comune di Modena, che ha incontrato i dirigenti delle due realtà sportive e ha inviato una lettera di diffida al Modena Fc rispetto ai doveri previsti dall’accordo e alle autorizzazioni sull’utilizzo dello stadio, ricordando e dettando tempistiche sul rispetto delle scadenze dei pagamenti, sui versamenti delle imposte per la pubblicità allo stadio, l’impegno per la manutenzione ordinaria e straordinaria del manto erboso e la pulizia delle gradinate e dei locali della struttura. Nel documento si spiega anche che l’amministrazione, in caso del ripetersi di un episodio simile, provvederà a revocare l’affidamento del Braglia alla società.

Ma anche il Carpi, che aveva richiesto un intervento risolutivo del Comune, sta pensando a provvedimenti. Il club, sempre attraverso una nota, ha fatto sapere che si riserva di riconsiderare la propria posizione e il rapporto in essere perché “non può essere ostaggio, nel legittimo utilizzo di un bene, di soggetti privi di qualsivoglia spirito collaborativo e, vieppiù, inclini a gettare gratuitamente discredito, senza alcuna valida ragione, su chi ha forse l’unica responsabilità di aver conseguito, con la massima trasparenza e correttezza, risultati sportivi ed aziendali lusinghieri, riconosciuti dal territorio locale nonché in ambito nazionale e internazionale, certamente invidiati da molti”.

Autore: Alberto

Notizie di oggi
Razzismo negli stadi? IMPUNITO, alla Lega Calcio NON INTERESSA
Razzismo negli stadi? IMPUNITO, alla Lega Calcio NON INTERESSA
(Modena)
-

Ora è ufficiale: il Giudice Sportivo ha emesso la sua sentenza sui cori discriminatori di Sampdoria-Napoli. E si tratta di una decisione che non possiamo che definire ridicola: 20mila euro di multa al club blucerchiato.
Ora è ufficiale: il Giudice Sportivo ha emesso la sua sentenza sui cori...

Speriamo in una BELLA e SANA squalifica per BUFFON!
Speriamo in una BELLA e SANA squalifica per BUFFON!
(Modena)
-

Esistono due regolamenti: quello italiano dove la Juve regna sovrana e quello extra Italia dove il rigore era nettissimo. Fine della storia.
Esistono due regolamenti: quello italiano dove la Juve regna sovrana e quello...

Dopo il DISASTRO MONDIALI, cosa stanno facendo per RILANCIARE IL CALCIO ITALIANO?
Dopo il DISASTRO MONDIALI, cosa stanno facendo per RILANCIARE IL CALCIO ITALIANO?
(Modena)
-

Il ricambio si è fermato. Ora si cerca di correre ai ripari. Con 200 centri federali e 1200 istruttori. Ma per i nuovi vivai serviranno anni
Il calcio italiano è morto il 9 luglio del 2006, all’Olympiastadion di Berlino....

Effetto SCANSUOLO? Ecco i rapporti tra JUVE e i vertici del SASSUOLO
Effetto SCANSUOLO? Ecco i rapporti tra JUVE e i vertici del SASSUOLO
(Modena)
-

A pensar male, nel pallone italiano, si racconta la carriera di Giovanni Carnevali, proprietario di quattro aziende di marketing sportivo e direttore generale del Sassuolo di Giorgio Squinzi.
Carnevali è tante cose, tante facce, tante poltrone. E un legame solido con...

7ettimo titolo per la Juventus: ma c'e' qualcosa che NON QUADRA
7ettimo titolo per la Juventus: ma c'e' qualcosa che NON QUADRA
(Modena)
-

Del resto, negli ultimi anni l’intreccio tra l’AIA e i Palazzi del potere calcistico è tornato a essere nuovamente “pericoloso”. Al punto che gli arbitri hanno addirittura ottenuto un componente con diritto di voto nel Consiglio federale.
La Juventus si appresta a vincere il settimo titolo consecutivo. Un filotto che,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati