Calcio news: vergognoso striscione a sfondo razzista dei tifosi della Juve

CREMONA ore 14:10:00 del 27/02/2015 - Categoria: Calcio

Calcio news: vergognoso striscione a sfondo razzista dei tifosi della Juve

Calcio news: vergognoso striscione a sfondo razzista dei tifosi della Juve. E’ questo lo stile-Juve?

“L’amico del mio nemico è mio nemico. Dortmund merda, Catania merda, Napoli colera”. Indovinate un po’ in quale stadio è apparso questo striscione. Vi diamo qualche aiutino: 1) è lo stadio in cui la regola del fuorigioco gode di prospettive particolari; 2) è lo stadio in cui misteriosamente gli arbitri dimenticano di avere in dotazione il cartellino rosso, talvolta anche il giallo; 3) è lo stadio in cui le coreografie sono decise dalla società, pagate dagli sponsor e suggerite ai tifosi (una sottospecie, per la precisione) tramite volantini.

Potremmo andare avanti all’infinito per raccontarvi tutte le peculiarità di questa location e soprattutto della squadra che vi gioca, nonché della società cui appartiene – ben nota alle cronache sportive e giudiziarie – ma siamo certi che sia ben chiaro a tutti quale sia il luogo del misfatto, ovvero lo juventus stadium. Cori e striscioni di un certo stile contro i napoletani non sono certo nuovi in questa sede, stavolta però ce n’è per tutti: gli insulti, per la ben nota proprietà transitiva, se li beccano pure il Borussia Dortmund e il Catania, squadre gemellate col Napoli.

Come avranno fatto poi ad introdurre nel super sicuro Stadium cotanto striscione quando nel pessimo San Paolo ci controllano pure le sciarpe che abbiamo al collo, sequestrando quelle con messaggi “offensivi”, non è dato sapere. Vedremo ora come intenderà agire l’Uefa – visto che si giocava una partita di Champions e non di semplice campionato da poter sanzionare con una multa da quattro soldi -; e vedremo pure se la società sportiva Juventus prenderà esempio dal Chelsea (ma ci viene da ridere già solo a pensarla questa eventualità, tanto è remota) che ha squalificato a vita alcuni tifosi colpevoli di gesti razzisti.

E comunque complimenti davvero: con questa ennesima prova di civiltà ed educazione vi siete proprio qualificati da soli stasera, e in eurovisione. E’ questo il vero stile juve conosciuto nel mondo, uno stile degno dei vostri celebri antenati.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Var, altro che moviola in campo: faranno vincere sempre chi vogliono LORO
Var, altro che moviola in campo: faranno vincere sempre chi vogliono LORO

-

La Var è semplicemente concepita male, non deve essere l'arbitro a doverla chiamare, primo perché se fosse in mala fede tale rimarrebbe e secondo perché così non ha senso.
La Var è semplicemente concepita male, non deve essere l'arbitro a doverla...

Juve-Ndrangheta: Agnelli verso Squalifica di 3 anni!
Juve-Ndrangheta: Agnelli verso Squalifica di 3 anni!

-

Ci sono intercettazioni telefoniche che confermano tutto , è da tempo che lo/li controllano, quando vengono rese pubbliche quese notizie, è perchè ci sono prove sufficienti a fermare le indagini e avere prove sufficienti per accusare qualcuno, poi che uno
Ci sono intercettazioni telefoniche che confermano tutto , è da tempo che lo/li...

Dazn, il Netlix del calcio: Legale in Germania, IN ITALIA TROPPO SCOMODO!
Dazn, il Netlix del calcio: Legale in Germania, IN ITALIA TROPPO SCOMODO!

-

Una delle piattaforme più interessanti è sicuramente Dazn, che dalla Germania si è espansa in Svizzera, Austria, Giappone e Canada. 
Il caso Dazn Una delle piattaforme più interessanti è sicuramente Dazn, che...

Bonucci al Milan? Ennesimo inganno di questo calcio malato
Bonucci al Milan? Ennesimo inganno di questo calcio malato

-

Ma perché tutto questo viene permesso? Non si era detto che dopo il caso Parma ogni nuova proprietà sarebbe stata accuratamente valutata prima di permettere l'acquisizione di una società di serie A?
Ma perché tutto questo viene permesso? Non si era detto che dopo il caso Parma...



-


Di questo passo, dove andremo a finire ? Sessione calciomercato estate 1984 :...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati