Calcio, chi vincerà lo scudetto?

(Torino)ore 22:05:00 del 28/09/2016 - Categoria: Calcio

Calcio, chi vincerà lo scudetto?

Sarebbe un botto da leggenda, bello per quanto precipiterebbe in farsa la logica piatta applicata al calcio, oltre che il trionfo personale del Pomata, l’uomo che trasforma i centravanti in oro.  

 

CALCIO DOTTO - E SE DAVVERO IL NAPOLI ANDASSE A CUCCARSI UN UBRIACANTE SCUDETTO NELL'ANNO DELLA MALEDETTA CESSIONE DI HIGUAIN? QUELLA DI PALERMO È DI GRAN LUNGA LA PIÙ ORRENDA JUVENTUS DEGLI ULTIMI 5 ANNI, MENTRE SARRI FA GIOCO E RISULTATI - ROMA? ROMETTA. DEPRIMENTE PER QUANTO DISCONTINUA. BRUTTISSIMO SEGNO SPALLETTI PIETRIFICATO - NON SFRUTTA L'OCCASIONE L'INTER, CON L'ESORDIO DI BARBOSA, BRASILEIRO E FENOMENO ANNUNCIATO

E se il Napoli andasse a cuccarsi un ubriacante scudetto nell’anno della “scandalosa” e molto maledetta cessione di Higuain alla rivale bianconera? Sarebbe un botto da leggenda, bello per quanto precipiterebbe in farsa la logica piatta applicata al calcio, oltre che il trionfo personale del Pomata, l’uomo che trasforma i centravanti in oro.  Ipotesi, scudetto al Napoli, non del tutto assurda se leggi quanto sta capitando di questi tempi.

Quella di Palermo è di gran lunga la più orrenda Juventus degli ultimi cinque anni. Segue al Siviglia e all’Inter. Tre indizi che quasi fanno prova e tre punti da vergogna questi ultimi, un paio di nuovi infortuni seri e gente che proprio non decolla come Sua Evanescenza Pjanic.

Si capisce che quelli del Palermo siano ancora lì, un giorno dopo, a reiterare la bestemmia da cattivo sangue. Di contro, il Napoli di Sarri fa gioco e risultati, non importa se Milik o Gabbiadini, importa che Hamsik si sia incarnato capitano vero al meglio della sua maturità, in assenza di Pepite. Chievo spazzato via in un amen. E non era così scontato

Dovrebbe esserci anche la Roma a giocarsela con le due. Dovrebbe, ma non è e non sarà. Robetta. Rometta. Bruttissimo segno Lucio Spalletti che si pietrifica a fissare il vuoto. Lo conosciamo. Succede quando il mondo gli risulta incomprensibile e dunque doloroso. Tornato a Roma col piglio del “domino” e lo sguardo frontale si ritrova da un po’ a misurare le zolle del campo e le mosche nell’aria. La sua Roma è una creatura altamente imperfetta.

E deprimente per quanto discontinua. Dopo quella di Firenze, riesce a straperdere (non accadeva dal ’90) anche quella con il Toro dell’incontenibile Belotti, oggi miglior centravanti italiano di molto, pur tenendo a lungo il controllo della partita. Il tema è semplice, se tu hai dieci palle gol e non ne realizzi una (il gol arriva su rigore) e in difesa ti ritrovi a beccare l’ennesimo gol da palla morbida e prevedibile che arriva da lontano, non puoi che andare incontro a una frustrazione infinita.

Dzeko è il nome della frustrazione, sempre una spanna sotto la ferocia evocata da Spalletti, quella che c’è invece in overdose nella testa e nei piedi di Belotti, animale da combattimento e calcio nemmeno banale. Il Toro, oggi, al settanta per cento è lui.  Totti è invece il nome del delirio che inchioda questa città all’impossibilità d’immaginarsi senza di lui.

Qualcosa di mefistofelico poi ha a che fare con la cosiddetta legge dell’ex, quando si tratta di Roma. Segnano proprio tutti. Ieri, prima doppietta in carriera di Iago Falque, ma prima di lui Borriello e un elenco infinito.  Spalletti dovrà inventarsi qualcosa, non so cosa, ma è bene che lui lo sappia

Non sfrutta l’occasione l’Inter per restare attaccata alle caviglie in volo di Juve e Napoli, ma il Bologna gioca a San Siro una gran partita, senza mai rinunciare all’ambizione dei tre punti. Da segnalare l’esordio a San Siro di Gabriel Barbosa, brasileiro e fenomeno annunciato, e il primo gol italiano di Simeone, il figlio del Cholo al Genoa.

Fonte: dagospia

 

Autore: Luca

Notizie di oggi
Juve-Ndrangheta: Agnelli NEI GUAI! Ecco i Rischi
Juve-Ndrangheta: Agnelli NEI GUAI! Ecco i Rischi
(Torino)
-

In pratica Agnelli per un periodo di 5 ANNI (dal 2011-12 a quantomeno tutta la stagione corsa) non impediva a tesserati, dirigenti e dipendenti della Juventus di intrattenere rapporti costanti e duraturi con i cosiddetti 'gruppi ultras', anche per il tram
In pratica Agnelli per un periodo di 5 ANNI (dal 2011-12 a quantomeno tutta la...

ALLENATORE EROICO Porta i giocatori IN FABBRICA a far vedere COME SI SUDANO I SOLDI!
ALLENATORE EROICO Porta i giocatori IN FABBRICA a far vedere COME SI SUDANO I SOLDI!
(Torino)
-

INIZIATIVA DA ESTENDERE SUBITO A TUTTI I POLITICI ITALIANI, NESSUNO ESCLUSO. PERÒ, OLTRE CHE GUARDARE, SAREBBE OPPORTUNO FARLI LAVORARE UNA SETTIMANA IN FABBRICA E SOPRATTUTTO FARLI CAMPARE PER UN PAIO DI MESI CON LO STIPENDIO DI UN OPERAIO. COSÌ IMPARERE
INIZIATIVA DA ESTENDERE SUBITO A TUTTI I POLITICI ITALIANI, NESSUNO ESCLUSO....

Milan ai Cinesi? UNA BARZELLETTA TUTTA ITALIANA
Milan ai Cinesi? UNA BARZELLETTA TUTTA ITALIANA
(Torino)
-

Se il prezzo della compravendita è di 520 mln (più accollo del debito pregresso) e 200 mln sono già stati versati, pari a 38,46% del prezzo, dovrebbe contestualmente esistere un passaggio di proprietà per una quota equivalente.
Se il prezzo della compravendita è di 520 mln (più accollo del debito pregresso)...

Juve, cosa rischia?
Juve, cosa rischia?
(Torino)
-

E' inutile che voi lettori tifosi juventini vi scagliate contro Varriale, è talmente evidente la sudditanza degli arbitri nei confronti della Juve che pure i bambini se ne accorgono.
Il calcio italiano è quanto di peggio ci sia in Europa. E Varriale ha ragione da...

Arbitri: IL CONFINE TRA SUDDITANZA PSICOLOGICA E CALCIOPOLI
Arbitri: IL CONFINE TRA SUDDITANZA PSICOLOGICA E CALCIOPOLI
(Torino)
-

Calciopoli è stato il più grande scandalo del calcio italiano di sempre. Ha portato alla retrocessione e alla penalizzazione della Juventus, alla revoca di due scudetti, alla penalizzazione (tra gli altri) di Milan, Lazio e Fiorentina.
Che cos’è stata Calciopoli? Cos’è la sudditanza psicologica? Cosa accade oggi...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati