Calcio, chi vincerà lo scudetto?

(Torino)ore 22:05:00 del 28/09/2016 - Categoria: Calcio

Calcio, chi vincerà lo scudetto?

Sarebbe un botto da leggenda, bello per quanto precipiterebbe in farsa la logica piatta applicata al calcio, oltre che il trionfo personale del Pomata, l’uomo che trasforma i centravanti in oro.  

 

CALCIO DOTTO - E SE DAVVERO IL NAPOLI ANDASSE A CUCCARSI UN UBRIACANTE SCUDETTO NELL'ANNO DELLA MALEDETTA CESSIONE DI HIGUAIN? QUELLA DI PALERMO È DI GRAN LUNGA LA PIÙ ORRENDA JUVENTUS DEGLI ULTIMI 5 ANNI, MENTRE SARRI FA GIOCO E RISULTATI - ROMA? ROMETTA. DEPRIMENTE PER QUANTO DISCONTINUA. BRUTTISSIMO SEGNO SPALLETTI PIETRIFICATO - NON SFRUTTA L'OCCASIONE L'INTER, CON L'ESORDIO DI BARBOSA, BRASILEIRO E FENOMENO ANNUNCIATO

E se il Napoli andasse a cuccarsi un ubriacante scudetto nell’anno della “scandalosa” e molto maledetta cessione di Higuain alla rivale bianconera? Sarebbe un botto da leggenda, bello per quanto precipiterebbe in farsa la logica piatta applicata al calcio, oltre che il trionfo personale del Pomata, l’uomo che trasforma i centravanti in oro.  Ipotesi, scudetto al Napoli, non del tutto assurda se leggi quanto sta capitando di questi tempi.

Quella di Palermo è di gran lunga la più orrenda Juventus degli ultimi cinque anni. Segue al Siviglia e all’Inter. Tre indizi che quasi fanno prova e tre punti da vergogna questi ultimi, un paio di nuovi infortuni seri e gente che proprio non decolla come Sua Evanescenza Pjanic.

Si capisce che quelli del Palermo siano ancora lì, un giorno dopo, a reiterare la bestemmia da cattivo sangue. Di contro, il Napoli di Sarri fa gioco e risultati, non importa se Milik o Gabbiadini, importa che Hamsik si sia incarnato capitano vero al meglio della sua maturità, in assenza di Pepite. Chievo spazzato via in un amen. E non era così scontato

Dovrebbe esserci anche la Roma a giocarsela con le due. Dovrebbe, ma non è e non sarà. Robetta. Rometta. Bruttissimo segno Lucio Spalletti che si pietrifica a fissare il vuoto. Lo conosciamo. Succede quando il mondo gli risulta incomprensibile e dunque doloroso. Tornato a Roma col piglio del “domino” e lo sguardo frontale si ritrova da un po’ a misurare le zolle del campo e le mosche nell’aria. La sua Roma è una creatura altamente imperfetta.

E deprimente per quanto discontinua. Dopo quella di Firenze, riesce a straperdere (non accadeva dal ’90) anche quella con il Toro dell’incontenibile Belotti, oggi miglior centravanti italiano di molto, pur tenendo a lungo il controllo della partita. Il tema è semplice, se tu hai dieci palle gol e non ne realizzi una (il gol arriva su rigore) e in difesa ti ritrovi a beccare l’ennesimo gol da palla morbida e prevedibile che arriva da lontano, non puoi che andare incontro a una frustrazione infinita.

Dzeko è il nome della frustrazione, sempre una spanna sotto la ferocia evocata da Spalletti, quella che c’è invece in overdose nella testa e nei piedi di Belotti, animale da combattimento e calcio nemmeno banale. Il Toro, oggi, al settanta per cento è lui.  Totti è invece il nome del delirio che inchioda questa città all’impossibilità d’immaginarsi senza di lui.

Qualcosa di mefistofelico poi ha a che fare con la cosiddetta legge dell’ex, quando si tratta di Roma. Segnano proprio tutti. Ieri, prima doppietta in carriera di Iago Falque, ma prima di lui Borriello e un elenco infinito.  Spalletti dovrà inventarsi qualcosa, non so cosa, ma è bene che lui lo sappia

Non sfrutta l’occasione l’Inter per restare attaccata alle caviglie in volo di Juve e Napoli, ma il Bologna gioca a San Siro una gran partita, senza mai rinunciare all’ambizione dei tre punti. Da segnalare l’esordio a San Siro di Gabriel Barbosa, brasileiro e fenomeno annunciato, e il primo gol italiano di Simeone, il figlio del Cholo al Genoa.

Fonte: dagospia

 

Autore: Luca

Notizie di oggi
Napoli Juventus non sara' MAI una semplice partita di PALLONE!
Napoli Juventus non sara' MAI una semplice partita di PALLONE!
(Torino)
-

Tu nun si’ cchiù Pulecenella, facive ridere e pazzià’. Mo t’arragge e pienze a’ guerra e nce parle ‘e libertà!
Nord contro Sud. Ricchi contro poveri. Industriali contro operai. I Savoia...

Il futuro del CALCIO? Stadi VUOTI, presidenti CINESI, 0 ITALIANI IN CAMPO
Il futuro del CALCIO? Stadi VUOTI, presidenti CINESI, 0 ITALIANI IN CAMPO
(Torino)
-

Questo segnerà con buone probabilità la fine del calcio come lo conosciamo noi.
Il calcio-mercato in Europa non è ancora cominciato che già diversi campioni...

Juve irriconoscibile? I MEDIA LA ELOGIANO, I TIFOSI LA MASSACRANO!
Juve irriconoscibile? I MEDIA LA ELOGIANO, I TIFOSI LA MASSACRANO!
(Torino)
-

Niente circo, viviamo in bianco e nero. Come dire: ci sta. Ci può stare, al netto dei gusti di ognuno. Niente da dire, niente da aggiungere.
Niente circo, viviamo in bianco e nero. Come dire: ci sta. Ci può stare, al...

Serie A POCO COMPETITIVA? Sapete QUANTI SOLDI PRENDONO LE RETROCESSE?
Serie A POCO COMPETITIVA? Sapete QUANTI SOLDI PRENDONO LE RETROCESSE?
(Torino)
-

Per la stagione in corso (2017/18) resteranno in vigore le norme precedenti, che in particolar modo per quanto riguarda la quota residuale vedevano garantita la cifra “avanzata” al club retrocesso con 3 anni di anzianità in serie A ma solamente nel caso i
Cambia anche il paracadute in Serie A. Il nuovo statuto della Lega infatti...

CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE
CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE
(Torino)
-

Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei mondiali di calcio come la Nemesi, la giusta punizione per un paese cantato da Dante quale regno dell’ignavia».
Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati