Burkini, ecco le nuove decisioni

(Cagliari)ore 07:20:00 del 03/09/2016 - Categoria: Denunce, Sociale

Burkini, ecco le nuove decisioni

Tra questi, in particolare, il diritto alla poligamia e il diritto ad indossare il cosiddetto "burkini" sulle spiagge europee.

 

 

L'Islam suona la sveglia all'Occidente mettendone a nudo le intrinseche fragilità ed evidenti contraddizioni. Negli ultimi mesi, l'Europa laica e liberale, di fronte all'intensificarsi dei tragici attentati, dei sempre più massicci flussi migratori provenienti dalle incendiarie coste libiche, in aggiunta agli impietosi dati statistici sul pesantissimo inverno demografico che attende il nostro continente, si è infatti trovata di fronte ad un'accesa e paradossale discussione in merito alla "tollerabilità" di alcuni diritti sociali costitutivi dell'Islam. Tra questi, in particolare, il diritto alla poligamia e il diritto ad indossare il cosiddetto "burkini" sulle spiagge europee.

LA POLEMICA SULLA POLIGAMIA
A far scoppiare il caso sulla poligamia è stato Hamza Roberto Picardo il fondatore dell'Ucoii, l'Unione delle Comunità islamiche, il quale, il giorno della celebrazione della prima unione gay a Palazzo Reale da parte del sindaco di Milano Beppe Sala, ha così commentato su Facebook: "Se è solo una questione di diritti civili, ebbene la poligamia è un diritto civile". «I musulmani - ha aggiunto Picardo - non sono d'accordo neppure sulle unioni omosessuali e tuttavia non possono che accettare un ordinamento che le ha consentite. Il problema è che se le convinzioni etico e spirituali delle persone non hanno titolo d'interdizione nella sfera pubblica, allora non si capisce perché una relazione tra adulti edotti e consenzienti possa essere vietata, di più, stigmatizzata, di più, aborrita».
La dichiarazione del rappresentante dell'Ucoii ha immediatamente suscitato un fiume di prevedibili sdegnate reazioni, come quella del senatore del PD Luigi Manconi. [...] Il fatto non tollerabile evidenziato da Manconi sarebbe lo stato di diseguaglianza in cui si verrebbe a trovare la donna all'interno di una relazione poligama, una disparità nei suoi confronti inaccettabile, da rifiutare senza indugio. [...]

LA POLEMICA SUL BURKINI


Il secondo "tormentone" di questa estate 2016 è stato il "si o no" al burkini, vocabolo ibrido tra burqa e bikini con il quale viene indicato il particolare costume da bagno per le donne musulmane, ideato nel 2000 da una stilista australiana di origini libanesi, che lascia scoperti solo viso, mani e piedi.
A scatenare l'infuocato dibattito sono stati i divieti di indossarlo istituiti da alcuni sindaci della Costa Azzurra e della Corsica, intenzionati con le loro decisioni a dare un messaggio forte alla comunità musulmana.
Contro il burkini si è schierato anche lo stesso primo ministro francese Manuel Valls, definendolo "incompatibile con i valori della Francia" in quanto "espressione di un'ideologia basata sull'asservimento della donna". [...]

RELATIVISMO E LAICITA', LE DUE ANIME DELL'OCCIDENTE DECADUTO
Gli accesi dibattiti attorno poligamia e burkini di queste settimane suggeriscono alcune riflessioni.
La discussione sul diritto alla poligamia e quella sulla messa la bando del burkini hanno fatto emergere le due anime contrapposte dell'Occidente contemporaneo: l'anima relativista e libertaria e l'anima laicista e ugualitaria.
La prima in nome del liberalismo e dell'autodeterminazione della donna, abituata in Occidente a disporre senza limiti del proprio corpo, sente di non poter "proibire" alla donna la libertà di scelta di intraprendere una relazione poligama o di coprire il proprio corpo dove, quando e come crede.
La seconda anima, emblematicamente incarnata dalla laicité francese, applicando il secolarismo di Stato, rifiuta per principio qualsiasi simbolo che richiami una qualche appartenenza religiosa.
Per uscire dall' angusto ed imbarazzante vicolo cieco, che vede l'Islam mettere in crisi il decantato pluralismo occidentale, la via di fuga, ben espressa dal senatore Manconi, è quella di passare con un agile balzo dall'ideologia liberale a quella egualitaria, affermando che "la parità tra i sessi e la tutela della dignità contro ogni discriminazione, costituiscono un diritto fondamentale della persona, che è (proprio per questo) non disponibile. Ovvero, un diritto non alienabile (e non limitabile, modificabile o cedibile) persino da parte del suo stesso titolare. Un diritto, cioè, sottratto ad ogni potere dispositivo: fosse anche quello del suo stesso beneficiario (…)".

DA VOLTAIRE (LIBERALISMO) A ROUSSEAU (EGUALITARISMO)
Vista la mala parata del liberalismo sfrenato ci si rifugia nell'egualitarismo radicale. Da Voltaire si passa a Rousseau. Liberalismo ed egualitarismo mostrano così di essere frutto dello stesso albero. Il passaggio dal primo al secondo non è altro che una tappa del processo rivoluzionario descritto dal pensatore cattolico brasiliano Plinio Corrêa de Oliveira (1908-1995): «Quando la Rivoluzione si rese conto che, se si lasciano liberi gli uomini, diseguali per le loro attitudini e la loro volontà di impegno, la libertà genera la diseguaglianza, decise, in odio a questa, di sacrificare quella. Da ciò nacque la sua fase socialista. Questa fase ne costituisce soltanto una tappa. La Rivoluzione spera, al suo termine ultimo, di realizzare uno stato di cose in cui la completa libertà coesista con la piena uguaglianza. Così, storicamente, il movimento socialista è un semplice compimento del movimento liberale».
L'attuale scontro culturale attorno ai presunti "diritti" della comunità musulmana mette in luce la debolezza dell'impianto relativista sulla quale è stata costruita la società occidentale. L'odierna politica occidentale volta ad allargare all'infinito la sfera dei diritti soggettivi, se vuole essere coerente con sé stessa, non può negare la rivendicazione del diritto alla poligamia di Picardo o la richiesta di poter coprire il proprio corpo sulle spiagge europee.
La stessa "madrina" della legge sui diritti civili alle coppie omosessuali, Monica Cirinnà, ha sottolineato che, essendo la "libera scelta e l'autodeterminazione delle donne il faro guida, è giusto che la donna possa liberarsi del burkini o di altri simboli se vi è un'imposizione o un obbligo e la donna non vuole subirlo. Ma se lo indossa per libera scelta deve essere libera di indossarlo".

BURKINI VIETATO, NUDISMO PERMESSO
D'altro canto, l'Occidente che si scandalizza per le donne coperte e vieta il burkini è lo stesso che permette sulle proprie spiagge la libera esibizione di topless e nudismo integrale senza colpo ferire.
La verità sembra essere che l'Occidente secolarizzato, che ha preteso di espellere la religione da ogni ambito pubblico, rinnegando la propria identità cristiana, dopo decenni di fallimentari politiche multiculturali, si trova oggi a fare i conti con la radicata identità politico-religiosa della popolazione musulmana presente sul suo territorio.
La strategia della "mano tesa" finalizzata a favorire l'integrazione dei musulmani sul suolo europeo attraverso costruzioni di moschee ed innumerevoli concessioni dimostra nei fatti il suo disastroso fallimento. La tanto sbandierata "reciprocità" non c'è e non c'è mai stata. In cambio della nostra politica di accoglienza abbiamo ricevuto solo bombe e il più grande esodo di cristiani dal Medio Oriente della storia.
In questo contesto, il no di alcuni governanti europei alla poligamia e al burkini sembra essere una estemporanea prova di forza, fatta anche per accontentare l'esasperato elettorato, destinata a rivelarsi del tutto velleitaria, senza una autentica riscoperta e valorizzazione dell'identità e delle radici cristiane dell'Europa.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Acqua contaminata nel tuo supermercato! Ritirati 8 lotti
Acqua contaminata nel tuo supermercato! Ritirati 8 lotti
(Cagliari)
-

Il ministero della Salute ha diffuso una circolare in cui chiede il ritiro dai supermercati di alcuni lotti di acqua minerale in bottiglia perchè contaminata da Pseudomonas aeruginosa.
Il ministero della Salute ha diffuso una circolare in cui chiede il ritiro dai...

'Mi pagano 3 EURO all'ORA...e devo dire anche GRAZIE PADRONE'
'Mi pagano 3 EURO all'ORA...e devo dire anche GRAZIE PADRONE'
(Cagliari)
-

L'analisi del segretario della Nidil Cgil, Antonio Capezzuto: il sindacato non può far nulla, i lavoratori non denunciano i soprusi: troppa paura di perdere anche quel poco che hanno.
Lavoro nero? Peggio: lavoro sotto ricatto. Un esempio? Eccolo, è quello di una...

Prima gli Italiani? Una cosa NORMALE, fatta passare per un ABOMINIO...
Prima gli Italiani? Una cosa NORMALE, fatta passare per un ABOMINIO...
(Cagliari)
-

La giusta priorità: prima i connazionali poi gli stranieri, prima i vecchi e i bambini poi gli adulti, prima i capaci e i meritevoli poi gli altri, prima chi tutela l'ordine e la sicurezza poi chi li mette a rischio, prima gli onesti poi i delinquenti, pr
La giusta priorità: prima i connazionali poi gli stranieri, prima i vecchi e i...

ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?
ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?
(Cagliari)
-

La designazione dei parlamentari da parte dei leader attraverso il meccanismo delle liste bloccate equivale ad una vera e propria privatizzazione della politica nazionale.
Ci iscriviamo convintamente al partito degli scettici: il Rosatellum bis, la...


(Cagliari)
-


"La società modellata sui canoni del capitalismo, ormai globale a forza di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati