Bulgaria: la nuova meta degli italiani

FIRENZE ore 16:13:00 del 07/04/2016 - Categoria: Curiosità, Economia - Bulgaria

Bulgaria: la nuova meta degli italiani

«Sono arrivato in Bulgaria il 12 giugno 2007, prima ancora che iniziasse la crisi economica in Italia». Ma per Antonio Tutino, proprietario di un piccolo bar a Roma, era comunque arrivata, a 65 anni, l' ora di cambiar aria.

«Sono arrivato in Bulgaria il 12 giugno 2007, prima ancora che iniziasse la Crisi economica in Italia». Ma per Antonio Tutino, proprietario di un piccolo bar a Roma, era comunque arrivata, a 65 anni, l' ora di cambiar aria. «La scelta, fin dall' inizio, è stata solo per motivi economici. Nel 2006 avevo una pensione di circa 830 euro. Come avrei potuto vivere in una città come Roma, partendo da un affitto mensile di 650 euro? Anche andando a vivere in un paesino, l' impatto con la vita giornaliera sarebbe stato duro e non avrei risolto il problema.

La scelta della Bulgaria è stata, allora, casuale anche se voluta. Avevo degli amici bulgari che mi parlavano sempre della Bulgaria come di un Paese dove il costo della vita era bassissimo». Nove anni dopo Tutino si è integrato nella sua seconda patria, tanto da scrivere un libro «Scoprire la Bulgaria» e fondare un blog (http://italia-bulgariasoloandata.blogspot.com/) ricco di indicazioni utili per gli italiani che sempre più spesso chiedono notizie sulla Bulgaria, Paese che vanta una virtù assai invidiabile: una delle tassazioni più basse in Europa, con un' imposta fissa al 10% per aziende e persone fisiche.

«Con i miei mille euro di pensione qui faccio una vita dignitosa, ad un livello molto superiore della media locale». Un affitto in città non supera i 200-300 euro al mese, un chilo di carne viaggia sui 4 euro, uno di pane non supera il mezzo euro.

«In Bulgaria si vive bene» assicura Franco Tenca, rappresentante a Sofia del sito Mollotutto.com, ex camionista della Marioboselli Jersey di Sant' Omobono, che ha organizzato di recente il meeting «Pensionati organizzati all' estero», dedicato a quelli che non ce la fanno ad arrivare a fine mese.

Tenca, in pensione dal 2007 con 1.200 euro al mese, vive nella capitale, Sofia, da ottobre 2009. «Per mangiare - dice - spendiamo 300 euro in due al mese. Anche il fisco non strozza: circa il 18 per cento di tasse e il sei per cento se sei pensionato». Avanzano i soldi per le gite sul Mar Nero, in località piacevoli come Varna.

«Oggi vivo da nababbo e non più da barbone come in Italia». E la Sanità? «Posso dire - afferma Tutino - di essere entusiasta del sistema sanitario nazionale: sono stato curato in Maniera ottimale per un tumore alla vescica senza spendere un lev. Probabilmente in Italia non avrei avuto un trattamento migliore. Come pensionati, se siamo iscritti all' Aire, cioè abbiamo rinunciato alla residenza italiana per avere quella bulgara, abbiamo la possibilità di richiedere all'Inps e poi alla Asl di competenza il mod. E 121. Questo modulo viene compilato dalla Asl che lo spedisce alla omologa bulgara, che ne prende atto e consegna al pensionato un documento con il quale si ha diritto alle cure ospedaliere gratuite. Si ha diritto al medico di base, come in Italia, sempre gratuitamente. Le medicine, invece, in Bulgaria si pagano, ma costano molto meno che in Italia». E poi è sempre possibile stipulare un' assicurazione sanitaria che copra anche il rimpatrio in caso di necessità.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi

-

Per il Fondo Monetario Internazionale, l’Italia dovrebbe prioritariamente porre in essere azioni per risanare i conti pubblici
Per il Fondo Monetario Internazionale, la priorità per l'Italia deve essere il...

Voltaire? Un taccagno intollerante favorevole alla schiavitu'!
Voltaire? Un taccagno intollerante favorevole alla schiavitu'!

-

Da qualche decennio la storiografia più seria ha cominciato a mostrarci il volto nascosto dell'«apostolo della tolleranza», pur con pochi riscontri nella vulgata più comune e, in particolare, in quella scolastica.
Chi era davvero Voltaire? Il difensore intransigente della tolleranza, nemico di...

Le emozioni ci fanno ammalare?
Le emozioni ci fanno ammalare?

-

Quando parliamo di salute, uno degli aspetti più importanti dei cinque elementi riguarda le nostre emozioni. Ciò che proviamo e sentiamo può davvero farci ammalare
Quando parliamo di salute, uno degli aspetti più importanti dei cinque elementi...

Tasse su sigarette elettroniche da CAPOGIRO: ecco cosa non ti dicono
Tasse su sigarette elettroniche da CAPOGIRO: ecco cosa non ti dicono

-

Proprio non trovate che c’è qualcosa che non va? Lo stesso Stato che rende obbligatori 10 vaccini “per il bene della gente” stronca le sigarette elettroniche (che riducono del 95% i danni rispetto a una normale sigaretta) con imposte da capogiro…
Proprio non trovate che c’è qualcosa che non va? Lo stesso Stato che rende...

L'Italia spende solo l'1,5% del PIL per aiutare LE FAMIGLIE
L'Italia spende solo l'1,5% del PIL per aiutare LE FAMIGLIE

-

A quanto ammonta, in Italia, la spesa pubblica destinata alla protezione sociale di famiglie e bambini?
A quanto ammonta, in Italia, la spesa pubblica destinata alla protezione sociale...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati