Bonus Disoccupati 2017: requisiti e come fare domanda

(Genova)ore 17:18:00 del 18/11/2017 - Categoria: , Economia, Lavoro

Bonus Disoccupati 2017: requisiti e come fare domanda

Ecco una guida per ottenere i benefici riservati alle famiglie in difficoltà, che hanno diritto ad una serie di bonus disoccupati, che vengono erogati a seconda dei requisitiposseduti.

Orientarsi tra i diritti che toccano alle famiglie in difficoltà a volte risulta difficile, soprattutto per la mancata chiarezza e correttezza delle informazioni.

Ecco una guida per ottenere i benefici riservati alle famiglie in difficoltà, che hanno diritto ad una serie di bonus disoccupati, che vengono erogati a seconda dei requisitiposseduti.

Affari Miei dedica la sezione lavoro e formazione anche agli aiuti ed ai sussidi per chi ha perso l’impiego: su questa pagina vedremo, dunque, schematicamente tutte le agevolazioni previste per il 2017.

Se avete perso il lavoro, ecco tutte le prospettive di Welfare che ci sono per voi: aggiorneremo periodicamente questa pagina nel caso in cui dovessero esserci novità.

1. Assegno di Povertà (Reddito d’Inclusione)

Questo sussidio rappresenta una delle misure volte a contrastare la povertà e prevede uno stanziamento di 1,6 miliardi di euro nel 2017 e di 1,8 miliardi nel 2018.

Questo assegno di povertà o reddito di inclusione (REI) è stato pensato per sostituire l’assegno di povertà SIA (sostegno per l’inclusione attiva).

I soggetti in possesso dei requisiti possono ottenere, grazie a questa misura, un contributo economico fino a 500 euro mensili per le famiglie dai 5 componenti in su.

Come anticipato, occorrono dei requisiti per accedere a questa somma. Ad oggi sono ancora validi i requisiti validi per l’ottenimento del SIA:

  • presenza di almeno un minore nel nucleo famigliare;
  • ISEE basso (che è stato comunque aumentato a 6 mila euro);
  • assenza di contributi economici superiori a 600 euro mensili;
  • assenza di un’automobile sopra i 1300 cc per il periodo dei 12 mesi precedenti la presentazione della domanda, o moto sopra i 250 cc, immatricolati nei 3 anni precedenti la richiesta;
  • presenza di adulti disoccupati nel nucleo familiare al momento della domanda;
  • cittadinanza italiano o comunitaria, oppure presenza di un permesso di soggiorno CE da almeno 2 anni.

A quanto ammonta il sussidio di disoccupazione 2017

Per sapere a quanto ammonta il sussidio di disoccupazione, va effettuato un calcolo  sul 75% relativo alla media mensile degli ultimi 4 anni. In ogni caso, l’indennità non può superare i 1.195 euro, che è l’importo stabilito annualmente in base alla variazione dell’Indice Istat. Nel caso in cui venisse superata la cifra, al 75% andrebbe sommato il 25% della differenza tra la retribuzione media mensile e l’importo stabilito dalla legge. L’indennità sarà soggetta ad una riduzione mensile del 3% dopo il quarto mese di utilizzo del bonus.

Vengono presi in considerazione gli ultimi quattro anni lavorativi del soggetto, e l’erogazione viene effettuata per la metà di quante sono state le settimane totali in cui esso ha lavorato. Il sussidio può avere una lunghezza massima di due anni. La data di inizio varia, a seconda di quando la domanda viene inoltrata, e a seconda delle motivazioni della richiesta. Nello specifico, l’indennità spetterà dall’ottavo giorno successivo alla data in cui è terminato il rapporto di lavoro qualora la domanda sia stata presentata entro l’ottavo giorno.

Dunque spetterà: dal giorno immediatamente successivo alla presentazione della richiesta, se quest’ultima è stata presentata dopo l’ottavo giorno successivo al licenziamento, dall’ottavo giorno successivo alla fine di un periodo come la maternità, malattia o infortunio sul lavoro, solo se la domanda è stata presentata entro l’ottavo giorno, oppure, dal giorno successivo alla presentazione della domanda nel caso venisse presentata dopo l’ottavo giorno rientrando nei termini di legge.

A partire dal trentottesimo giorno successivo al licenziamento per giusta causa, è possibile ottenere il Bonus, nel caso in cui la richiesta sia stata presentata entro il trentottesimo giorno,.  Lo si otterrà, invece, dal giorno successivo alla presentazione della domanda, nel caso in cui la stessa fosse stata presentata oltre il trentottesimo giorno successivo al licenziamento.

Come fare domanda all’Inps per ottenere il Bonus disoccupati?

Per poter inoltrare la domanda ed ottenere la Nuova Assicurazione sociale per l’impiego, l’interessato dovrà, in primo luogo, entrare nel portale nazionale delle politiche del lavoro e dichiarare l’immediata disponibilità a svolgere un’attività occupazionale ed a partecipare alle misure politiche che sono state stabilite in collaborazione con i centri per l’impiego. Solo in un secondo momento, il soggetto in questione, potrà inoltrare la richiesta del Bonus Disoccupati 2017. Entro 15 giorni il disoccupato dovrà stipulare il patto di servizio personalizzato recandosi personalmente presso un centro per l’impiego.

E’ possibile accedere al sito internet ufficiale dell’Inps per compilare la domanda in via telematica. Sempre sullo stesso sito si trovano tutte le informazioni riguardanti la Naspi. Una volta cessato il rapporto lavorativo, si hanno 68 giorni di tempo per eseguire quest’operazione. Lo si può fare anche chiamando il Contact Centre al numero gratuito 803164, da rete fissa, oppure 06164164 per rete mobile. Ci si può recare presso i patronati o intermediari dell’Inps, dove sarà possibile usufruire dei vari servizi telematici ed inviare la richiesta del Bonus Disoccupati anche da li.

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Tasse su sigarette elettroniche da CAPOGIRO: ecco cosa non ti dicono
Tasse su sigarette elettroniche da CAPOGIRO: ecco cosa non ti dicono
(Genova)
-

Proprio non trovate che c’è qualcosa che non va? Lo stesso Stato che rende obbligatori 10 vaccini “per il bene della gente” stronca le sigarette elettroniche (che riducono del 95% i danni rispetto a una normale sigaretta) con imposte da capogiro…
Proprio non trovate che c’è qualcosa che non va? Lo stesso Stato che rende...

L'Italia spende solo l'1,5% del PIL per aiutare LE FAMIGLIE
L'Italia spende solo l'1,5% del PIL per aiutare LE FAMIGLIE
(Genova)
-

A quanto ammonta, in Italia, la spesa pubblica destinata alla protezione sociale di famiglie e bambini?
A quanto ammonta, in Italia, la spesa pubblica destinata alla protezione sociale...

Casalinghe in pensione a 57 anni? Ecco come fare
Casalinghe in pensione a 57 anni? Ecco come fare
(Genova)
-

La pensione per casalinghe si ottiene dai 57 anni di età e per sbloccarla bastano solo 5 anni di contributi.
CON SOLI 5 ANNI DI CONTRIBUTI LE CASALINGHE ITALIANE POTRANNO ANDARE IN PENSIONE...

Vale la pena vivere una vita dominata dal LAVORO?
Vale la pena vivere una vita dominata dal LAVORO?
(Genova)
-

Immaginatevi un mondo in cui il lavoro abbia preso il sopravvento su tutto. Le nostre esistenze graviterebbero attorno a questo nuovo centro, tutto il resto diventerebbe secondario
Immaginatevi un mondo in cui il lavoro abbia preso il sopravvento su tutto. Le...

Come Amazon uccide la dignita' dei lavoratori e l'economia
Come Amazon uccide la dignita' dei lavoratori e l'economia
(Genova)
-

Sfruttamento dei lavoratori, aumento della povertà, crisi dei piccoli negozianti, impoverimento dell’economia locale
Sfruttamento dei lavoratori, aumento della povertà, crisi dei piccoli...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati