Bonus 500 euro docenti: DIFFONDI QUESTA VERGOGNA!

(Roma)ore 12:49:00 del 14/11/2016 - Categoria: Denunce, Lavoro, Politica

Bonus 500 euro docenti: DIFFONDI QUESTA VERGOGNA!

Il bello è che tra un po' qui si riempirà di commenti di gente che sarà contenta di poter dare contro a chi non è un privilegiato pur di lasciar stare chi ci sta rubando il presente ed il futuro.

Entrando nella piattaforma che verrà segnalata dal Miur attraverso la propria identità digitale si potranno creare dei bonus fino a 500 euro. Una volta verificato il prezzo di ingresso ad un museo o quello del biglietto per uno spettacolo o una rappresentazione teatrale il docente dovrà creare un buono di pari importo per poi salvarlo sul proprio smartphone o stamparlo e utilizzarlo per acquistare libri, ingressi ai musei, comprare hardware e software nei negozi (anche online) aderenti all’iniziativa.

Sul sito sarà possibile visionare dove spendere i buoni andando a individuare tra i negozi la categoria di prodotto che serve. Così anche gli esercenti (musei, cinema, negozi) dovranno essere registrati in questa piattaforma: in questo modo gli verrà riconosciuto un credito per ogni buono riscosso in sede di fatturazione elettronica. Un sistema destinato a rendere tutto più trasparente, ma anche più complesso rispetto allo scorso anno. Dal Miur assicurano che anche nel momento in cui un professore si dovesse trovare ad un museo, per esempio, che non rientra tra gli enti registrati, è possibile effettuare il tutto in pochi minuti. Scettici i docenti più anziani non avvezzi ad utilizzare la tecnologia: per loro sarà più difficile spendere i 500 euro del bonus. Dall’altro canto in viale Trastevere sono convinti che attraverso questo metodo vi sarà la sicurezza che i soldi saranno spesi per le giuste finalità.

 

 

Danno la carità con vincoli di ogni sorta al posto dei dovuti adeguamenti salariali e del miglioramento del regime economico della classe di insegnanti più sottopagati dell'Europa. E tutto questo perché? Divide et impera. Ed il bello è che tra un po' qui si riempirà di commenti di gente che sarà contenta di poter dare contro a chi non è un privilegiato pur di lasciar stare chi ci sta rubando il presente ed il futuro. Quindi, forse, hanno ragione loro.

Comprare voti per imporre il totalitarismo della buona scuola. Fare favori alle multinazionali dell'informatica.

Un’altra novità potrebbe essere quella che da quest’anno il modo in cui i docenti spendono questi fondi possa andare a finire nel portfolio del docente. Intanto i sindacati consigliano a tutti i docenti che in queste ore sono impazienti di ricevere il bonus di attendere l’erogazione della card elettronica prima di spendere un solo centesimo.

Il decreto dello scorso anno già prevedeva l’emanazione di una carta con valore nominale, ma il governo preferì accreditare i 500 euro direttamente in banca senza emettere alcuna carta. Una soluzione per non affidare il servizio relativo alla fornitura e alla gestione della card. Ora si cambia: ogni maestro e professore a tempo indeterminato riceverà un link al quale accedere con le proprie credenziali che si potranno richiedere rivolgendosi ad uno degli identity provider: Infocert; Poste Id; Sielte o Tim. Il tutto funzionerà come il bonus 500 euro spendibile dai ragazzi nati nel 1998.

Con un anno di ritardo arriva la card elettronica per spendere i 500 euro di bonus formazione. E’ ormai questione di giorni e ogni docente potrà comprare un libro, un personal computer, fare un corso di aggiornamento o andare al cinema con dei buoni elettronici creati su una piattaforma del ministero dell’Istruzione attraverso Spid, il sistema pubblico di identità digitale. Addio al bottino che arriva direttamente sul conto corrente del professore. Addio anche alla rendicontazione cartacea, agli scontrini. Ora verrà fatto tutto in rete in modo che la rendicontazione sia immediata e vi sia un controllo della spesa.

Autore: Luca

Notizie di oggi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
FMI avverte: Italia deve aumentare TASSE su case e consumi
(Roma)
-

Per il Fondo Monetario Internazionale, l’Italia dovrebbe prioritariamente porre in essere azioni per risanare i conti pubblici
Per il Fondo Monetario Internazionale, la priorità per l'Italia deve essere il...

Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
Italia: una Repubblica fondata sulla STRAGE sul lavoro (grazie al JOBS ACT)
(Roma)
-

Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un 51enne di Isola Capo Rizzuto, e Kiriac Dragos Petru, un romeno di 35 anni, residente a Rocca di Neto, sono rimasti uccisi dal crollo di un vecchio muro di contenimento in un ca
Uno stillicidio di omicidi bianchi difficile da raccontare. Giuseppe Greco, un...

Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
Il VERO motivo per cui tutti vogliono la testa di Assad
(Roma)
-

Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e su questo non c’è alcun dubbio. Ma la sua destituzione nasconde interessi che vanno molto oltre a ciò che vuole farci credere l’informazione occidentale.
Assad è un pericolosissimo dittatore, come lo erano Saddam Hussein e Gheddafi, e...

Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
Cosenza: 'la mia casa pignorata? Finita in mano ai PM!'
(Roma)
-

La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera nello stesso circondario, quello di Cosenza.
La sua casa finisce all’asta e ad acquistarla è un magistrato onorario che opera...

Rapporto OPAC sulla Siria: Armi Chimiche INESISTENTI in quegli edifici
Rapporto OPAC sulla Siria: Armi Chimiche INESISTENTI in quegli edifici
(Roma)
-

Alcuni giorni fa USA, Francia e l’Inghilterra hanno lanciato un attacco missilistico contro alcuni obiettivi in Siria sganciando ben 105 missili tra cui missili Tomahawk lanciati dal mare e bombe Jassm lanciate dai caccia bombardieri.
L’ OPAC (Organizzazione per la proibizione delle Armi Chimiche) aveva...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati