Boldrini: perchè non ti dimetti?

(Genova)ore 09:37:00 del 17/05/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica, Sociale - Boldrini shock

Boldrini: perchè non ti dimetti?

Uno dei motivi maggiori di questa involuzione è sicuramente la crisi che sta uccidendo le famiglie,e impedisce alle nuove di formarsi, o addirittura di prendere la decisione di fare un figlio, che comporta costi, fatica, e tempo che un italiano oggigiorno

Ha fatto scalpore l’ultima uscita della Boldrini ai tg nazionali, parole che hanno in qualche modo scosso e diviso l’opinione pubblica. È un fatto risaputo che la natalità in Italia sia davvero bassa, il fatto grave è che muoiono più persone di quante ne nascano, inoltre siamo anceh il paese più vecchio d’Europa. Se poi contiamo che ogni anno all’incirca 500.000 persone lasciano il nostro paese, a conti fatti siamo un paese prossimo all’estinzione.

Uno dei motivi maggiori di questa involuzione è sicuramente la crisi che sta uccidendo le famiglie,e impedisce alle nuove di formarsi, o addirittura di prendere la decisione di fare un figlio, che comporta costi, fatica, e tempo che un italiano oggigiorno non ha davvero a disposizione. L’analisi dell’onorevole Boldrini in questo caso è stata schietta, e ha lasciato tutti di stucco! “Il nostro paese non morirà, questo flusso migratorio così importante avrà il fine di rimpiazzar echi se ne va, e chi non nasce. Sul territorio italiano si contano ormai quasi 4 milioni di bambini Immigrati, che senso ha fare figli ormai? Tanto vale adottare un immigrato, è la migliore soluzione, così si sfama un bambino(anche se di altri,e con i genitori nel paese), e si evita di andare incontro a molte complicanze! L’immigrazione salverà il nostro paese, rendendolo più ricco e multiculturale!”

Parole che hanno fatto indignare tutta l’opposizione che a gran voce dichiara “Preferiamo adottare gli italiani poveri, che non hanno da sfamarsi, e i milioni di poveri(quattro anche loro) che muoiono di fame ogni giorno, sotto gli occhi di tutti, compresa dell’onorevole Boldrini”

CONDIVIDI LA NOTIZIA!!!!!!

Autore: Luca

Notizie di oggi
Francia, maestro legge Bibbia in classe? SOSPESO!
Francia, maestro legge Bibbia in classe? SOSPESO!
(Genova)
-

Un insegnante francese di una scuola elementare, Matthieu Faucher, 37 anni, è stato multato e trasferito per aver osato leggere in classe alcuni passi della Bibbia e aver mostrato il capolavoro di Pier Paolo Pasolini Il Vangelo secondo Matteo
Un insegnante francese di una scuola elementare, Matthieu Faucher, 37 anni, è...

Musulmani d'Italia contro il Natale: 'URTA LA SENSIBILITA' ISLAMICA'
Musulmani d'Italia contro il Natale: 'URTA LA SENSIBILITA' ISLAMICA'
(Genova)
-

Se agli islamici non piace il Natale a noi non ce ne potrebbe fregare di meno.
Se agli islamici non piace il Natale a noi non ce ne potrebbe fregare di meno....

Poveri, i nipoti stanno peggio dei nonni: MA LA PRIORITA' DEL GOVERNO E' LA LEGGE ELETTORALE!
Poveri, i nipoti stanno peggio dei nonni: MA LA PRIORITA' DEL GOVERNO E' LA LEGGE ELETTORALE!
(Genova)
-

I figli stanno peggio dei genitori, i nipoti peggio dei nonni. In Italia la povertà tende a crescere al diminuire dell’età.
I figli stanno peggio dei genitori, i nipoti peggio dei nonni. In Italia...

Mentre SPRECHIAMO DENARO per Natale, in Africa UN VIRUS peggio della morte nera
Mentre SPRECHIAMO DENARO per Natale, in Africa UN VIRUS peggio della morte nera
(Genova)
-

Il Malawi si sta organizzando per difendersi dall’epidemia di peste dal Madagascar, come riportato dal Daily Mail, dove si evidenzia che la malattia non cessa di diffondersi su tutto il territorio dell’isola africana
Il Malawi si sta organizzando per difendersi dall’epidemia di peste dal...

L'Euro e' una FOLLIA! LO DICEVA DRAGHI PRIMA DI DIVENTARE MASSONE
L'Euro e' una FOLLIA! LO DICEVA DRAGHI PRIMA DI DIVENTARE MASSONE
(Genova)
-

La notizia è di quelle clamorose: anche Mario Draghi giudicava l’euro una sciocchezza economica.
Erano gli anni Settanta ed il futuro presidente della Bce, allora studente di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati