Boldrini: perchè non ti dimetti?

(Milano)ore 23:39:00 del 08/05/2016 - Categoria: Denunce, Politica - Laura Boldrini immigrati

Boldrini: perchè non ti dimetti?

Non siamo più in grado di gestire un fenomeno che fa parte del vivere, della nostra storia e del futuro“.

“I muri e i fili spinati – ha aggiunto – sono una grande sconfitta della politica”. “L’Europa – ha sottolineato Boldrini – oggi sta dando il peggio di sé, e sta perdendo la propria identità”. “È incapace – ha concluso – di dare risposte perché succube di alcuni egoismi e di alcuni Stati, e rischia di disintegrare il più grande progetto politi dalla seconda guerra mondiale a oggi”.

“Mai come quest’anno la Giornata internazionale del Migrante assume un significato particolare in Italia e in Europa. La mobilità forzata di milioni di persone – provocata da guerre e persecuzioni – e l’uManissima scelta di cambiare Paese in cerca di un futuro migliore per sé e per i propri familiari sono diventati tema dominante del dibattito pubblico, anche in conseguenza delle speculazioni imbastite dai professionisti della paura. E’ una discussione di grande importanza per il presente e il futuro delle nostre societa’, che merita di essere ancorata ad elementi razionali e non soltanto agli allarmi interessati”. Lo ha affermato Laura Boldrini, presidente della Camera dei deputati nel suo intervento al convegno “Immigrazione: un’opportunità economica”, spiegando che il contributo dei migranti non è solo economico.

Chi oggi vorrebbe costruire muri – ha aggiunto Boldrini – oltre a violare principi e valori iscritti nel diritto internazionale, nei Trattati europei e nelle Costituzioni nazionali, agisce anche contro gli interessi demografici ed economici del proprio Paese. Dimentica infatti che, senza i rifugiati ed i migranti, tra qualche decennio i Paesi europei saranno abitati da anziani per i quali nessuno potra’ garantire una pensione; e che il contributo dei migranti al Pil italiano nel 2013 è stato dell’8,8%, con un saldo positivo tra quanto versato dai migranti alle casse dello Stato e quanto speso per l’immigrazione di oltre 3 miliardi di euro”.”Ma il contributo dei migranti non è solo di tipo economico – sottolinea Boldrini – Implica contatti e scambi di culture, di tradizioni, di gusti, di musiche: quell’insieme di relazioni che fa più ricca la vita degli individui e di una societa’”.

Ultima sparata della Boldrini: “Gli Immigrati sono parte della nostra storia e del nostro futuro”

Per la presidente della Camera, Laura Boldrini, affrontare il fenomeno dell’immigrazione costruendo “muri e barriere” equivale a sventolare “bandiera bianca: cioè – ha detto parlando agli studenti oggi a Bari – vuol dire che ci stiamo arrendendo. Non siamo più in grado di gestire un fenomeno che fa parte del vivere, della nostra storia e del futuro“.

Autore: Alberto

Notizie di oggi
I PESTICIDI FANNO PARTE DI TE! ECCO QUANTI NE INGERISCI OGNI GIORNO
I PESTICIDI FANNO PARTE DI TE! ECCO QUANTI NE INGERISCI OGNI GIORNO
(Milano)
-

Quanti pesticidi ci sono nel cibo che mangiamo? La famiglia D. ha deciso di scoprirlo.
Inizia così il video della seconda puntata de I pesticidi dentro di noi, una...

Quello che le TV non ti hanno detto sul PRINCIPE HARRY E LA FIDANZATA
Quello che le TV non ti hanno detto sul PRINCIPE HARRY E LA FIDANZATA
(Milano)
-

Il principe inglese Harry Windsor si sposa. Sì, l'altro figlio di Carlo principe di Galles e Diana, quello rosso di capelli.....
Il principe inglese Harry Windsor si sposa. Sì, l'altro figlio di Carlo principe...


(Milano)
-


E' curioso lo slancio umanitario che ha colto d'improvviso la Sinistra italiana...


(Milano)
-


La nuova rete 5G (5a generazione) è da poco diventata realtà, l'azienda di...

GOVERNO: NUOVA STANGATA SULLE PMI
GOVERNO: NUOVA STANGATA SULLE PMI
(Milano)
-

In arrivo un balzello da mezzo miliardo di euro sulle Pmi. Gli imprenditori: “Il governo ha dimenticato le aziende”
Un’altra stangata sulle piccole e medie imprese. Il governo si accanisce ancora...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati