Bike Sharing, un servizio inesistente che paghiamo a fior di milioni noi cittadini!

(Napoli)ore 19:39:00 del 05/12/2016 - Categoria: , Denunce, Sociale, Viaggi

Bike Sharing, un servizio inesistente che paghiamo a fior di milioni noi cittadini!

Quella delle bici è una moda. A Udine, città di 100k abitanti con un centro che a piedi si percorre da capo a capo in 20 minuti col passo di un bambino, è attivo il servizio di bike sharing. Ed è folle! A chi servono le bici pubbliche? A chi non abita in

Quella delle bici è una moda. A Udine, città di 100k abitanti con un centro che a piedi si percorre da capo a capo in 20 minuti col passo di un bambino, è attivo il servizio di bike sharing. Ed è folle! A chi servono le bici pubbliche? A chi non abita in città, perchè per i residenti è più comodo ed economico averne una propria.

Ma chi viene a Udine da fuori lo fa in macchina, e di parcheggi ce n'è interrati fino in pieno centro. Non si capisce quale distanza sarebbe utile coprire con la bici visto che in auto si arriva ovunque. Pazzesco!

La bicicletta condivisa, o bike sharing o Vélib come si dice e si pratica in Francia, è un servizio pubblico che costa caro alla collettività.

Non so come vada a Roma dove vivo e dove andare in bici è comunque a proprio rischio e pericolo con un traffico automobilistico che poco o nulla rispetta le due ruote a pedali.

Ma in base ai costi che trovate qui sotto, viene facile la battuta che accompagna questo mezzo di trasporto: hai voluto la bicicletta? E ora pedala.

M’imbatto su una pagina del quotidiano Le Monde che racconta i primi dieci anni di vita in Francia del Vélib, la bicicletta condivisa, un sistema diventato famoso a Parigi nel luglio del 2007 con20.000 mezzi messi a disposizione a fronte di un pagamento con una carta magnetica, nato però a Lione il 19 maggio del 2005.

Ebbene, dieci anni dopo, diversi sindaci fanno e rifanno conti che non tornano: a Valence, il costo annuale di Libélo è di 400.000 euro a fronte di 300 abbonati al servizio, a Pau IDECycles costa addirittura 703.000 euro a fronte di soli 400 abbonati. Più o meno 1.500 euro all’anno per bicicletta

A Parigi il Vélib sarebbe ancora più oneroso per la municipalità: secondo l’economista Frédéric Héran, autore del libro Le Retour de la byciclette, parliamo di 4.000 euro a bici all’anno. 

A fronte di abbonamenti che coprirebbero solo fra il 5 e il 10 per cento delle spese totali.

Non va meglio in America, dove secondo il consulente Russel Meddin fondatore di Bike Share Philadelphia, una bicicletta condivisa costa all’anno mediamente fra i 1.500 e i 3.000 dollari. Secondo Meddin, nel mondo sono stati soppressi una sessantina di servizi pubblici di biciclette per costi non più sostenibili da altrettante amministrazioni locali.

Che fare? Ammazziamo la bicicletta condivisa dopo tanti tentativi di uccidere i ciclisti? Credo che il trasporto pubblico cittadino non possa fare a meno di un mezzo che non inquina e che cambia il panorama urbano.

Per aumentare gli abbonati paganti di un servizio e contenere i costi, l’unica strada è investirci e migliorarlo. E naturalmente avere la forza di scommettere su un futuro diverso.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
SCATTA L'ORA X IN SICILIA: CORSA ALLE POLTRONE IN ATTO
SCATTA L'ORA X IN SICILIA: CORSA ALLE POLTRONE IN ATTO
(Napoli)
-

Siciliani, non sarete mica sorpresi ! A che cosa pensavate, quando avete messo la X sulla scheda elettorale ? Per non cambiare nulla e continuare la decadenza, la schiavitù, i voti di scambio, le mazzette..…
Siciliani, non sarete mica sorpresi ! A che cosa pensavate, quando avete messo...


(Napoli)
-


BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni...

Inquinamento: ITALIA PRIMO PAESE PER MORTI IN EUROPA
Inquinamento: ITALIA PRIMO PAESE PER MORTI IN EUROPA
(Napoli)
-

“L’Italia è il primo grande Paese europeo per numero di morti legati all’inquinamento dell’aria. Questo è quanto emerge da uno studio presentato al Senato dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, presieduta dall’ex ministro dell’Ambiente Edo Ronchi.
“L’Italia è il primo grande Paese europeo per numero di morti legati...

Morto il piu' fedele servitore dello Stato: TOTO' RIINA!
Morto il piu' fedele servitore dello Stato: TOTO' RIINA!
(Napoli)
-

I veri misteri che il capo dei capi si è portato nella tomba sono tantissimi...
Dal dicembre 1995, Riina è stato rinchiuso nel supercarcere dell'Asinara, in...

USA: ecco la PILLOLA DIGITALE che comunichera' al Sistema se l'hai assunta oppure no!
USA: ecco la PILLOLA DIGITALE che comunichera' al Sistema se l'hai assunta oppure no!
(Napoli)
-

Buongiorno, volevamo avvisarla che questo mese non riceverà lo stipendio ed è appena stato licenziato poiché sebbene in stato di malattia non ha ingerito il nostro farmaco !!!!
"Pare fantascienza ma si tratta solo di controllo globale totalitario della...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati