Bergamo notizie: Yara, la verità è nei telefonini

BERGAMO ore 22:04:00 del 03/07/2015 - Categoria: Cronaca - Bergamo

Bergamo notizie: Yara, la verità è nei telefonini

Bergamo notizie: Yara, la verità è nei telefonini. La posizione del cellulare di Yara Gambirasio potrebbe scagionare Massimo Bossetti dall'accusa di omicidio e riaprire clamorosamente il caso della giovane ginnasta uccisa nel 2010

La posizione del cellulare di Yara Gambirasio potrebbe scagionare Massimo Bossetti dall'accusa di omicidio e riaprire clamorosamente il caso della giovane ginnasta uccisa nel 2010. La Procura di Bergamo ha sempre sostenuto che il cadavere della ragazza fosse stato portato subito nel campo di Chignolo. Secondo gli avvocati della difesa del muratore di Brembate di sopra, rinchiuso nel carcere di Bergamo, il telefonino di Yara nelle ore della tragedia era altrove, di certo nella zona a nord del luogo in cui fu rapita e non a sud, dove poi è stata ritrovata.

La difesa - Racconta il settimana Oggi che lo staff di avvocati difensori di Bossetti si è avvalso di un consulente che analizzato i tabulati della Vodafone che riportano gli spostamenti del cellulare della ragazza. L'esperto Ezio Denti ha rivelato al settimanale: "Quando Yara, alle 18.29, ha ricevuto un messaggio dell'amica Martina che le chiedeva a che ora avrebbero dovuto trovarsi per la gara di ginnastica artistica della domenica successiva, il suo telefonino ha agganciato la cella che copre l'area di via Natta a Mapello. Quindi - continua Denti - era ancora vicino alla palestra. Venti minuti dopo, quando ha risposto a questo sms, il telefono di Yara ha agganciato la cella di via Ruggeri, a Brembate di Sopra". Il campo dove il corpo di Yara è stato ritrovato è a Chignolo, cioè a sud-ovest rispetto a quel punto e a circa 15 chilometri di distanza: "E la stessa cella di via Ruggeri - ha aggiunto l'esperto - viene agganciata alle 18.55 quando il cellulare della ragazza invia l'ultimo segnale, quello di spegnimento. Quindi Yara in quel momento era da tutt'altra parte".

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
La Raggi esce pulita dal caso Romeo: come volevasi dimostare, notizia di reato INFONDATA
La Raggi esce pulita dal caso Romeo: come volevasi dimostare, notizia di reato INFONDATA

-

Oggi è stato dato, alla decisione del magistrato, un rilievo minimo rispetto a quello che la vicenda ebbe al momento della sua comparsa sul palcoscenico dei media
Al di là del fatto che riguarda la Raggi, questa vicenda è solo l'ennesima prova...

Lobby delle armi esultano: record sparatorie nel 2018
Lobby delle armi esultano: record sparatorie nel 2018

-

Il 2018 potrebbe essere l’anno record per le sparatorie con conseguenti stragi di innocenti negli Stati Uniti.
Il 2018 potrebbe essere l’anno record per le sparatorie con conseguenti stragi...

Stato islamico: un progetto made in USA
Stato islamico: un progetto made in USA

-

La leggenda di al-Qaida e della minaccia del “nemico estero” è sostenuta dai media e dalla propaganda governativa.
La leggenda di al-Qaida e della minaccia del “nemico estero” è sostenuta dai...

Integrazione? Carceri Francesi OSTAGGIO DELL'ISLAM (pure le italiane)
Integrazione? Carceri Francesi OSTAGGIO DELL'ISLAM (pure le italiane)

-

In Francia la polizia penitenziaria è in sciopero per i continui e sempre più frequenti attacchi ai quali sono sottoposti i secondini per mano di detenuti islamisti.
In Francia la polizia penitenziaria è in sciopero per i continui e sempre più...

L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova
L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova

-

Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio nella sua città è stato legato mani e piedi e pestato da antifascisti con il volto coperto, nella centrale via Dante.
Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati