Banda Ultra Larga: cosa conoscere

NAPOLI ore 19:33:00 del 19/04/2016 - Categoria: Denunce, Editoria, Internet, Nuove Leggi, Politica - Banda Ultra Larga

Banda Ultra Larga: cosa conoscere

Internet è considerata un'infrastruttura..come un ponte o una strada..accessibile a tutti. VOGLIAMO INTERNET LIBERO E GRATIS PER TUTTI!!

L’Italia? Un Paese governato da COMUNISTI! Cosa c’è da sapere sul piano Banda Ultra Larga del governo Renzi? SEMPLICE! Il Governo statalizza Internet e lascia le briciole alle società private. Rientriamo sempre nella logica socialista, dove corruzione, raccomandazioni e nepotismo la fanno da padrone. E’ lo stesso discorso che vale per la scuola pubblica: un insegnante al quale è garantito uno stipendio FISSO a fine mese, non avrà MAI, e ripetiamo, MAI le motivazioni per EDUCARE seriamente i propri studenti.

Giustamente le risorse vengono concentrate nelle regioni più produttive, in effetti coerentemente con il PIL regionale. D'altra parte tra Lombardia Emilia veneto e Toscana ci sono milioni di aziende che hanno certo più bisogno di banda larga dei forestali siciliani, che probabilmente la userebbero per guardare siti xxx mentre stanno seduti al bar durante le ore di servizio (alludo per esempio ai vigili siciliani intervistati mentre erano al bar durante il turno e si dicevano non preoccupato per la stretta annunciata dal governo sui fannulloni nella PA)

Non ce la facciamo proprio più a sentire le buffonate di Renzi in giro per il mondo, sempre presente. Una cosa la può fare, ridare i soldi che le banche hanno rubato agli italiani, aumentare le pensioni minime invece continua a giocare sulla pelle degli italiani. L'italia che mostra Renzi non corrisponde alla realtà…qualcuno glielo dica.

C'era una volta una società privata che era proprietaria della rete elettrica e che con l'andare del tempo era diventata obsoleta perchè il privato non aveva investito nulla per ammodernarla e renderla efficente e la tensione di rete era di 110 volt. Che cosa fece lo Stato allora ? Statalizzò il tutto, fece nuovi impianti, costruì dighe e condotte portò la tensione a 220 volt con impianti moderni ed efficenti in tutto il territorio nazionale e il tutto a carico dei cittadini. Poi negli anni recenti lo Stato cosa fa? Privatizza Enel e così fra qualche anno, se tutto dovesse andare in rovina perchè il privato non investirà il necessario, lo Stato si dovrà di nuovo far carico di RiStatalizzare sempre a spese dei contribuenti una cosa che già era sua. Ma la storia non ci insegna niente ????

Telecom è da sempre che nicchia su soluzioni condivise per la creazione di una infrastruttura in fibra ed è anche facilmente comprensibile il perché: la rete in fibra andrà inevitabilmente a sostituire la rete in rame che è uno dei più grandi capitali di Telecom al momento. Attraverso la creazione di una propria infrastruttura in fibra, Telecom aveva come fine di replicare la propria posizione dominante agli altri operatori, che comunque non stavano facendo un granché per svilupparne una propria. Metroweb prima ed Enel ora vanno contro questa logica e gli altri operatori, fiutando l'affare (qualcuno stende la fibra per noi che dobbiamo solo rivendere commercialmente) si sono subito accodati, lasciando Telecom con il cerino in mano. Metroweb ed Enel, vuoi per questioni di dinamicità finanziaria, vuoi perché appoggiate comunque da progetti pubblici o para-pubblici le hanno rovinato i piani ed ora vedremo cosa succederà: il gigante Telecom farà buon viso a cattivo gioco e si metterà a trattare con le due società o continuerà imperterrita per la propria strada, rischiando di farsi travolgere ancora di più nel vortice finanziario? Ai posteri l'ardua sentenza.

Lo Stato non dovrebbe mai privatizzare le "Risorse strategiche" o di interesse Nazionale. Non mi pare che qual poco che è stato privatizzato abbia dato grandi risultati e l'interesse dei privati è solo il lucro. Semmai il problema Italico è trovare persone oneste e capaci di gestire in modo oculato nell'interesse della Nazione e NON dei soliti politici "mazzettari" ma per questo servirebbe un "trapianto del Sistema Stato".

Internet è considerata un'infrastruttura..come un ponte o una strada..accessibile a tutti. VOGLIAMO INTERNET LIBERO E GRATIS PER TUTTI!!

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Essere contro il SISTEMA JUVE (non antijuventino) e' una questione morale: ECCO PERCHE'
Essere contro il SISTEMA JUVE (non antijuventino) e' una questione morale: ECCO PERCHE'

-

Se davvero l’avversione per la Juve è perfino un fatto morale, un’esigenza etica – e per noi di un’altra generazione è stato come combattere tutta la vita il potere della Democrazia Cristiana – l’interrogativo che oggi si impone è se questa passione civil
È un fatto morale Se davvero l’avversione per la Juve è perfino un fatto...



-


Tante chiacchiere e chiese sempre più vuote, già pronte per essere trasformate...

Cardinale africano con MILIONI in Svizzera: come mai il Papa non fa niente???
Cardinale africano con MILIONI in Svizzera: come mai il Papa non fa niente???

-

L'Africa ha avuto ed ha la sua dose di tiranni con milioni all'estero, ultimo in data il tunisino Ben Ali che sembra abbia sistemato i fatti suoi e della moglie (famiglia Trivulsi) monopolisti per trentanni di tutte le attività remunerative esistenti in T
L'Africa ha avuto ed ha la sua dose di tiranni con milioni all'estero, ultimo in...

Lazio, messe le galline a smaltire i rifiuti umidi! SENZA VERGOGNA!
Lazio, messe le galline a smaltire i rifiuti umidi! SENZA VERGOGNA!

-

Quando si dice che la necessità aguzza l’ingegno. Non è possibile conferire l’umido in discarica?
LE GALLINE CI SALVERANNO! - IL LAZIO È SOMMERSO DAI RIFIUTI, E IL SINDACO DI...

Amministrative 2017, la Destra stravince: RENZI DIMETTITI!
Amministrative 2017, la Destra stravince: RENZI DIMETTITI!

-

Genova sarà ricordata come Bologna (1999, Guazzaloca). Ma le elezioni amministrative del 2017 potrebbero avere la stessa faccia delle Regionali del 2000, dopo le quali Massimo D’Alema rassegnò le dimissioni da presidente del Consiglio
Genova sarà ricordata come Bologna (1999, Guazzaloca). Ma le elezioni...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati