Banche: questa volta freghiamo noi a voi!

(Torino)ore 15:19:00 del 23/08/2016 - Categoria: Denunce, Economia

Banche: questa volta freghiamo noi a voi!

Postbank, il primo istituto privato per numero di clienti in Germania dopo le casse di risparmio e le popolari, ha deciso limitare fortemente l’offerta di conti a costo zero.

La mossa è gravida di conseguenze. L’irritazione tedesca per le politiche della Bce non potrà fare altro che crescere. Oltretutto l’istituto guidato da Mario Draghi sarà probabilmente un facile bersaglio polemico nel corso della campagna elettorale in Meclemburgo e a Berlino. Difficile che la Bce possa prendere nuove misure di stimolo monetario quando ormai è sotto gli occhi del tedesco medio che ormai la politica dei tassi sotto zero e del Qe penalizza il risparmio.

BANCHE, PREPARATI ALLA MAZZATA! DRAGHI E LA CULONA NE HANNO STUDIATA UN’ALTRA PER FOTTERTI! ECCO COSA ACCADRA’ PRESTO ANCHE DA NOI

Susanne Kloess, consigliere di Postbank, ha annunciato che dal primo novembre avere un conto corrente gratis sarà possibile solo per i giovani fino a 22 anni e per i clienti che hanno entrate pari ad almeno 3.000 euro al mese. La maggior parte dei correntisti Postbank (5,3 milioni di persone su un totale di 14 milioni di clienti) dovrà pagare una qualche forma di commissione.

La politica adottata dalla Bce dei tassi sui depositi sotto zero comincia a farsi sentire sul risparmiatore comune. Già Raiffeisen Gmund, un piccola banca cooperativa tedesca ha annunciato che da settembre chiederà lo 0,40% sui depositi superiori ai 100.000 euro. E oggi è arrivata la notizia bomba: Postbank, il primo istituto privato per numero di clienti in Germania dopo le casse di risparmio e le popolari, ha deciso limitare fortemente l’offerta di conti a costo zero.

PREPARATEVI A UNA NUOVA ONDATA DI ODIO CRUCCO VERSO DRAGHI – LA BANCA TEDESCA POSTBANK (14 MILIONI DI CLIENTI) COMINCERÀ A FAR PAGARE I CONTI CORRENTI ONLINE: I TASSI SOTTOZERO DELLA BCE HANNO SEGATO I MARGINI DEGLI ISTITUTI, CHE ORA DEVONO RIFARSI – SARANNO GRATIS SOLO PER I RICCHI, QUELLI CON ENTRATE MENSILI OLTRE I 3MILA EURO. GLI ALTRI DOVRANNO PAGARE, E NON POCO, PER I SERVIZI BANCARI

Per la prima volta viene introdotta una commissione base, pari a 1,90 euro, per il conto online. La commissione base per la gestione di un conto corrente più conto online sarà di 3,90 euro mentre finora bastavano entrate mensili per 1.000 euro per non pagare niente.

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Se si è sotto i 3.000 euro è anche possibile scegliere un pacchetto premium al costo di 9,90 euro al mese. A beneficiare della rivoluzione saranno solo i clienti con entrate inferiori a 1.000 euro al mese (1 milione di persone circa) che finora pagavano 5,90 euro al mese, somma che scende ora a 3,90 euro. Chi guadagna tra 1.000 e 3.000 euro al mese dovrà, invece, pagare da novembre la commissione base di 3,90 euro al mese.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
RIP sovranita' alimentare: Juncker autorizza gli Ogm nella UE
RIP sovranita' alimentare: Juncker autorizza gli Ogm nella UE
(Torino)
-

Il grosso vantaggio dell’Ue per le lobby finanziarie e industriali è che è molto più facile influenzare un potere centrale che i singoli governi dei 28 paesi membri.
JUNCKER (PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA) AUTORIZZA BEN 19 TIPOLOGIE DI ...

Insegnanti TRUFFATI da Renzi: devono RESTITUIRE gli 80 Euro!
Insegnanti TRUFFATI da Renzi: devono RESTITUIRE gli 80 Euro!
(Torino)
-

È il testo ironico, ma amarissimo, di una lettera aperta del professor Fabio Macchi pubblicata sul sito Orizzonte scuola
«A poche settimane dal voto voglio ringraziare pubblicamente Renzi e il Pd per...

Bollette della luce: ecco la cifra che dovremo PAGARE PER GLI UTENTI MOROSI
Bollette della luce: ecco la cifra che dovremo PAGARE PER GLI UTENTI MOROSI
(Torino)
-

L’AEGSI HA EMESSO UNA DELIBERA CHE PREVEDE IL RECUPERO DELLE MOROSITÀ DERIVATE DALLE BOLLETTE DELLA LUCE NONO PAGATE, A CARICO DI TUTTA LA COLLETTIVITÀ.
L’AEGSI HA EMESSO UNA DELIBERA CHE PREVEDE IL RECUPERO DELLE MOROSITÀ DERIVATE...

Italia in declino da 25 anni: le PRIVATIZZAZIONI hanno ucciso il Paese
Italia in declino da 25 anni: le PRIVATIZZAZIONI hanno ucciso il Paese
(Torino)
-

E’ opinione diffusa tra gli accoliti della sinistra italiana che i mali economici del Belpaese siano stati in larga misura acuiti e creati dai governi presieduti da Silvio Berlusconi.
E’ opinione diffusa tra gli accoliti della sinistra italiana che i mali...

In pensione con soli 5 anni di contributi? TUTTO PERMESSO...MA AGLI IMMIGRATI!
In pensione con soli 5 anni di contributi? TUTTO PERMESSO...MA AGLI IMMIGRATI!
(Torino)
-

Se non versano contributi per almeno 20 anni, i lavoratori italiani perdono tutto il tesoretto versato. “Gli immigrati (invece) prendono la pensione anche con cinque anni di contributi”.
Se non versano contributi per almeno 20 anni, i lavoratori italiani perdono...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati