Banche criminali: la colpa è la nostra!

(Roma)ore 07:18:00 del 01/07/2016 - Categoria: Denunce, Economia

Banche criminali: la colpa è la nostra!

Gli italiani alle amministrative hanno dato un segnale di cambiamento: vogliono che si pensi ai loro interessi, non a quelli delle lobby e dei banchieri

Con un decreto vogliono consentire alle banche di espropriare più facilmente i capannoni e i beni di piccole imprese italiane e artigiani.Favore alle banche

In più, oltre al danno per le attività economiche, ecco la beffa per i risparmiatori colpiti dal ‘salva-banchieri‘: rimborsi automatici non per tutti gli obbligazionisti e solo fino all’80%. Gli altri? Dovranno ricorrere agli arbitrati dell’Anticorruzione di Cantone secondo una procedura che ancora nemmeno si conosce.

E’ così che si pensa di favorire il credito alle Pmi? Stringendo loro un cappio intorno al collo? Stiamo parlando di quelle stesse imprese che poi hanno enormi difficoltà a recuperare in tempi brevi i loro crediti (soprattutto verso la Pubblica Amministrazione).

Gli italiani alle amministrative hanno dato un segnale di cambiamento: vogliono che si pensi ai loro interessi, non a quelli delle lobby e dei banchieri. Il Pd se ne frega e continua a fare favori alle banche ai danni dei cittadini, in questo caso dei piccoli imprenditori. Con un decreto vogliono consentire alle banche di espropriare più facilmente i capannoni e i beni delle piccole imprese italiane. Prima era arrivato dal governo l’esproprio rapido forzato delle abitazioni dei cittadini che ritardano con le rate del mutuo. Ora lo stesso meccanismo si estende ai capannoni e agli asset strumentali delle aziende, prese per il collo dagli istituti che erogano loro dei prestiti. Il governo costringe a occuparsi dell’ennesimo decreto a favore delle banche mentre nulla viene fatto per i dieci milioni di italiani in povertà.

http://misteri.newsbella.it/il-pd-fa-lennesimo-regalo-alle-banche-espropri-piu-facili-contro-artigiani-e-piccole-imprese/

 discutere perché in commissione Finanze, alla Camera, stanno ghigliottinando i tempi di analisi degli emendamenti e si preparano ad azzerare le prerogative del Parlamento con l’ennesima fiducia che serve a coprire le schifezze contenute nel testo. Basteranno nove mesi dopo tre rate non pagate e la banca potrà portarsi via il capannone: una vergogna che loro chiamano “patto marciano”. Inoltre, basterà un inadempimento che sarà deciso dalla banca nel contratto di finanziamento e l’istituto potrà anche prendersi macchinari, brevetti, scorte di magazzino o altri beni mobili non registrati dell’imprenditore. Uno scandalo che loro chiamano “pegno non possessorio”.

Il fatto che una banca possa prendersi un bene a sua discrezione, e senza passare dalla vendita in tribunale, è una gran porcata. Ecco il perchè: Un imprenditore che vuole acquistare un capannone e chiede un finanziamento alla banca, difficilmente si vedrà finanziato un importo superiore al 50% del valore immobiliare quindi, la banca finanzia il 50% avendo però una ipoteca del 100% sull'intero immobile (comodo no?). L'imprenditore a quel punto, iniziando a pagare il mutuo, non restituisce effettivamente l'importo prestato, ma restituisce gli interessi calcolati sull'intero importo in base al piano di ammortamento (la banca chiama questa prassi "MUTUO ALLA FRANCESE"). Quindi se il mutuo era di venti anni, dopo 10 anni gli interessi sono stati in maggior parte già restituiti e la banca potrà dire che il debito residuo è alto (bello no?). A quel punto, se l'imprenditore, per difficoltà, non paga più le rate e la banca può prendersi l'immobile e venderlo direttamente (senza passare dal tribunale), potrà venderlo anche solo alla cifra residua di mutuo, perchè per la banca l'importante è rientrare.  A quel punto avremo che un immobile che ad esempio valeva 1000, ed è stato finanziato per 500, ed in 10 anni è stato versato la metà del mutuo, potrebbe essere venduto, dalla banca, per rientrare, anche solo a 300. E qui "C'E' IL TRUCCO"! La banca, per rientrare, può vendere al prezzo minimo ad una società "AMICA" o DEGLI AMICI" (del quartierino): la società acquirente, una volta svincolata dalle procedure che riguardavano esclusivamente la banca e l'imprenditore, potrà vendere il bene al prezzo di maggior profitto con delle notevoli plusvalenza, senza che all'imprenditore originario vada neanche un euro. Ecco perchè è una "PORCATA", tutto questo viene fatto per poter, di fatto, lucrare su chi, per i problemi creati da scelte politiche scellerate ha scommesso tutto sul proprio lavoro. In qualità di operatore del settore posso dire che questa è una legge capestro (usurai?).

Autore: Carla

Notizie di oggi
RIP sovranita' alimentare: Juncker autorizza gli Ogm nella UE
RIP sovranita' alimentare: Juncker autorizza gli Ogm nella UE
(Roma)
-

Il grosso vantaggio dell’Ue per le lobby finanziarie e industriali è che è molto più facile influenzare un potere centrale che i singoli governi dei 28 paesi membri.
JUNCKER (PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA) AUTORIZZA BEN 19 TIPOLOGIE DI ...

Insegnanti TRUFFATI da Renzi: devono RESTITUIRE gli 80 Euro!
Insegnanti TRUFFATI da Renzi: devono RESTITUIRE gli 80 Euro!
(Roma)
-

È il testo ironico, ma amarissimo, di una lettera aperta del professor Fabio Macchi pubblicata sul sito Orizzonte scuola
«A poche settimane dal voto voglio ringraziare pubblicamente Renzi e il Pd per...

Bollette della luce: ecco la cifra che dovremo PAGARE PER GLI UTENTI MOROSI
Bollette della luce: ecco la cifra che dovremo PAGARE PER GLI UTENTI MOROSI
(Roma)
-

L’AEGSI HA EMESSO UNA DELIBERA CHE PREVEDE IL RECUPERO DELLE MOROSITÀ DERIVATE DALLE BOLLETTE DELLA LUCE NONO PAGATE, A CARICO DI TUTTA LA COLLETTIVITÀ.
L’AEGSI HA EMESSO UNA DELIBERA CHE PREVEDE IL RECUPERO DELLE MOROSITÀ DERIVATE...

Italia in declino da 25 anni: le PRIVATIZZAZIONI hanno ucciso il Paese
Italia in declino da 25 anni: le PRIVATIZZAZIONI hanno ucciso il Paese
(Roma)
-

E’ opinione diffusa tra gli accoliti della sinistra italiana che i mali economici del Belpaese siano stati in larga misura acuiti e creati dai governi presieduti da Silvio Berlusconi.
E’ opinione diffusa tra gli accoliti della sinistra italiana che i mali...

In pensione con soli 5 anni di contributi? TUTTO PERMESSO...MA AGLI IMMIGRATI!
In pensione con soli 5 anni di contributi? TUTTO PERMESSO...MA AGLI IMMIGRATI!
(Roma)
-

Se non versano contributi per almeno 20 anni, i lavoratori italiani perdono tutto il tesoretto versato. “Gli immigrati (invece) prendono la pensione anche con cinque anni di contributi”.
Se non versano contributi per almeno 20 anni, i lavoratori italiani perdono...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati