Auguri Giampiero Ventura

(Milano)ore 21:01:00 del 07/07/2016 - Categoria: Calcio

Auguri Giampiero Ventura

Per la continuità tattica, visto che i suoi principi sono simili a quelli di Conte al di là del sistema di gioco.

Senza trascurare che Ogbonna è già stato allenato e valorizzato da Ventura. Idem per Zappacosta e Benassi, candidati a integrare un centrocampo che ovviamente sarà fondato, una volta recuperati dai rispettivi infortuni, su Verratti e Marchisio.

L' inizio sarà in salita: la Francia, in amichevole a Bari, il primo settembre; l' esordio ufficiale nelle qualificazioni Mondiali quattro giorni dopo a Haifa contro Israele e poi il 6 ottobre, allo Juventus Stadium, la rivincita contro la Spagna.

Ventura dovrà partire forte. La prima mossa sarà firmare il contratto biennale sino a Russia 2018. Poi il 18 luglio, forse a Coverciano, sarà presentato direttamente dal presidente Tavecchio. Il nuovo allenatore non farà rivoluzioni. Continuità è la parola d' ordine, anche nel sistema di gioco, il 3-5-2 contiano.

E ora toccherà a Giampiero Ventura. Ripartire da dove Antonio Conte è definitivamente decollato, la Spagna, e poi si è fermato: il 3-5-2 e un serbatoio di energie - non fisiche - sempre a rischio di spia accesa. E' il momento del nostro calcio: un buon Europeo non può farci dimenticare che tende a lampeggiare in rosso. E il nome del neo c.t., che sarà presentato il 18 luglio, tanto più ora va letto come scelta per quanto possibile non traumatica. Per la continuità tattica, visto che i suoi principi sono simili a quelli di Conte al di là del sistema di gioco.

UN MIX

La missione di Ventura non sarà gratis - ed è bene che questo sia chiaro da subito - nel senso che il primo step è già una salita ad alto indice di difficoltà: mettere in tasca il pass per il Mondiale. Con la Spagna come rivale nelle qualificazioni. La Roja non sarà la prima avversaria in ordine cronologico (il debutto sarà in Israele, dopo un' amichevole ad inizio settembre contro la Francia), ma al di là dell' Europeo deludente e della sconfitta incassata con noi, resta la più qualificata di un girone che comunque non sarà una passeggiata nel suo complesso: pure l' Albania non è avversaria da sottovalutare e arrivare secondi non dà la garanzia di essere in Russia nel 2018.

Nella filosofia dell' ex granata i vecchi non dovranno essere un peso, ma una risorsa. Facile pensare che mollerà Thiago Motta, ma De Rossi dovrebbe rimanere in attesa del recupero fisico di Verratti e Marchisio. E la prima telefonata la farà a Barzagli nel tentativo di convincerlo a rimanere nel gruppo almeno per un' altra stagione, in modo da far crescere i difensori del futuro: Rugani e Romagnoli. Anche Buffon, che vuole arrivare sino al sesto Mondiale come nessun altro prima di lui, resterà. In difesa Bonucci e Chiellini sono intoccabili, sarà promosso Ogbonna mentre è probabile il recupero di Ranocchia, se l' interista troverà una squadra per giocare con continuità.

1 OK, SIAMO STATI ELIMINATI CON ONORE MA ANCHE STAVOLTA VINCIAMO LA PROSSIMA VOLTA 2 IN PIU’ CONTE SALUTA E SE NE VA AL CHELSEA E LE COLONNE DELLA NAZIONALE, DA BUFFON A BARZAGLI FINO A DE ROSSI, SONO A FINE CICLO MENTRE ALTRI (CHIELLINI, PAROLO, THIAGO MOTTA E GIACCHERINI) HANNO PIU' DI 30 ANNI. ALLORA DA DOVE RIPARTIRE? E CON CHI? 3 VENTURA DOVRA’ RIFONDARE LA SQUADRA PARTENDO DA BONUCCI, VERRATTI, MARCHISIO, INSIGNE E FLORENZI. IL FUTURO E’ NELLE MANI DI DONNARUMMA, IN RUGANI, ROMAGNOLI, BELOTTI E BERARDI. E POI CI SONO ZAZA, EL SHAARAWY, DE SCIGLIO, DARMIAN E IMMOBILE 4 TUTTE LE IPOTESI (E I PROBLEMI) DEL NUOVO CICLO AZZURRO VERSO I MONDIALI DEL 2018

È già l' ora di Giampiero Ventura. Dai Bianchi di Germania, l' amaro tramonto di Antonio Conte, al Bleu francese. A fine agosto comincerà un' altra avventura per l' Italia.

La chiave della nuova Nazionale saranno gli esterni d' attacco, secondo il pensiero di Ventura mai così abbondanti. Da Bernardeschi a Berardi, che hanno fatto coppia fissa nella Under 21 di Gigi De Biagio, senza trascurare Florenzi, Insigne e El Shaarawy, rilanciando Gabbiadini, recuperando Sansone del Sassuolo e Alessio Cerci che con il nuovo stratega azzurro ha dato il meglio di sé prima a Pisa e poi nel Torino.

Anche per questo Ventura non ha in mente rivoluzioni traumatiche. Partirà con il 3-5-2, ma senza sconfessare la propensione già educata da Conte a cambiare atteggiamento, eventualmente anche a gara in corso. Una squadra mutevole in 3-4-3 (possibile con Verratti e Marchisio, come da progetto abortito dal suo predecessore per forza di cose) o addirittura in 3-3-4.

Ma comunque partendo da un presupposto: il c.t. sceglierà l' abito migliore anche in base agli uomini che dovranno metterlo. Il progetto è miscelare il nucleo collaudato con alcuni giovani da inserire gradualmente: dunque la continuità di Ventura, almeno inizialmente, non sarà solo tattica, ma anche di uomini.

A cominciare dalla difesa e a cominciare da Barzagli: il neo c.t. spera di convincerlo a continuare, come ha già deciso di fare Buffon. Il portiere potrà essere un maestro per Donnarumma, già prima dell' Europeo in odore di entrata nel gruppo. Così come il centrale, assieme agli altri due «bastardi» Bonucci e Chiellini, potrà «accompagnare» non solo Rugani, ma anche Romagnoli.

E perché sono state riconosciute all' uomo e all' allenatore qualità importanti. Per investire su giovani che possano rappresentare perlomeno un inizio: di un ricambio che ora, per effetto dell' avventura francese, sarebbe sbagliato non ritenere più inevitabile e irrinunciabile. E soprattutto per gestire un momento (non solo di trapasso) molto delicato. In questo senso per Ventura il tramonto dell' ipotesi Lippi d.t. è stata una notizia sgradita almeno quanto inattesa: al di là dell' amicizia personale fra i due, l' ex c.t. era visto anzitutto dal diretto interessato come il miglior «compagno di viaggio» possibile per questa avventura.

http://www.dagospia.com/rubrica-30/sport/ok-siamo-stati-eliminati-onore-ma-anche-stavolta-vinciamo-prossima-127973.htm

IL PASS

Tra gli esterni bassi resteranno Darmian e De Sciglio, da valutare Antonelli, possibile la promozione di Zappacosta che guiderà la nouvelle vague granata composta dal centrocampista Benassi e dall' attaccante Belotti. Il centrocampo ripartirà da Verratti, appena sarà pronto. In attacco potrebbe farsi largo Pavoletti a fianco di Zaza e Immobile. Da verificare i titolari dell' Europeo, Pellè e Eder. Nei prossimi giorni, prima che Conte voli a Londra per cominciare l' avventura con il Chelsea, Ventura lo chiamerà al telefono. Un ideale passaggio di consegne. Una pagina si è chiusa. Un' altra è pronta a aprirsi.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Tutte le OMBRE del Milan ai cinesi
Tutte le OMBRE del Milan ai cinesi
(Milano)
-

I soldi che girano nel mondo del calcio sono un oltraggio all'umanità che fatica a sbarcare il lunario.
I soldi che girano nel mondo del calcio sono un oltraggio all'umanità che fatica...

MILAN FUORI DALLE COPPE: inutile la conquista dell'Europa League! Ecco perche'
MILAN FUORI DALLE COPPE: inutile la conquista dell'Europa League! Ecco perche'
(Milano)
-

Se il closing per il passaggio di proprietà dovesse slittare ancora (per ora la nuova scadenza è fissata al 14 aprile), il Milan sarà costretto a non partecipare alla prossima Europa League: una scadenza imposta dalla UEFA potrebbe rendere vani tutti gli
Se il closing per il passaggio di proprietà dovesse slittare ancora (per ora la...

Allegri vincente solo perche' ha CAMPIONI: E' Sarri che sta facendo un miracolo sportivo!
Allegri vincente solo perche' ha CAMPIONI: E' Sarri che sta facendo un miracolo sportivo!
(Milano)
-

Il calcio italiano sta attraversando un diatriba “filosofica” sul modo di affrontare le partite.
Il calcio italiano sta attraversando un diatriba “filosofica” sul modo di...

Juve, cosa rischia?
Juve, cosa rischia?
(Milano)
-

Ha cercato di fare ordine sui contatti tra presunti ‘ndranghetisti e uomini della Juventus, ma anche di limitare le sue responsabilità.
PURTROPPO LA MAFIA TENDE A INFILARSI OVUNQUE CI SIANO I SOLDI E NON SEMPRE...

Calcio e Mafia: PAROLA A DINO ZOFF
Calcio e Mafia: PAROLA A DINO ZOFF
(Milano)
-

Sempre misurato e rispettoso , mai rancoroso per le sconfitte od esaltato per le vittorie. Siamo di fronte ad una persona seria e dignitosa e le sue dimissioni da Ct dopo l'Europeo perso al Golden Gol sono state un atto di grande dignità , di rifiuto all
Sempre misurato e rispettoso , mai rancoroso per le sconfitte od esaltato per le...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati